lugano-importava-banconote-false-32enne-condannato
L'imputato è stato riconosciuto colpevole anche di riciclaggio per circa 170'000 franchi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Alle medie di Camignolo a scuola... di migrazione

Due giorni per mettersi nei panni dei migranti, come pure delle figure professionali a loro contatto: resoconto delle giornate progetto di sede
Locarnese
3 ore

Terre di Pedemonte, nei nuclei storici scende la velocità

A Verscio e Cavigliano si punta alla Zona 30, mentre vari progetti accresceranno la sicurezza degli utenti deboli della strada nel comprensorio
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, una copertura mobile per 365 giorni di nuoto

La garanzia del pallone sta per scadere. Il consigliere comunale Claudio Schneeberger presenta al Municipio un’ipotesi di lavoro per la piscina
Ticino
3 ore

Caro-spaghetti & Co.: l’inflazione tocca anche il Ticino

Resta comunque inferiore rispetto all’Ue, ma alcuni beni di consumo risentono del rialzo globale. C’entrano clima, trasporti, petrolio, pandemia.
Bellinzonese
13 ore

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
14 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
15 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
15 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
10.09.2021 - 17:520
Aggiornamento : 18:16

Lugano, importava banconote false: 32enne condannato

I soldi contraffatti venivano immessi su conti privati e della società, nel frattempo chiusa. Per l'uomo pena di quindici mesi sospesi per tre anni

Sono circa 8'800 i franchi contraffatti che il 32enne condannato oggi alle Assise correzionali di Lugano ha acquistato in Italia, sotto forma di banconote in euro di vario taglio, e riutilizzato in Svizzera per scopi privati e professionali. Un raggiro che gli è costato la condanna a quindici mesi sospesi condizionalmente per tre anni.

Soldi falsi comprati a Napoli

I fatti risalgono al 2019. L'uomo si era recato dapprima nel nord della Francia per acquistare 19'000 euro in banconote contraffatte attraverso un particolare processo di sbiancamento in cambio di 10'000 euro (veri). L'operazione è tuttavia fallita perché il fornitore è scappato lasciando l'imputato con in mano un pacchetto contenente carta straccia. Un paio di mesi dopo il malaffare è invece riuscito, stavolta a Napoli, dove il 32enne ha ottenuto i già citati 7'760 euro, in cambio di 6'000 euro. Soldi ottenuti in piccoli tagli e immessi in conti privati e della società che l'uomo gestiva a Lugano con un socio d'affari, anch'esso condannato a causa dello stesso reato dal medesimo procuratore pubblico: Andrea Gianini. Una volta che il denaro falso veniva versato, e dopo aver atteso del tempo, l'imputato così come i correi prelevava soldi invece veri, utilizzandoli principalmente per pagamenti relativi all'esercizio pubblico che allora gestiva. Per questo – oltre che per importazione, acquisto e deposito di monete false e messa in circolazione di monete false –, l'accusato è stato condannato anche per truffa.

Ex hooligan

Il presidente della Corte Amos Pagnamenta ha inoltre condannato il 32enne per riciclaggio: utilizzando un conto corrente postale a nome del padre, sul quale aveva diritto di firma individuale, ha effettuato diversi bonifici – 170'000 franchi circa – di soldi di provenienza verosimilmente criminale secondo gli inquirenti e provenienti da due dubbie società. Denaro che veniva poi prelevato e consegnato a un quarto uomo che aveva il compito di trasferirlo in Italia attraverso un ufficio cambi di Chiasso. Quarto uomo che tuttavia è stato arrestato nei pressi della Posta di Lugano a giugno del 2019, permettendo così di risalire all'intreccio illecito. L'imputato, difeso dall'avvocato Pierluigi Pasi, è stato infine condannato anche per violazione di domicilio e delitto contro la Legge federale sugli esplosivi: tifoso estremista dell'Hockey Club Lugano, il giovane si è introdotto alla Cornèr Arena al termine di un incontro fra la squadra del cuore e il Lions Zurigo nonostante il divieto (tuttora in vigore) di accedere agli stadi di tutti la Svizzera. Lì ha acceso una torcia di segnalazione e l'ha lanciata in direzione della pista di ghiaccio, atto ripetuto poi la stessa sera anche all'esterno della pista.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved