camice-e-naso-rosso-strappiamo-risate-all-ospedale
Ti-Press
Si va in scena
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso

Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
3 ore

Risanamento Ipct, i sindacati non esultano

Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
3 ore

Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista

Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
4 ore

Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa

Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Luganese
4 ore

Torricella-Taverne, il Municipio torna alla collegialità

Dopo la polemica pubblica, la segnalazione agli Enti locali e il rimpasto dicasteriale, l’esecutivo torna sulla collegialità e sulla confidenzialità
Luganese
4 ore

Ha truffato il principe di Genova, condannato a 24 mesi

La sentenza è stata emessa dalla Corte delle Assise criminali di Lugano nei confronti di un 66enne che gli ha sottratto 817mila franchi
Ticino
5 ore

Covid Pass, cinque le multe in Ticino

Sono 531 i controlli effettuati dalla polizia da quando è entrato in vigore l’obbligo del certificato nella ristorazione
Bellinzonese
5 ore

Fc Lugano femminile, 50 anni di vita racchiusa in una mostra

A Vezia giovedì 21 ottobre si inaugura un’esposizione sulla storia della squadra e le sue protagoniste
Bellinzonese
6 ore

Ppd Giubiasco e Valle Morobbia in assemblea

Appuntamento per mercoledì 27 ottobre alle 20 all’Angolo d’Incontro
Locarnese
6 ore

Moscia-Acapulco, Gordola ricorre al Gran Consiglio

Il Municipio contesta la chiave di riparto Cantone-Comuni per il finanziamento della galleria, che non godrebbe di alcun sussidio federale
Grigioni
6 ore

Santa Maria nel Parco Val Calanca? ‘Un valore aggiunto’

Stando al direttore Henrik Bang e a uno studio di fattibilità, l’estensione del perimetro valorizzerebbe il patrimonio naturale e culturale
Luganese
7 ore

Tumore al seno, sensibilizzazione alla diagnosi precoce

Incontro pubblico promosso dal Centro di senologia della Clinica Sant’Anna in occasione di ‘ottobre rosa’ il 27 ottobre
Locarnese
7 ore

Gambarogno, per quel terreno vecchi accordi troppo vaghi

Di proprietà del Comune, ospita stabili patriziali e in futuro forse sarà usato per l’ampliamento della discarica di inerti. Pronta una Convenzione
Locarnese
7 ore

Locarno, un semaforo e due taxi: la Lega interroga

Dubbi sull’utilità dell’impianto in via Franzoni e domande su tassisti provenienti da fuori città
Ticino
7 ore

Un evento per parlare di svolta energetica nei comuni

‘Un’occasione per trovare spunti innovativi’. L’incontro si terrà giovedì 21 ottobre a Giubiasco a partire dalle 13.30
Bellinzonese
7 ore

Liceo di Bellinzona, 548 allievi contro la sede provvisoria

Consegnata la petizione che chiede al Gran Consiglio di rivalutare il progetto. Preoccupano i tre anni di ‘transizione’ nei prefabbricati
Luganese
13.10.2021 - 20:500

Camice e naso rosso, ‘strappiamo risate all’ospedale’

Da oltre dieci anni l’associazione di clown dottori ‘riderepervivere’ va a trovare malati e anziani. Sabato partono i nuovi corsi di formazione.

Cercare di strappare un sorriso a chi sta vivendo un momento difficile. È la missione che da oltre 10 anni impegna i volontari dell’associazione ‘riderepervivere’, attivi come clown dottori presso ospedali e case per anziani ticinesi. A rendere famosa nel mondo questa figura, evidenziando l’importanza della salute dell’umore, è stato negli anni ’70 il medico americano Hunter Doherty “Patch” Adams, interpretato nell’omonimo film del 1998 da Robin Williams. «La nostra associazione è nata in Italia, dall’esperienza diretta dei suoi fondatori – spiega a ‘laRegione’ Roberta Pollini, membra attiva di ‘riderepervivere’ –. Si sono resi conto di quanto sia importante per il benessere di un paziente, oltre ovviamente ai medicinali, anche la cura dello spirito». Negli anni sono circa 120 i clown dottori formati nel nostro cantone, di cui una trentina attivi sul territorio.

‘Non lavoriamo solo con bambini’

Spesso associati ai reparti di pediatria, i clown dottori in realtà offrono il loro servizio a un pubblico decisamente più ampio e variegato. «È un falso mito quello che associa i clown negli ospedali unicamente ai bambini. Spesso quando entriamo in una stanza ci sentiamo dire ‘che bello siete qui per far ridere i bambini’ – racconta con un sorriso Roberta –. Non è così, noi cerchiamo di regalare un momento di gioia a tutti. Anzi, in Ticino non collaboriamo con reparti di pediatria. Anche se ci piacerebbe molto». Le principali attività dell’associazione si svolgono infatti in case di riposo per anziani o in alcuni reparti dei nosocomi ticinesi. «È importante non far sentire dei bambini i pazienti, che noi preferiamo chiamare ‘ospiti’». Al centro della scena ci sono le persone, «non bisogna immaginarsi il clown che entra in camera e fa fracasso prendendo tutte le attenzioni per sé. Bussiamo, chiediamo il permesso e, se accolti, entriamo. I protagonisti sono i nostri ospiti, con loro cerchiamo di stabilire un dialogo. È questo il segreto per far cambiare l’energia e volare, noi e i nostri ospiti, via con la mente per un momento».

‘Storie che restano nel cuore’

Reparti oncologici e cure palliative. Non sempre è facile, anche per chi lo fa di professione, relazionarsi con situazioni comunque complesse. «Credo che per fare il clown dottore bisogna avere la vocazione, sentirselo dentro», afferma la nostra interlocutrice, alla quale chiediamo anche di raccontarci come si è avvicinata a questa attività che ormai la coinvolge da circa due anni. «La parte artistica è sempre stata presente in me. Con questa attività riesco anche ad abbinarla all’aiuto verso gli altri. Sento di dare qualcosa». Qual’è invece l’aneddoto che più ti ha toccata? «Ce ne sono molti, per questo tengo aggiornato un diario. Non voglio scordarli. Uno di quelli che più mi ha impressionato l’ho vissuto nel reparto di cure palliative. Abbiamo incontrato una signora che assisteva il marito ormai morente, era disperata. Ci siamo presentate, io e la mia collega clown, come in cerca di un fidanzato, magari un bel dottore con gli occhi azzurri. Siamo riuscite a far svoltare l’energia del momento. Lei ci ha avvisato sui rischi e sull’importanza di sceglierlo giusto, anche se poi ti farà disperare comunque!».

‘Il covid ha stravolto la nostra attività’

Gli ultimi due anni sono stati segnati dalla pandemia, che ha ovviamente inciso in modo particolare su chi si trova a lavorare all’interno di strutture sanitarie. «Per noi è stato davvero triste doverci fermare con le nostre attività», ci confida Roberta che però non ha voluto fermarsi in questo periodo. «Mi sentivo triste a non poter fare qualcosa con le altre persone. Così ho pensato di lanciare il progetto pilota ‘cippelimerli c’è qualcuno alla porta’. Si tratta di andare a fare le nostre visite a domicilio, regalando alle persone un momento di allegria tra le mura domestiche». Ovviamente tutto avviene nel rispetto delle norme di protezione necessarie, con i clown dottori che si sottopongono sempre a tampone prima della visita. «Per noi cambia molto rispetto a quando ci rechiamo all’ospedale, abbiamo infatti più tempo da dedicare a un singolo ospite». L’iniziativa è ancora alle sue fasi iniziali, ma potrebbe trovare maggiore slancio in futuro.

Al via i corsi di formazione

Un aspetto al quale l’associazione tiene molto sono i corsi di formazione, dove ogni anno viene formata una decina di nuovi clown dottori. «Si tratta di un percorso impegnativo, non lo nego, ma la soddisfazione è tale da rendere un piacere portarlo a termine», confida Roberta. Proprio questo sabato partono inoltre i nuovi corsi. Maggiori informazioni si possono trovare sul sito www.riderepervivere.ch. Il percorso dura in totale un anno, con le lezioni che si svolgono nel fine settimana dove viene affrontato ogni volta un tema diverso. Si spazia dalla psicologia e l’improvvisazione teatrale fino alle sculture di palloncini e al trucco. «Quando entriamo in una stanza non abbiamo idea di cosa andremo a fare. Cerchiamo di notare i dettagli, che possono essere i capelli di una signora o la foto sul comodino, e da lì partire per fare il nostro intervento». Ogni clown, che lavora sempre in coppia con un collega, è inoltre dotato di una valigia personale dove trovano posto gli “strumenti del mestiere” come spazzole per i massaggi e ventilatori per l’aria. «Alla base di tutto resta però la relazione tra persone, spesso innescata da un semplice risata».

Ti-Press
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved