Zurigo
1
Young Boys
0
fine
(0-0)
Lucerna
Basilea
16:30
 
Losanna
Servette
16:30
 
Milan
1
Sassuolo
3
2. tempo
(1-2)
Spezia
0
Bologna
0
2. tempo
(0-0)
Lakers
2
Ajoie
1
1. tempo
(2-1)
Zugo Academy
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
Winterthur
0
La Chaux de Fonds
4
1. tempo
(0-4)
polo-sportivo-di-lugano-forum-alternativo-si-schiera-sul-no
Si voterà il 28 novembre
Luganese
13.10.2021 - 15:270
Aggiornamento : 15:47

Polo sportivo di Lugano, Forum Alternativo si schiera sul no

La formazione prende posizione sulla votazione del 28 novembre, sostenendo che si tratterebbe di un ‘pasticcio colossale’

Dopo Mps e Verdi, anche Forum Alternativo invita a votare no al referendum del 28 novembre sul Polo sportivo e degli eventi (Pse) di Lugano. “A sentire i sostenitori del Pse – si legge in una nota –, sembrerebbe che non ci sia un piano B rispetto al progetto in votazione. Qualcuno evidentemente ha la memoria corta: un piano alternativo al progetto partorito dal Municipio nel 2020 c’è già: parliamo del progetto originale del 2013, che prevedeva solo lo stadio, il palazzetto dello sport, i servizi amministrativi (nelle due torri) e contenuti accessori (commerci e uffici)”.

“Il progetto originale del 2013 – continua il Forum –, è fondamentale per pensare Lugano come una “Città” che si estende sul Piano del Cassarate, dal centro storico e il lago, fino al cimitero e al Polo Sportivo e Culturale con il fiume Cassarate che, finalmente liberato dalle strade che lo imprigionano, diventerebbe l’asse centrale, portante, verde della ‘Città’. Il comparto a nord del cimitero, tra il Cassarate, via Sonvico e via Trevano, deve infatti rimanere riservato alle attività sportive, culturali (il Cinestar) e religiose (la chiesa del Cristo Risorto). In questo senso, è contrario a qualsiasi logica urbanistica inserirvi edifici residenziali!”. Il progetto in votazione avrebbe invece delle “assurdità urbanistiche” e la “cessione di terreni alla speculazione edilizia”, prevedendo “che gli affitti degli spazi dell’amministrazione vengano tolti alla Cassa-pensione di Lugano per assegnarli a una Cassa-pensione privata”. Il progetto in questione, per la formazione politica, sarebbe “un pasticcio colossale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved