ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
5 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
6 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
8 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
8 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
9 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
10 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
11 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
11 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
12 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
12 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
12 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
12 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
12 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
12 ore

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
13 ore

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
13 ore

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
laR
 
04.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 07:45

Mimo e influencer: la doppia vita di Francesco Laganara

Il 22enne artista di strada è stato una presenza frequente nelle piazze luganesi negli ultimi mesi. Le riprese del suo tour diventeranno un documentario

mimo-e-influencer-la-doppia-vita-di-francesco-laganara
Formazione da autodidatta ed esperienza in mezza Europa

Nelle piazze e vie di Lugano, come di altre città ticinesi, è stato una presenza fissa la scorsa estate. E si è fatto notare: di mimi se ne vedono pochi. Ma è anche un influencer da 900’000 follower su TikTok. È il 22enne Francesco Laganara, soggetto di un documentario che sta girando il regista svizzero Alan Koprivec, che ne racconterà mestiere e vita.

Quando hai deciso ‘farò il mimo’ da grande?

A dodici anni ero stato a Bari per Natale e mio zio si è esibito in giochi di magia che mi hanno molto colpito. Ho quindi iniziato a interessarmi studiando da autodidatta su libri, dvd, YouTube. Man mano che imparavo ho iniziato a fare giochi di magia ai compagni di classe, ai genitori. Alle scuole superiori a Bergamo (dov’è cresciuto, ndr) ho fatto cinque anni di teatro con Walter Tiraboschi. Da lì, mi sono interessato al mimo. Mi sono interessato al mondo dell’arte da strada partecipando al Sarnico Buskers Festival (Sbf). Mi è molto piaciuto perché la gente si ferma a guardarti perché veramente ti apprezza. E poi mi piace il fatto che diventiamo tutti uguali in piazza: dal banchiere al senzatetto, siamo tutti assieme allo stesso livello per goderci un momento.

Sei diventato anche mimo da autodidatta?

Sì. Dopo il diploma da tecnico turistico, sono andato direttamente a Barcellona. Uno dei miei sogni era fare un’accademia cinematografica, ma non avevo i soldi e quindi ho iniziato da autodidatta a fare l’artista di strada. Sono rimasto lì un anno e mezzo fra il 2018 e il 2019. Andavo direttamente a fare esperienza con gli altri mimi in strada, fino ad arrivare a fare spettacoli veri e propri durante matrimoni, cene aziendali e altri eventi. Oggi sono molto contento: posso dire di aver fatto la scelta migliore. Però desidero professionalizzarmi, perché penso che faccia sempre bene aumentare le proprie competenze e imparare altri tipi di arte. Per questo a novembre mi trasferirò a Roma per frequentare un’accademia per artisti circensi che dura due anni, il 2 ottobre ho l’audizione. Andrò a studiare danza, acrobatica, molte discipline, così da diventare un artista a 360°. Una volta finita quella, il mio desiderio è andare a Parigi e frequentare l’accademia per mimi che dura tre anni.

Hai un modello di riferimento?

Non ho un artista in particolare a cui mi ispiro. Prendo spunto da tutto quello che mi circonda e cerco di riadattarlo al mio stile. Ho conosciuto e visto artisti di ogni calibro e si può imparare sempre qualcosa. La cosa più importante secondo me per fare questo lavoro, come anche in generale, è essere curiosi e avere fame di imparare perché grazie a queste due qualità puoi veramente arrivare dove vuoi.

È una scelta particolare. La tua famiglia ti ha sostenuto?

Sono nato e cresciuto in una famiglia che mi ha sempre detto che fosse giusto sperimentare. Inizialmente non erano comunque entusiasti, mi consigliavano di trovare un altro tipo di lavoro e di fare l’artista di strada come attività secondaria. Quando sono venuti a vedermi all’Sbf, dove mi sono esibito di fronte a centinaia di persone, si sono resi conto che è il lavoro che amo e che mi piace fare e che fortunatamente mi riesce bene e mi permette di vivere adeguatamente. Ormai è da sei-sette anni che giro per l’Europa.

Si guadagna bene quindi?

Dipende. Generalmente ci sono le classiche offerte che si lasciano nel cappello. Oppure, partecipando a dei festival, si viene retribuiti dagli organizzatori che garantiscono anche vitto e alloggio. Il guadagno è sufficiente per vivere: nell’arco di un paio d’ore posso guadagnare anche l’equivalente di una giornata lavorativa intera in altri ambiti. Però la preparazione è tanta, è un mestiere che bisogna saper fare e poi i guadagni dipendono anche da dove si lavora e dalla tipologia di spettatori. Il periodo di lavoro in strada va da marzo a ottobre. Fra novembre e febbraio invece lavoro prevalentemente per eventi privati come matrimoni o cene aziendali. Inoltre sono molto attivo sui social, dove faccio pubblicità e sponsoring.

La prima volta in Ticino?

Un anno e mezzo fa. Ma ho girato molto in Svizzera (Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, ndr). Mi sarebbe piaciuto venire al Lugano Buskers Festival, ma purtroppo è stato annullato a causa della pandemia. Mi sono comunque esibito molto: a Lugano in piazza Dante, via Nassa, piazza Cioccaro e poi anche al Festival del film di Locarno, dove ho conosciuto il regista svizzero Alan Koprivec, che si è interessato alla mia storia e alla mia attività ed è partito con me in tour (quindici tappe, si terminerà a fine ottobre a Palermo, ndr) e realizzerà un documentario che sarà pronto nel 2022 e ci piacerebbe presentare anche a Locarno. Con il documentario mi piacerebbe sensibilizzare le persone, vorrei che venisse riconosciuta come professione. È in atto una campagna di crowdfunding per finanziare il documentario. Il progetto si chiama ‘Social Busker’ (www.indiegogo.com/projects/social-busker).

È vero che siamo più ‘freddi’?

Quello che dico sempre è che se qualcuno riesce a fare spettacolo in Svizzera, può farlo ovunque (ride, ndr). Ma credo sia una questione di abitudine più che di cultura. Il pubblico ticinese in particolar modo è molto abituato alla tranquillità. Io faccio un mestiere un po’ inusuale, interagisco con le persone, le abbraccio, scherzo e gioco. A Barcellona, per esempio, ancor prima di iniziare lo spettacolo avevo attorno a me duecento persone solo accendendo la musica. Quando mi esibisco a Lugano vedo che la gente spesso è molto di fretta, stressata, non riesce a godersi lo spettacolo. Gli spettacoli però vanno molto bene perché ho capito l’approccio che devo utilizzare in Ticino, scegliendo un altro tipo di musica per esempio. Forse il fatto che mi vedano spesso, ha permesso di abituarsi alla mia presenza e di sciogliersi un po’ e di divertirsi.

Sei sempre ben accolto?

No. Purtroppo mi è capitato di essere spesso spintonato o insultato dalle persone, come se fossero disturbate dalla mia presenza. Reagisco facendo finta di cadere o di fare una capriola. Non si può fare altrimenti, non sarebbe professionale. Facendo il mimo, comunque, s’impara a comprendere il linguaggio non verbale e a capire con chi si può giocare e con chi no. D’altra parte, devo dire però che molte persone, soprattutto donne, mi hanno ringraziato per aver portato un po’ di sorriso e di arte in questo periodo difficile.

La giornata tipo di un artista di strada?

Mi sveglio presto per poter fare tutte quelle cose di ‘back office’ ovvero mandare mail, pubblicare contenuti social, curare la parte più amministrativa. Dopo pranzo inizio a scendere in piazza e fare spettacolo fino a quando posso. E questo dipende da diversi fattori: se c’è gente, se il tempo lo permette, se sono stanco eccetera. Il bello di questo lavoro è che non ho un capo, sono indipendente e quindi posso gestirmi il tempo come voglio. Ovviamente però se non vado a fare spettacolo non guadagno (ride, ndr)!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved