BENCIC B. (SUI)
1
MLADENOVIC K. (FRA)
0
2 set
(6-4 : 2-0)
lugano-conti-approvati-ma-e-polemica-sugli-aiuti-covid
Larga maggioranza per i conti 2020 (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 ore

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
8 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
8 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
9 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
9 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
10 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
10 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
10 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Mendrisiotto
11 ore

Solidarit’eau, il sostegno di Stabio va all’Uganda

Comune e Aziende municipalizzate hanno deciso di devolvere il contributo all’Associazione SwissLimbs
Bellinzonese
11 ore

Il grande nord in un documentario

Appuntamento sabato 22 gennaio alle 20.30 al Cinema Leventina di Airolo
Mendrisiotto
11 ore

Riri sempre più polo dedicato agli accessori di lusso

La società di Mendrisio ha acquisito l’azienda toscana Dmc, specializzata nei componenti metallici per l’alta moda
Bellinzonese
11 ore

Riprendono gli spettacoli di Minimusica

Primo appuntamento mercoledì 19 gennaio all’oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona
Luganese
11 ore

Quando il robot te lo costruisci tu

Dal 5 febbraio a Lugano corsi per bambini dai 9 agli 11 anni promossi dall’associazione Robo-Si
Locarnese
11 ore

Brissago, sotto controllo l’incendio boschivo

Stamane ultimi lavori di bonifica da parte della decina di pompieri rimasta di picchetto. Limitati i danni alla vegetazione
Bellinzonese
13 ore

Disastro del Palasio, gli allievi torneranno in settembre

Domani a Giubiasco inizieranno i lavori per il ripristino edilizio vero e proprio che dureranno fino al 25 luglio, poi si procederà al trasloco
Ticino
15 ore

In Ticino 4 ricoveri in più in cure intense e nessun decesso

Nel nostro cantone, nelle ultime 24 ore, sono stati segnalati 1’221 nuovi contagi da coronavirus
Locarnese
16 ore

Locarno, l’Alliance ospita il fotografo Moreillon

Film e conferenza mercoledì alle 20 nella Sala congressi di Muralto
Ticino
1 gior

In Ticino 6 ricoveri in meno e nessun decesso

Sono 1’312 i contagi odierni, in ospedale restano ad oggi 167(-6) persone, di cui 15 (+1) in cure intense
05.10.2021 - 23:430

Lugano: conti approvati, ma è polemica sugli aiuti Covid

Larga maggioranza a favore del Consuntivo. La sinistra solleva però dubbi sull’azione della Città durante la pandemia. Un minuto di silenzio per Borradori.

Tempo di Consuntivo, tempo di bilanci. Se la maggior parte del Consiglio comunale (Cc) ha approvato i conti del 2020 di Lugano, l’unico centro urbano del cantone a chiudere l’anno in attivo – 1,8 milioni di franchi, contro un Preventivo che dava una perdita di 2,6 milioni –, non è mancata la discussione sull’anno pandemico. L’affondo è arrivato in particolar modo dalla sinistra. «Ci si chiede se la Città ha fatto abbastanza per sostenere i propri cittadini durante la pandemia – per il capogruppo dei Verdi Nicola Schönenberger –. Gli indipendenti sono stati fra i più colpiti e i meno sostenuti dalla crisi. A inizio pandemia, Zurigo ha elargito a ogni indipendente 2’500 franchi rapidamente. Lugano no e avrebbe potuto fare di più». «Avremmo auspicato delle iniziative più coraggiose per sostenere l’economia – ha aggiunto Edoardo Cappelletti per il gruppo Ps-Pc –. Dalla riduzione delle pigioni alla creazione di un fondo per le piccole e medie imprese: sono diverse le misure attuate in altre città, non considerate a Lugano».

‘La Città si comporta da monarca’, ‘L’ultimo re è uscito dal Municipio nel 2013’

«Rispetto a Confederazione e Cantone abbiamo un ruolo sussidiario – la replica del neosindaco Michele Foletti –. Credo che abbiamo fatto bene, in base ai dati a nostra disposizione non c’è stato un aumento significativo di povertà e di casi di esclusione. Abbiamo attivato gli strumenti a disposizione, utilizzando il regolamento sociale per aiutare le persone: a differenza di altre città svizzere non si sono viste grosse scene di disagio». Ma l’affondo della sinistra, durante la lunga discussione di entrata in materia sui conti, non si è limitato agli aiuti per la crisi Covid. «I processi democratici si sono annacquati – per Schönenberger –. Il mancato voto sull’aeroporto e la messa alla gogna, mai condannata dall’esecutivo, di chi ha espresso perplessità al Polo sportivo e degli eventi (Pse), ne sono solo due esempi. La Città si comporta da monarca, considerando l’amministrazione una corte e i cittadini sudditi. Dovrebbe essere l’esatto contrario». «È un film in bianco e nero – la replica di Foletti –, l’ultimo re è uscito dal Municipio nel 2013».

Critiche anche da Udc e PiùDonne

Come preannunciato dalle critiche, Verdi e Socialisti non hanno votato a favore del Consuntivo. I primi perché non è ancora stato presentato un rapporto sulla sostenibilità, i secondi perché ritengono insoddisfacente il cambiamento di rotta che verrebbero in materia sociale e ambientale. Cappelletti ha espresso anche una «crescente preoccupazione per la pressione sui servizi sociali. A Preventivo abbiamo chiesto di aumentare gli operatori di prossimità, a distanza di un anno è sotto gli occhi di tutti il disagio crescente dei giovani». Contrari anche PiùDonne e Udc, per coerenza con la linea politica a livello cantonale le prime e per coerenza con il voto sul Preventivo 2020 i secondi. «Sarebbero dovuti essere spesi più soldi per la comunità – ha detto Tamara Merlo – e a favore delle donne colpite dalla pandemia. L’ente pubblico deve rispettare la parità salariale e la rappresentanza delle donne negli organi dirigenziali e richiedere questo rispetto ai propri partner». «Non accettiamo le politiche di osteggiamento degli automobilisti – invece Alain Bühler –, anche perché molto del commercio cittadino sopravvive anche grazie alla facilità di raggiungimento in auto del centro».

Ppd, Plr e Lega favorevoli

Favorevoli invece gli altri partiti. Lorenzo Beretta Piccoli (Ppd), Lukas Bernasconi (Lega) e Rupen Nacaroglu (Plr) hanno sottolineato il buon risultato, ma non senza preoccupazioni: «Lugano ha reagito bene alla crisi, intervenendo laddove poteva farlo – il primo –. La diminuzione degli investimenti per ora è giustificata, ma ci aspettiamo che dal Preventivo 2022 si recuperi affinché la Città resti competitiva»; «La situazione è sotto controllo – il secondo –. Ma è importante aggiornare il piano finanziario entro il prossimo Preventivo»; «In generale la situazione è da considerarsi positiva – il terzo –, ricordiamo però che l’avanzo è causato da eventi straordinari (sopravvenienze d’imposta, contributi straordinari da parte di Ail e Casinò, ndr), quindi è opportuno avere una progettualità più sicura».

Sugli investimenti la discussione è rimandato al Preventivo 2022

La discussione si è conclusa quindi con una larga maggioranza a favore dei conti del 2020: 37 sì, 7 no e 10 astenuti. «Non solo notizie positive – ha detto però il presidente della Commissione della gestione Carlo Zoppi (Ps) –. La commissione chiede al Municipio una maggior attenzione e una maggior trasparenza nei confronti del legislativo quando si ha a che fare con superamenti di spesa. Manca, inoltre, la strategia sulla gestione del patrimonio immobiliare. Attenzione quindi a non dormire sugli allori». «Sulla trasparenza passi avanti sono già stati fatti, altri ne restano da fare – ha rassicurato Foletti –. Negli ultimi tredici anni ci sono stati ‘solo’ otto sorpassi di spesa. In ogni caso verranno presto presentati nuovi processi operativi. I conti non solo frutto di fortuna, ma anche di una strategia finanziaria portata avanti per far fronte a situazioni difficili. Sugli investimenti, la discussione è rimandata al Preventivo 2022, quando saranno presentati il piano finanziario e il piano investimenti 2022-25 e aggiornate le linee di sviluppo. Mi aspetto nella seduta di dicembre indicazioni chiare da parte del legislativo. Per quanto riguarda la strategia immobiliare, una prima parte è stata presentata e una seconda è in allestimento».

Da segnalare, infine, che la seduta è stata aperta da un minuto di silenzio per l’ex sindaco Marco Borradori. «Tutti noi abbiamo avuto modo di lavorare con Marco, chi più chi meno, e tutti siamo testimoni della sua dedizione alla città» il ricordo della presidente del Cc Tessa Prati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved