Napoli
3
Lazio
0
2. tempo
(3-0)
CAR Hurricanes
2
WAS Capitals
4
3. tempo
(0-0 : 0-2 : 2-2)
MIN Wild
2
TB Lightning
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
bissone-dal-cantone-un-passo-indietro-sulla-direttrice
Al centro, loro: i bambini (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
5 min

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
2 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
3 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
4 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
4 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
4 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
4 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
5 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
5 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
5 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Luganese
30.08.2021 - 19:510

Bissone, dal Cantone: ‘Un passo indietro sulla direttrice’

Il caposezione Scuole comunali sul caso della denuncia: ‘Mai sentita una cosa del genere. Collaborazione fra scuole e Municipio molto importante’.

«Mai sentita una cosa del genere, ma proprio mai». La denuncia in procura della direttrice dell'istituto scolastico comunale di Bissone per presunta violazione dei doveri d'ufficio non è naturalmente passata inosservata neanche al Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (Decs). Il caposezione Scuole comunali Rezio Sisini, sorpresa dai fatti, non può evidentemente esprimersi sul caso concreto essendoci un'inchiesta in corso, ma si augura «che si possa fare un passo indietro e che la questione rientri».

‘Importante che un Municipio sia accogliente’

Un auspicio che, allargando il discorso, poggia «sull'importanza della collaborazione fra Municipi, e capidicastero in particolar modo, e istituti scolastici» per la buona resa del sistema formativo. Il casus belli a Bissone sarebbe riconducibile infatti all'accoglienza di un bambino da Campione d'Italia e a una presunta situazione problematica nella sede. Le scuole comunali ticinesi sono adeguatamente attrezzate per gestire casi difficili? «Abbiamo dei professionisti che fanno un ottimo lavoro, a volte con successo e a volte meno. Purtroppo abbiamo a che fare con autorità politiche che non sempre hanno le competenze per capire gli interventi dei docenti. Il fatto di avere mezzi e risorse non sempre implica successo sicuro, che dipende da tanti fattori come ad esempio dalla condivisione del progetto con la famiglia. Ma c'è anche l'aspetto dell'accoglienza nella classe, nella comunità scolastica e quindi anche di un Municipio che sappia essere accogliente e non segregativo» sottolinea Sisini.

Generalmente, nei casi di disagio scolastico, «il primo a intervenire è il docente titolare, che se necessario si può avvalere di un docente di appoggio rispettivamente di un sostegno pedagogico. La maggior parte dei casi si risolve così». Ma non tutti. «C'è una minoranza di casi più ‘tosta’, parlo di una quarantina di allievi in tutto il cantone, che richiede un secondo livello d'intervento: educatori che seguano individualmente il bambino all'interno e all'esterno della classe. Infine, per quei casi che, malgrado la messa in atto di diverse attenzioni, il problema persiste, «abbiamo le unità scolastiche differenziate che accolgono i bambini con grossi problemi di comportamento all'interno di sezioni con pochi allievi, dove vengono aiutati da professionisti, per poi rientrare nelle scuole regolari».

‘Capita d'intervenire, in ottica di consulenza’

Ma al Decs capita mai di intervenire in casi di conflitto o contrasto fra istituzioni politiche e scolastiche? «Sì – ammette il caposezione –, capita talvolta di intervenire con i Comuni, in un'ottica di consulenza, per trovare le soluzioni più adeguate per il bambino e per l'istituto in generale. Sul territorio abbiamo quattro ispettorati, che lavorano a stretto contatto con i direttori e con i Municipi. L'ispettorato è chiamato a vigilare, che tutte le leggi e le direttive siano messe in atto, che ognuno svolga il proprio ruolo. Il capodicastero in particolare è una persona molto importante per il direttore, soprattutto per quei direttori che dirigono più istituti scolastici, che devono far capo a più autorità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved