polo-congressuale-di-lugano-concorso-non-aggiudicato
Ti-Press
Una veduta dall’alto del sedime Campo Marzio nord
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
4 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
5 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
6 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
6 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
6 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
7 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
7 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
8 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
9 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
9 ore

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
9 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
10 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
10 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
10 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
10 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
Locarnese
11 ore

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
Locarnese
11 ore

Cavigliano, Re Bagulon convoca i sudditi per l’assemblea

Venerdì la Società Carnevale si riunisce nella sala comunale (inizio alle 20) per discutere anche di finanze
Locarnese
11 ore

Losone, tombola e merenda per beneficiari Avs

Domani un pomeriggio di festa organizzato dal gruppo mamme alla Fondazione Patrizia
Mendrisiotto
12 ore

Mks Pamp impegnata a ridurre l’impatto ambientale

L’azienda di Castel San Pietro, attiva nella lavorazione di metalli preziosi, mira a rispettare le indicazioni degli Accordi di Parigi
Locarnese
12 ore

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Germano Mattei: ‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’. L’esemplare aveva attaccato e ucciso 19 pecore lo scorso 26 aprile in Val Rovana.
23.09.2021 - 18:03
Aggiornamento : 18:56

Polo congressuale di Lugano, concorso non aggiudicato

Il Municipio: ‘I due gruppi non hanno rispettato le condizioni del bando’. Foletti: ‘Non è una sconfitta: potremo procedere col mandato diretto’

Inatteso e per certi versi sorprendente l’esito del concorso pubblico per la realizzazione del Polo turistico e congressuale del campo Marzio nord. Nessuno dei due partecipanti – Implenia Svizzera Sa e Gruppo Halter Ag & Swisscanto – ha rispettato le condizioni poste nel bando. Questo è il motivo per cui il Municipio di Lugano, nella seduta di oggi, ha ratificato il rapporto finale della giuria e del collegio degli esperti e non ha aggiudicato il concorso. La realizzazione era prevista a costo zero, per erario cittadino, attraverso un partenariato pubblico-privato, come ci aveva ricordato Marco Borradori nel servizio pubblicato un paio di mesi fa. I due gruppi hanno dieci giorni per eventualmente contestare la decisione dell’esecutivo cittadino.

Nuovo convegno medico internazionale

«Non è una tragedia, né una sconfitta – ha dichiarato il nuovo sindaco Michele Foletti (che entrerà formalmente in carica il prossimo 4 ottobre) –. In base alla Legge sulle commesse pubbliche, una volta cresciuta in giudicato la decisione odierna, potremo selezionare e scegliere il partner privato investitore adottando la procedura di incarico diretto». Una procedura, che potrà far storcere il naso a qualcuno, ma è perfettamente legale. Ed è motivata dalle verifiche e dagli approfondimenti effettuati che hanno dimostrato come la documentazione fosse non conforme alle condizioni contenute nel programma di concorso. Alla luce di queste manchevolezze di entrambe le proposte, sia dal punto di vista urbanistico-architettoniche che delle relative offerte economiche, è stato ritenuto che non ci fossero le basi per l’aggiudicazione del concorso. Dal canto suo, Roberto Badaracco, titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi, ha messo in evidenza come la decisione del Municipio non rappresenti la fine del progetto: «Il settore turistico-congressuale è cruciale per Lugano. Nella fase prepandemica si riuscivano a proporre 20-25 congressi all’anno, l’anno prossimo ne proporremo una quindicina, fra i quali spicca quello organizzato dalla dottoressa Silke Sillessen-Sommer, primario di oncologia all’Eoc e direttore medico scientifico dello Iosi sul tumore alla prostata che potrà ospitare fino a 1’000 persone provenienti da tutto il mondo e verrà sostenuto dalla Città. Paradossalmente, nel contesto pandemico, Lugano offre le dimensioni ideali per il settore. Dobbiamo giocare bene le nostre carte».

La Città non ha fretta

Dall’incontro con i media, non è emersa delusione né fretta di portare a termine il rinnovo del sedime occupato dai padiglioni del Conza da parte del Municipio. Al contrario. L’assenza dei requisiti per giungere a una scelta consentirà alla Città di ponderare le condizioni poste nel bando che risale a dieci anni fa, visto che nel frattempo, anche a causa della pandemia, il mercato dell’alloggio e dei congressi è mutato. «Ci viene offerta una grossa opportunità, quella di valutare i contenuti: sono davvero così necessari la sala principale in grado ospitare tremila persone e i 351 posteggi? – si è chiesto Foletti –. Faremo le nostre valutazioni con calma e “consolati” dal fatto che l’esito del concorso non preclude il buon funzionamento del padiglione Conza e del Palazzo dei congressi che non siamo obbligati a dimettere anche perché negli anni scorsi è stato ristrutturato con un investimento milionario». La Città, insomma, prende tempo e sarà difficile immaginare, in questa legislatura, l’avvio di un altro grande cantiere, dopo quello della stazione Ffs e quello che partirà per la nuova mobilità del quartiere di Cornaredo, anche per evitare il collasso del traffico privato, ha sottolineato Foletti. L’intenzione del Municipio non è però quella di mettere nel cassetto il Polo turistico e congressuale che rimane prioritario. Rispetto alla prospettiva di un mandato diretto, il futuro sindaco ha precisato che «moralmente, sarebbe più logico scegliere uno dei due partner con cui potremo affinare i contenuti».

Variante di Pr da ‘scongelare’

Il bando di concorso, per investitori e architetti progettisti, come detto, risale al 2011, mentre la seconda fase è iniziata nel 2018. Dei sette candidati qualificati nella prima fase, solo i due gruppi citati hanno consegnato offerte che sono state comunque approfondite dalla giuria e dal collegio di esperti che hanno evidenziato anche i limiti delle condizioni di concorso e le nuove condizioni quadro emerse con la pandemia da Covid-19. Nuove condizioni che hanno imposto un ripensamento dei contenuti, mentre la Città potrebbe rivedere anche la possibilità di eventualmente investire nella realizzazione del polo inizialmente previsto a costo zero. Resta peraltro da chiarire un’altra questione, quella relativa alla variante di Piano regolatore votata dal Consiglio comunale alcuni anni fa, tuttora ‘congelata’ dopo quattro ricorsi che la contestavano. Una variante che, a microfoni spenti, era stata considerata troppo vincolante e poco interessante economicamente da alcuni investitori, che hanno partecipato nella prima fase del concorso salvo poi rinunciare alla seconda. La modifica pianificatoria prevedeva, per il comparto alberghiero-residenziale, una Superficie utile lorda (Sul) del 35% (il cui 75% da inserire come residenze primarie). Il bando, lo ricordiamo, includeva svariati contenuti: un autosilo con almeno 351 posteggi, un albergo (fino a qualche anno fa si parlava di circa 220 camere) e contenuti residenziali, integrati nella seconda fase del concorso con l’obiettivo di finanziare la costruzione del polo e di evitare la creazione di un quartiere adibito esclusivamente ai congressi e al settore alberghiero. Altri contenuti possibili sono spazi commerciali, esclusi i grandi magazzini, ristoranti, bar e locali notturni e spazi dedicati allo svago, al divertimento e al tempo libero.

Le carenze riscontrate dagli esperti

Dal profilo urbanistico-architettonico, che pesava il 40% nella valutazione della proposta, i due progetti hanno reagito al contesto in maniera differenziata. Il progetto del gruppo Halter ha tentato di dare una risposta integrata, piuttosto convenzionale, al contesto mentre il progetto del gruppo Implenia ha proposto di conferire a tutto il comparto un carattere più originale. Secondo la giuria, entrambe le proposte evidenziano lacune a livello urbanistico, anche perché non creano relazioni spaziali tali da rendere il nuovo comparto un luogo aggregativo, capace di generare il valore aggiunto auspicato per il quartiere di Cassarate e per tutta la città. Rispetto agli aspetti economici, il collegio di esperti ha evidenziato gli aspetti positivi e negativi delle offerte relativi ai contenuti pubblici (centro congressi, autosilo e spazi pubblici esterni) e ai contenuti privati (albergo, commerci e residenza). Il gruppo Halter raggiunge gli obiettivi finanziari posti dal bando di concorso in merito alla realizzazione “a costo zero” dei contenuti pubblici, lo fa però con un’eccessiva quota di superfici residenziali, in contrasto con le condizioni di concorso, e con modalità di acquisizione del terreno non conformi con quanto prospettato. Sul progetto del gruppo Implenia il Collegio di esperti esprime invece importanti riserve relative alla fattibilità economica; considerato che l’offerta non rispetta gli obiettivi finanziari della Città, né evidenzia alternative di finanziamento.

Leggi anche:

Polo congressuale a Lugano, in agosto la decisione a Palazzo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
concorso lugano municipio non aggiudicato polo turistico congressuale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved