ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
9 ore

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
9 ore

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
10 ore

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
10 ore

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
10 ore

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
10 ore

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
10 ore

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
10 ore

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
11 ore

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
11 ore

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
12 ore

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
Bellinzonese
12 ore

Un rave party techno e tekno farà ballare l’Espocentro

‘Ambiente sicuro e controllato’ spiegano i giovani organizzatori che per l’evento del 4 febbraio hanno coinvolto anche Danno.ch
Grigioni
13 ore

Tra Soazza e Mesocco risanamento A13 da 35 milioni

Cantiere al via il 30 gennaio per la durata di tre anni. Si comincia con la corsia sud-nord
Locarnese
13 ore

A Minusio una chiacchierata con Leo Critelli

Appuntamento alla Villa San Quirico: organizza l’Associazione Quartiere Rivapiana
Luganese
29.09.2021 - 17:38
Aggiornamento: 19:26

Polo sportivo di Lugano: ‘Saliamo sul treno della storia’

Il comitato di sostegno al progetto del Pse ha lanciato la campagna per il ‘Sì’

polo-sportivo-di-lugano-saliamo-sul-treno-della-storia
Ti-Press
Il comitato

A giudicare dal vasto sostegno politico, il progetto di Polo sportivo e degli eventi (Pse) previsto a Cornaredo non dovrebbe temere il voto popolare in programma il prossimo 28 novembre. Esponenti di tutti i principali partiti (fanno forse eccezione i Verdi) sono attivi nella associazione ‘Io sostengo il polo’ che ha lanciato la sua campagna in una conferenza stampa.

Il motto del comitato, presieduto da un volto noto della Rsi, Eugenio Jelmini, è quello dell’occasione da non lasciarsi sfuggire. ‘Saliamo sul treno della storia’ ha detto, ‘non esiste un piano B’ ha aggiunto riferendosi alla teoria alternativa di un nuovo progetto basato unicamente sulla parte sportiva e finanziato direttamente dal Comune, grazie ai bassi tassi di interesse oggi praticati dalle banche. Volantinaggio, presenza sulle reti sociali, cartellonistica, e aperitivi in tutti i comuni di Lugano saranno le strade con cui gli ‘amici del polo’ tenteranno di convincere gli elettori di Lugano della validità di questo progetto. Anche sportivi più o meno noti prestano il loro volto sul materiale di propaganda, al motto di ‘sì allo sport’.

Che prevede, ricordiamo, una partnership pubblico-privato volta a realizzare il nuovo stadio calcistico da 10mila posti, e un palasport dotato di una sala principale da 4mila posti (e per i concerti) nonché di altre sale per diverse attività sportive. Sono inoltre previsti zone verdi e altri stabili di carattere abitativo e commerciale, in particolare le due torri, una delle quali verrebbe ri-affittata al Comune per ospitare uffici dell’amministrazione cittadina oggi dislocati in centro. Una sorta di leasing, che avrebbe il pregio di non appesantire improvvisamente i conti della città, dilazionando sul lungo periodo i costi dell’operazione, decisamente ingenti, 167 milioni di franchi per la sola parte sportiva, con un aumento del moltiplicatore d’imposta ipotizzato di 2 o 3 punti percentuali.

Topi negli spogliatoi

Il gruppo del ‘Sì’ dunque intende controbattere punto su punto gli argomenti dei referendisti, che vertono sull’ipotesi di costruire solo, e direttamente la parte pubblica del Pse, dunque senza le torri e tutto il contestato corollario ‘bituminoso’. “Non siamo intervenuti durante la raccolta delle firme per evitare polemiche” spiega Jelmini, “ora siamo qui ad argomentare con concetti chiari in modo positivo e propositivo. Il Pse viene da lontano, dal 2012 ed è una soluzione chiara volta a riqualificare un quartiere un po’ abbandonato. Si andrà a utilizzare solo il 55% della superficie disponibile quando sarebbe stato possibile farlo in misura maggiore”. Un progetto giusto dunque, non una ‘colata di cemento’, ormai maturo a livello tecnico e politico, e che le società sportive, a Lugano ve ne sono ben 140, attendono da troppo tempo. Prima fra tutte il Football club Lugano. Michele Campana, Coo dell’Fcl. “Da sette anni chiediamo fiducia alla Lega (calcio, ndr) presentando proprio questo progetto. Se dovesse cadere in votazione popolare, con l’inevitabile slittamento di anni per un nuovo piano, il futuro del Lugano nella massima serie sarebbe seriamente messo in discussione. “Ci sono altre città che hanno l’impianto a norma ma la squadra di calcio in B. Realtà che come si può immaginare sarebbero ben pronte a soffiare il posto del Lugano in Super League. Senza contare le problematiche dell’attuale Cornaredo, ormai popolato da topi che scorrazzano pure negli spogliatoi. Situazione precaria anche per la palla a spicchi, come ripetuto dal presidente del Lugano basket Alessandro Cedraschi, che come Campana fa parte del comitato di sostegno. Anche qui si parla di palestre fuori norma ma tollerate, delle difficoltà logistiche per gli allenamenti, della convivenza con altre necessità dentro edifici scolastici, peraltro non adatti alla pratica della pallacanestro, “col fondo in tartan che fa male alle ginocchia”. Servono, dice, “luoghi che invoglino la gente a partecipare, attirino sponsor e interessi mediatici. Sono molte le attese da parte delle società sportive, dai pallavolisti alle prese con soffitti troppo bassi, ai ginnasti impossibilitati a organizzare grossi eventi, agli schermidori costretti ad allenarsi nei corridoi”.

Ma c‘è chi pure apprezza l’impatto urbanistico proposto dal Pse. Ad esempio la socialista Chiara Orelli Vassere (intervenuta come pure il leghista Andrea Sanvido e il pipidino Lorenzo Beretta-Piccoli) per sostenere il ‘Sì’ evidenziando quella che sarebbe una “ricucitura del tessuto cittadino” in quel punto “caratterizzato da un senso di incompiutezza”. “Sono favorevole al Polo proprio perché... è un polo, che può essere volano di integrazione fra generazioni, generi, ceti sociali”. Una sorta di faro insomma per evitare a Cornaredo l’effetto ‘banlieue’, una vita ai margini della grande Lugano.

Sul piano finanziario, secondo i sostenitori la soluzione ‘tipo leasing’ per 27 anni impostata con gli investitori privati di Hrs Real Estate Sa, risulta comunque preferibile a un intervento diretto del Comune, che finirebbe per divorare in gran parte le possibilità annuali di investimento, oggi 60-70 milioni di franchi all’anno. Anche l’attuale Municipio sostiene questa strada, e presenterà la propria opinione separatamente dal comitato per il ‘Sì’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved