lugano-il-quartiere-maghetti-in-festa-per-il-restyling
Ti-Press
Quasi la metà degli spazi commerciali sono stati rinnovati
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
47 min

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
Locarnese
1 ora

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
Mendrisiotto
3 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
5 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
5 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
16 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
16 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
16 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
17 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
17 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
18 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
18 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
30.09.2021 - 16:28
Aggiornamento: 18:01

Lugano, il Quartiere Maghetti in festa per il restyling

Sabato è prevista una giornata di eventi fra musica, performance, degustazioni e animazione per inaugurare ufficialmente gli spazi rinnovati

A trentasette anni dalla creazione nel 1984, quella che sta vivendo in questo periodo il Quartiere Maghetti di Lugano è una rinascita. È terminato infatti il rinnovo degli spazi, non solo dal profilo tecnico ma anche contenutistico: ben diciassette nuovi commerci sono stati avviati recentemente, ossia quasi la metà del totale. E per festeggiare il riuscito restyling, che arriva dopo un periodo difficile dove non sono mancate le vetrine vuote e qualche polemica, sabato 2 ottobre è prevista una giornata di festa che prenderà avvio alle 10 con il taglio del nastro e proseguirà fino a sera fra musica e performance live, degustazioni di cibo e vini negli esercizi e animazioni varie per bambini. Sempre sabato lo shopping nei negozi del quartiere sarà più a buon mercato grazie a sconti speciali e sarà possibile partecipare a un concorso che metterà in palio dei buoni da spendere lì.

Rilancio e maggior accoglienza

«Il Maghetti non è un semplice stabile da amministrare, ma un vero e proprio quartiere dove le dinamiche sono infinite, dove le sfide sono all’ordine del giorno – ha detto durante il suo intervento il direttore della Fondazione Maghetti Riccardo Caruso –. Bisogna infatti far convivere diverse realtà che hanno interessi diversi: il commerciale, il ristorativo, l’abitativo, gli spazi pubblici di ritrovo». E pertanto, per effettuare i lavori, si è dovuto tener conto di diverse esigenze. Coniugandole con la necessità di rilanciare la zona. «Da qui è nata la convinzione che fosse necessario rendere più accogliente la galleria interna del quartiere, avviando un progetto di ammodernamento che avesse come obiettivo quello di garantire per i prossimi decenni la buona vivibilità del Maghetti – ha aggiunto il presidente della fondazione, Rinaldo Passera –, cioè che continuasse ad essere un luogo interessante da frequentare».

Via le barriere architettoniche, più luce

«Si è quindi lavorato sulle altezze delle vetrine per aumentare la percezione sensoriale dello spazio e sull’illuminazione, soprattutto nei punti deboli quali le entrate principali che erano alquanto buie – ancora Caruso –. Abbiamo inoltre cercato di rendere ancora più fluida la percorribilità interna, eliminando qualsiasi barriera architettonica, trasformando in particolare due passaggi di scale in rampe a pendenza quasi impercettibile». In piazza Maghetti è stato inoltre creato un nuovo spazio commerciale con la prospettiva di inserirvi un ristorante, all’interno dei negozi sono stati inseriti gli impianti di aria condizionata ed eliminate le plafonature. Anche in oratorio sono stati eseguiti dei rinnovamenti importanti, fra i quali una veranda che ha aumentato gli spazi da poter utilizzare per le varie attività.

Diciassette nuovi negozi

Ma il vero punto focale è probabilmente legato al rilancio della parte commerciale. Della quarantina di spazi riservati per queste attività, ben diciassette – dodici negozi interni e cinque esterni – sono nuovi. «Abbiamo avuto innumerevoli trattative (come quella sfumata con California Bakery, ndr) – ha ricordato il direttore –. Le candidature sono state davvero tante, circa 250, e costanti, anche durante lo scorso anno nonostante l’emergenza Covid, ma abbiamo voluto attendere le persone e le attività giuste per questo nuovo bel vestito che ci siamo dati». E nel nuovo Maghetti non mancano le collaborazioni col mondo accademico. Ormai più di due anni fa è stato infatti inaugurato in piazza San Rocco 3 ‘Il Litorale’, ossia un’iniziativa extra muros dell’Università della Svizzera italiana (Usi). «Spazi ridefiniti e adattati per consentire anche attività lavorative in condivisione, il cosiddetto coworking» ha spiegato il responsabile del progetto, Dimitri Loringett. E dopo il lancio e la parentesi pandemica, «Il Litorale vedrà una nuova forma di gestione degli spazi, che verrà affidata parzialmente alle associazioni studentesche dell’Usi. Il loro compito sarà quello di farlo vivere e di realizzare lo scopo prefissato in origine, ossia di far incontrare società e università, nel cuore della città di Lugano».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved