bissone-dal-cantone-un-passo-indietro-sulla-direttrice
Al centro, loro: i bambini (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
26 min

Gambarogno, 83enne disperso nelle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 ora

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Bellinzonese
1 ora

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
2 ore

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
2 ore

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
2 ore

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
2 ore

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
2 ore

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
3 ore

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
3 ore

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
30.08.2021 - 19:51

Bissone, dal Cantone: ‘Un passo indietro sulla direttrice’

Il caposezione Scuole comunali sul caso della denuncia: ‘Mai sentita una cosa del genere. Collaborazione fra scuole e Municipio molto importante’.

«Mai sentita una cosa del genere, ma proprio mai». La denuncia in procura della direttrice dell'istituto scolastico comunale di Bissone per presunta violazione dei doveri d'ufficio non è naturalmente passata inosservata neanche al Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (Decs). Il caposezione Scuole comunali Rezio Sisini, sorpresa dai fatti, non può evidentemente esprimersi sul caso concreto essendoci un'inchiesta in corso, ma si augura «che si possa fare un passo indietro e che la questione rientri».

‘Importante che un Municipio sia accogliente’

Un auspicio che, allargando il discorso, poggia «sull'importanza della collaborazione fra Municipi, e capidicastero in particolar modo, e istituti scolastici» per la buona resa del sistema formativo. Il casus belli a Bissone sarebbe riconducibile infatti all'accoglienza di un bambino da Campione d'Italia e a una presunta situazione problematica nella sede. Le scuole comunali ticinesi sono adeguatamente attrezzate per gestire casi difficili? «Abbiamo dei professionisti che fanno un ottimo lavoro, a volte con successo e a volte meno. Purtroppo abbiamo a che fare con autorità politiche che non sempre hanno le competenze per capire gli interventi dei docenti. Il fatto di avere mezzi e risorse non sempre implica successo sicuro, che dipende da tanti fattori come ad esempio dalla condivisione del progetto con la famiglia. Ma c'è anche l'aspetto dell'accoglienza nella classe, nella comunità scolastica e quindi anche di un Municipio che sappia essere accogliente e non segregativo» sottolinea Sisini.

Generalmente, nei casi di disagio scolastico, «il primo a intervenire è il docente titolare, che se necessario si può avvalere di un docente di appoggio rispettivamente di un sostegno pedagogico. La maggior parte dei casi si risolve così». Ma non tutti. «C'è una minoranza di casi più ‘tosta’, parlo di una quarantina di allievi in tutto il cantone, che richiede un secondo livello d'intervento: educatori che seguano individualmente il bambino all'interno e all'esterno della classe. Infine, per quei casi che, malgrado la messa in atto di diverse attenzioni, il problema persiste, «abbiamo le unità scolastiche differenziate che accolgono i bambini con grossi problemi di comportamento all'interno di sezioni con pochi allievi, dove vengono aiutati da professionisti, per poi rientrare nelle scuole regolari».

‘Capita d'intervenire, in ottica di consulenza’

Ma al Decs capita mai di intervenire in casi di conflitto o contrasto fra istituzioni politiche e scolastiche? «Sì – ammette il caposezione –, capita talvolta di intervenire con i Comuni, in un'ottica di consulenza, per trovare le soluzioni più adeguate per il bambino e per l'istituto in generale. Sul territorio abbiamo quattro ispettorati, che lavorano a stretto contatto con i direttori e con i Municipi. L'ispettorato è chiamato a vigilare, che tutte le leggi e le direttive siano messe in atto, che ognuno svolga il proprio ruolo. Il capodicastero in particolare è una persona molto importante per il direttore, soprattutto per quei direttori che dirigono più istituti scolastici, che devono far capo a più autorità».

Leggi anche:

Bissone, direttrice della scuola segnalata in procura

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bissone rezio sisini scuole comunali
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved