ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
2 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
8 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
9 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
9 ore

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
9 ore

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
11 ore

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
11 ore

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
10.09.2021 - 17:52
Aggiornamento: 18:16

Lugano, importava banconote false: 32enne condannato

I soldi contraffatti venivano immessi su conti privati e della società, nel frattempo chiusa. Per l'uomo pena di quindici mesi sospesi per tre anni

lugano-importava-banconote-false-32enne-condannato
L'imputato è stato riconosciuto colpevole anche di riciclaggio per circa 170'000 franchi (Ti-Press)

Sono circa 8'800 i franchi contraffatti che il 32enne condannato oggi alle Assise correzionali di Lugano ha acquistato in Italia, sotto forma di banconote in euro di vario taglio, e riutilizzato in Svizzera per scopi privati e professionali. Un raggiro che gli è costato la condanna a quindici mesi sospesi condizionalmente per tre anni.

Soldi falsi comprati a Napoli

I fatti risalgono al 2019. L'uomo si era recato dapprima nel nord della Francia per acquistare 19'000 euro in banconote contraffatte attraverso un particolare processo di sbiancamento in cambio di 10'000 euro (veri). L'operazione è tuttavia fallita perché il fornitore è scappato lasciando l'imputato con in mano un pacchetto contenente carta straccia. Un paio di mesi dopo il malaffare è invece riuscito, stavolta a Napoli, dove il 32enne ha ottenuto i già citati 7'760 euro, in cambio di 6'000 euro. Soldi ottenuti in piccoli tagli e immessi in conti privati e della società che l'uomo gestiva a Lugano con un socio d'affari, anch'esso condannato a causa dello stesso reato dal medesimo procuratore pubblico: Andrea Gianini. Una volta che il denaro falso veniva versato, e dopo aver atteso del tempo, l'imputato così come i correi prelevava soldi invece veri, utilizzandoli principalmente per pagamenti relativi all'esercizio pubblico che allora gestiva. Per questo – oltre che per importazione, acquisto e deposito di monete false e messa in circolazione di monete false –, l'accusato è stato condannato anche per truffa.

Ex hooligan

Il presidente della Corte Amos Pagnamenta ha inoltre condannato il 32enne per riciclaggio: utilizzando un conto corrente postale a nome del padre, sul quale aveva diritto di firma individuale, ha effettuato diversi bonifici – 170'000 franchi circa – di soldi di provenienza verosimilmente criminale secondo gli inquirenti e provenienti da due dubbie società. Denaro che veniva poi prelevato e consegnato a un quarto uomo che aveva il compito di trasferirlo in Italia attraverso un ufficio cambi di Chiasso. Quarto uomo che tuttavia è stato arrestato nei pressi della Posta di Lugano a giugno del 2019, permettendo così di risalire all'intreccio illecito. L'imputato, difeso dall'avvocato Pierluigi Pasi, è stato infine condannato anche per violazione di domicilio e delitto contro la Legge federale sugli esplosivi: tifoso estremista dell'Hockey Club Lugano, il giovane si è introdotto alla Cornèr Arena al termine di un incontro fra la squadra del cuore e il Lions Zurigo nonostante il divieto (tuttora in vigore) di accedere agli stadi di tutti la Svizzera. Lì ha acceso una torcia di segnalazione e l'ha lanciata in direzione della pista di ghiaccio, atto ripetuto poi la stessa sera anche all'esterno della pista.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved