piscina-di-savosa-scatti-sott-acqua-a-caccia-della-luce
Difficile credere che l'immagine sia stata scattata alla piscina di Valgersa (Franco Taranto)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
26 min

In Ticino 18 contagi, 7 persone ancora ricoverate

Una classe in quarantena a Gerra Gambarogno. Da venerdi vaccinate 2’396 persone con doppia dose
Locarnese
31 min

Locarno, nuova auto-medica per il Salva

Il veicolo prioritario, destinato al Servizio specialistico, è entrato in servizio nei giorni scorsi
Mendrisiotto
33 min

A Breggia partono i lavori di pavimentazione

Da lunedì 25 ottobre al 19 novembre il cantiere lungo la via strada Növa. Disposto un impianto semaforico
Bellinzonese
1 ora

Bellinzona, ‘è giunta l’ora di aprire i negozi la domenica’

Il comandante della Polcom Ivano Beltraminelli è intervenuto all’assemblea dei commercianti innescando un interessante dibattito
Locarnese
5 ore

Tenero-Contra, ‘quel bosco non si tocca’

Il Municipio si oppone al progetto di dissodamento di un terreno sulla sponda destra della Verzasca, che dovrebbe diventare pascolo alberato
Locarnese
5 ore

Terre di Pedemonte, firme a suffragio della zona 30

Una petizione invita l’autorità ad accrescere e rivedere alcune misure di moderazione del traffico all’interno degli abitati
Ticino
13 ore

Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità

Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala
Ticino
14 ore

Fiduciari, dal Gran Consiglio un chiaro sì alla legge

Ok all’adeguamento alle norme federali. Riconosciuta la necessità di mantenere la LFid. Bertoli (Autorità di vigilanza): tutela dei clienti prioritaria
Luganese
14 ore

Monteceneri, Casa Landfogti interamente nelle mani del Comune

Sono stati accolti dal Gran Consiglio l’estinzione della demanialità e la convenzione tra Cantone e Comune sul passaggio gratuito del terreno
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Il nucleo di Ligornetto chiude. E fuori tutti in colonna

Mendrisio difende la misura, Stabio la contesta e chiede un tavolo di discussione. Intanto, c’è chi pensa di riportare al voto la popolazione
Luganese
15 ore

Referendum Pse, lo sport si mobilita a favore

Scendono in campo le 140 associazioni per rivendicare la necessità di disporre di infrastrutture adeguate e moderne
Ticino
15 ore

Maltrattamenti, il veterinario cantonale sarà parte civile

Approvato in Gran Consiglio il rapporto della Commissione giustizia e diritti
Bellinzonese
15 ore

Plr Cadenazzo, assemblea generale ordinaria

Si terrà domenica 24 ottobre alle 16 alla caserma del locale Corpo pompieri
Luganese
 
18.09.2021 - 05:300

Piscina di Savosa, scatti sott’acqua a caccia della luce

Quattro ballerine, una macchina fotografica e, sullo sfondo, luoghi della cultura: sono gli ingredienti di ’Fluttuazioni Divine’ di Franco Taranto

“Donne come dee, elementi primordiali della natura appaiono in una dimensione magica come sospesa oltre lo spazio e il tempo, immagini dipinte con la luce, in uno scenario che ne esalta la creatività di artista che sono in questo grande fotografo”. Le parole della giornalista e designer Carla Ferrari tratteggiano al meglio il servizio fotografico inconsueto e originale realizzato nella piscina Valgersa di Savosa dal fotografo luganese Franco Taranto. Un lavoro impegnativo intitolato “Fluttuazioni Divine”, realizzato dopo mesi di studio su colori, forme e volumi combinati con i tessuti e gli effetti sott’acqua. Luoghi d’eccellenza della cultura fanno da sfondo alle danzatrici, in un connubio tra moda, arte e cultura. I set ricreati sott’acqua raffigurano Louvre, Versailles, Operà di Parigi, San Pietro, il Teatro La Fenice, L’ultima Cena di Leonardo, il Teatro alla Scala e Palazzo federale. Le quattro ballerine sono Francesca Lapadula, Nancy Brusorio, Milena Crameri, Taisia Crippa mentre il ballerino Mattia Kaufmann ha interpretato Gesù nel Cenacolo. Al progetto hanno partecipato pure la designer Rosanna Stega, con Make-Up Artist di Franziska Lerch e Romina Kalsi, in tutto 12 persone a rotazione.

Solo 30 secondi per ogni immersione

Un progetto decisamente fuori dall’ordinario. Come le è venuta l’idea? «Mi sono ispirato al film ‘La forma dell’acqua’, (Benicio Del Toro; 2017) realizzato con uno stile narrativo alquanto particolare definita da alcuni critici “realismo magico” – risponde Franco Taranto –. Un film che mi commosse e venni colpito dall’ambientazione scelta dal regista spagnolo». Quali sono stati i principali problemi tecnici, per realizzare il servizio? «L’ostacolo principale è che io non so nuotare, per cui mi son fatto mettere dei pesi alle caviglie – racconta il fotografo –. Tra gli altri problemi tecnici superati, il fatto che avevamo solo 30 secondi di tempo di lavoro per ogni immersione. Bisogna però considerare che prima di scattare, occorreva attendere qualche secondo per l’assestamento dei tessuti. Stesso discorso, e medesima attesa, per poter riprendere fiato e risalire in superficie, per cui bisognava continuamente interrompere il lavoro. In tutto, gli scatti sono stati realizzati in 22 sezioni di shooting durante tutta l’estate dal 22 maggio al 28 agosto. Ci tengo a ringraziare il direttore della piscina Valgersa Alex Stampanoni per aver messo a disposizione la piscina».

‘L’occhio è capace di leggere l’anima’

Come venivano preparate le ballerine e la scena sott’acqua? «Ho richiesto un’ambientazione speciale in otto metri quadrati di spazio nei quali stavamo noi attorno a un tavolino – spiega Taranto –. Le ballerine a turno si immergevano con quattro strisce di tessuto laterali, ricavate da 220 metri di stoffa per otto abiti, che sott’acqua creavano effetti strabilianti, come una sorta di cornice sullo sfondo rappresentato dalla Scala di Milano. Le loro pose ricercate creavano dolci espressioni ingigantite dall’effetto dell’acqua». Un lavoro senza dubbio faticoso... «Certo, però, sono state tante ore impegnative che hanno creato un magnifico spirito di gruppo: tutti hanno creduto intensamente al progetto, un’energia che ci ha uniti». Come intende la fotografia lei che viene definito il fotografo della luce? «Il fotografo è come un pittore moderno, il pennello è la macchina fotografica e la tavolozza dei colori è la luce. Lavora dipingendo con passione i modelli e tirandogli fuori l’anima come fa un regista con i propri attori – chiarisce Taranto –. L’occhio ha da sempre la capacità di saper leggere dentro l’anima con la luce, dentro i colori, la forma, la prospettiva di un’azione, o nel movimento, così come nel tempo, per tradurre poi ogni entità in un mondo di buio e di luce».

Invito ad andare oltre a forme e volumi

Il fotografo, con questo lavoro, porta l’osservatore in un viaggio alla scoperta della cultura e delle emozioni, immergendolo in un mondo fiabesco e sognante dove prevale il silenzio. Si percepiscono solamente i movimenti morbidi dei tessuti e delle danzatrici nell’acqua. I dipinti sullo sfondo parlano direttamente all’animo e invitano lo spettatore ad andare oltre alle forme e ai volumi. Franco Taranto è autore di ‘Victims of Beauty – Silence Kills Dignity’, lavoro premiato a Milano e dalla Città di Lugano negli anni 2017 e 2018, come la migliore campagna anti-violenza sulle donne, è titolare della New Faces Model Agency, organizza dal 1988 Miss e Mister Ticino ed è presidente dell’associazione Camera nazionale della Moda Svizzera. Ha iniziato la sua carriera come fotografo di alta moda e ha collaborato con molti grandi fashion designer.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved