monitorare-i-pazienti-covid-da-casa-da-massagno-una-prima
Il dottor Luciano Anselmi, nella centrale cantonale di allarme di Ticino Soccorso (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
2 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
2 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
3 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
3 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
3 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
4 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
5 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
5 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
6 ore

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
6 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
6 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
6 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
6 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
7 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
Locarnese
7 ore

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
Locarnese
7 ore

Cavigliano, Re Bagulon convoca i sudditi per l’assemblea

Venerdì la Società Carnevale si riunisce nella sala comunale (inizio alle 20) per discutere anche di finanze
Locarnese
7 ore

Losone, tombola e merenda per beneficiari Avs

Domani un pomeriggio di festa organizzato dal gruppo mamme alla Fondazione Patrizia
Mendrisiotto
8 ore

Mks Pamp impegnata a ridurre l’impatto ambientale

L’azienda di Castel San Pietro, attiva nella lavorazione di metalli preziosi, mira a rispettare le indicazioni degli Accordi di Parigi
Locarnese
8 ore

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Germano Mattei: ‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’. L’esemplare aveva attaccato e ucciso 19 pecore lo scorso 26 aprile in Val Rovana.
laR
 
16.09.2021 - 21:10

Monitorare i pazienti Covid da casa: da Massagno una prima

Intervista al dottor Luciano Anselmi, fra i creatori della sorveglianza ambulatoriale di pazienti Covid-19 a domicilio: una frontiera della telemedicina

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Pandemia, periodo difficile e di crisi. Ma anche di nuove idee, possibilità, invenzioni. È quest’ultimo il caso della ‘Sorveglianza ambulatoriale di pazienti Covid-19 a domicilio’. Una novità tutta ticinese: il sistema di controllo a distanza dei parametri vitali quali saturazione d’ossigeno e frequenza cardiaca per pazienti a rischio affetti da Covid è stato infatti messo a punto da HospitHome Sa, con sede a Massagno. Una frontiera della telemedicina, ambito nel quale è specializzata la società e grazie al quale ha vinto anche il prestigioso Novartis Grant per le start up per uno studio effettuato sui pazienti oncologici Covid-positivi, sempre a domicilio. Ne abbiamo parlato con il dottor Luciano Anselmi, membro del Consiglio d’amministrazione di HospitHome.

Come funziona, concretamente, la ‘Sorveglianza ambulatoriale di pazienti Covid-19 a domicilio’?

La prescrizione dell’apparecchio è medica. Quindi spetta al medico spiegare al paziente risultato positivo al Covid l’esistenza di questa possibilità. È necessario che il dottore verifichi dapprima se il paziente ha o meno dei rischi potenziali e nel caso questi siano presenti ma non al punto da esigere un’ospedalizzazione, può decidere di lasciarlo a casa, ma monitorandolo. In tal caso, il medico ci contatta mandandoci la prescrizione e noi inviamo l’apparecchiatura. Le casse malati riconoscono la prestazione tecnica. Si tratta di un monitoraggio continuo per dieci giorni. I dati vengono trasmessi in tempo reale alla centrale di Ticino Soccorso 144. Lì tramite un algoritmo viene stabilita la gravità del paziente e l’eventuale necessità di intervenire (visita del medico curante, ospedalizzazione o altro, ndr). Si tratta di un apparecchio piccolo, semplice da utilizzare, la parte più difficile è l’attivazione del bluetooth. L’ossimetro pulsatile esiste da decenni, si può comprare su internet. Il valore aggiunto è dato dal medico curante che dà l’indicazione e che può accedere ai dati del suo paziente e soprattutto dal fatto che se lui è impossibilitato e/o la situazione è critica si è legati ventiquattr’ore su ventiquattro alla centrale.

Com’è nata l’idea?

Di telemedicina si parla già da tanto tempo. Durante la prima ondata di Covid si è creata la necessità di ospedalizzare quei pazienti con un potenziale di rischio sulla vita. La pandemia ci ha dato la possibilità di avere una massa critica di pazienti ed è quindi stato possibile verificare la sicurezza del sistema. Lo abbiamo già utilizzato su oltre cinquecento persone e ci ha permesso di scremare i ricoveri: un 20-30% di queste persone sarebbero sicuramente state ospedalizzate, ma invece hanno potuto essere curate a casa in sicurezza.

Quali vantaggi ha?

Il fatto di accorgersi per tempo della mutazione di determinati parametri permette non solo di evitare il ricovero tout-court, ma anche – in quei casi nei quali un peggioramento implica per forza un’ospedalizzazione – di ridurre il rischio di un decorso grave della malattia polmonare e delle relative complicazioni intervenendo precocemente. Pensiamo a pazienti con una sintomatologia che loro non sono in grado di riconoscere, a cominciare ad esempio dalla perdita della capacità di immagazzinare ossigeno dall’aria e portarlo in circolo. In definitiva, permette di intervenire tempestivamente e di ridurre la mortalità e la morbilità, ossia le patologie legate alla malattia. Dobbiamo considerare inoltre che il domicilio è il luogo dove il paziente sta meglio. Pensiamo ad esempio a quei pazienti che vanno in ospedale semplicemente per essere monitorati perché vi è il rischio che possano peggiorare. Il ricovero in ospedale può in taluni casi provocare delle difficoltà di orientamento e degli scompensi, che sono evitabili. Infine, il domicilio è anche il posto dove per le casse malati costa meno.

Che potenziale di sviluppo c’è per la telemedicina?

Questa tecnologia si può senz’altro applicare in futuro a tutta una serie di altre tipologie di pazienti e questo è un nostro obiettivo. Se ci limitiamo al saturimetro, sono tutti quegli ambiti nei quali i pazienti possono avere un disturbo della respirazione, a cominciare dalla polmonite. Può essere utile anche per pazienti cronici. In questi casi tuttavia la prestazione non è riconosciuta dalle casse malati. Ci stiamo lavorando, speriamo entro un paio d’anni di poterci arrivare. Siamo fiduciosi, si tratta di una tecnologia che ha un margine di risparmio notevole per loro. Abbiamo invece ottenuto il riconoscimento dell’Ufficio federale della sanità e siamo stati aggiunti alle prestazioni di base delle assicurazioni malattia con effetto retroattiva dal 1° giugno per la Sorveglianza ambulatoriale di pazienti Covid-19 a domicilio.

Altri ambiti?

Un altro aspetto sul quale stiamo riflettendo è la carenza di medici curanti nelle zone periferiche. Ricoverare delle persone, degli anziani in particolare, soltanto magari per una questione di distanza, è un peccato. Questo è un ambito nel quale la telemedicina potrebbe dare ottimi frutti. Un ulteriore progetto di espansione potrebbe riguardare le ambulanze, per evitare di sollecitarle se non necessario. E poi c’è tutto il coté relativo alle dimissioni dall’ospedale. Pensiamo ad esempio al postoperatorio, diversi pazienti teoricamente già dopo 24-48 ore dall’intervento potrebbero essere dimessi ma devono restare in ospedale per una questione di monitoraggio. La telemedicina permetterebbe loro di andare a casa molto prima, che è nell’interesse sia delle persone sia degli ospedali.

In ogni caso, la sicurezza è garantita.

Sì, certo. Il monitoraggio è come in ospedale, anzi meglio. Gli algoritmi sono molto sicuri, permettono un intervento mirato. A differenza che in ospedale, non è il paziente a dover suonare la campanella, ma questa si attiva da sola se i valori scendono.

D’accordo, l’allarme si attiva autonomamente. Ma tornando al tema delle regioni periferiche, il problema della lontananza rispetto al paziente degente in ospedale rimane.

È vero, ma dipende tutto dalla tipologia di paziente. Se devo monitorare un paziente con un infarto acuto, non lo manderò a casa. Il servizio è pensato per quelle patologie non molto dipendenti dalla velocità d’intervento. Per le malattie polmonari è diverso: il paziente può star bene, ma avere già dei sintomi che necessiterebbero di una terapia. Si tratterebbe quindi di interventi precoci, prima che il paziente si senta male, evitando in alcuni casi di ospedalizzarlo. È questo il grosso vantaggio. La tecnologia non mette a rischio il paziente, dipende tutto dalla valutazione medica.

La risposta di medici e strutture ospedaliere com’è stata?

Ottima, decisamente superiore alle aspettative. Molti feedback dicono che facilita il lavoro e che dà la certezza medica di non ospedalizzare determinati pazienti. L’adesione è buona.

HospitHome è nata nel 2019, prima del Covid. Con che intento?

Sin dall’inizio occuparsi di telemedicina. Fare ricerca, e – come in questo caso concreto – promuoverla, applicarla. Il nostro target riguarda principalmente determinate fasce della popolazione, come ad esempio i pazienti cronici. L’idea ora sarebbe quella di estendere la tecnologia a livello nazionale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid hospithome luciano anselmi massagno telemedicina
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved