NJ Devils
PHI Flyers
01:00
 
CHI Blackhawks
SJ Sharks
01:00
 
BOS Bruins
VAN Canucks
01:00
 
falso-fiduciario-luganese-pasticci-e-inganni-con-societa
TI-PRESS
Di società in società
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
2 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
5 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
6 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
7 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
7 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
7 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
7 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
7 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
7 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
8 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Ticino
8 ore

Offerta professionale di base, al via un ciclo di webinar

Dalle formazioni sanitarie, a quella della logistica passando per l’informatica: l’appuntamento è online alla Città dei mestieri
Luganese
8 ore

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del Sì
Bellinzonese
8 ore

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
8 ore

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
9 ore

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
24.08.2021 - 16:450
Aggiornamento : 18:14

Falso fiduciario luganese, 'pasticci e inganni con società'

A processo alle Correzionali un giurista 81enne che si professa innocente. Chiesti 22 mesi di detenzione. La difesa: va prosciolto integralmente

«So perché sono in aula, ma non mi ritengo colpevole». Così ha esordito stamane davanti alla Corte delle Assise Correzionali un giurista 81enne del Luganese - alle spalle due precedenti penali e 20 attestati di carenza beni accumulati negli ultimi 28 anni per oltre 100 mila franchi - accusato di aver operato quale fiduciario senza essere autorizzato. Due atti d'accusa, firmati dal pp Andrea Gianini, gli rimproverano una miriade di reati: appropriazione indebita, in subordine amministrazione infedele, truffa, amministrazione infedele, cattiva gestione, omissione della contabilità, falsità in documenti, conseguimento fraudolento di una falsa attestazione, appropriazione indebita d'imposta alla fonte ed esercizio abusivo della professione di fiduciario ripetuto e continuato, tra il 2014 e il 2017.

Mezzo milione "dirottato per scopi estranei alla società d'investimento"

L'accusa più grave è quella di appropriazione indebita: nel 2014, l'imputato aveva ricevuto mezzo milione di euro che, anziché destinare all'aumento di capitale azionario di una società d'investimento della quale era amministrazione unico, avrebbe dirottato la somma per altri scopi estranei: 300 mila franchi li ha girati a una società di sua proprietà e 200 mila franchi a una persona di sua conoscenza. Salvo poi cambiare versione e informare il giudice di aver usato parte dei soldi per acquistare quadri. L'imputato, difeso dall'avvocato Nadir Guglielmoni, ha spiegato che solo 200 mila franchi erano destinati ad aumentare il capitale e che la rimanenza «era in sua libera gestione». 

Un altro episodio, risalente al 2011-2013, riguarda una presunta truffa ai danni dell'Ufficio regionale di collocamento di Lugano per avere, secondo la pubblica accusa, impiegato una segretaria nel suo studio legale - oggi in liquidazione - ma dichiarando di averla assunta per un'altra società anonima, per un danno all'ente pubblico quantificato in una decina di migliaia di franchi. L'imputato avrebbe pure omesso di pagare fatture di telefonia mobile. Dopo aver negato gli addebiti, il giudice gli ha tuttavia prospettato un documento con la sua firma sui contratti, che però l'accusato ne ha negato la paternità. 

Altro capitolo quello relativo a una nuova società della quale l'81enne risulta amministratore unico con firma individuale e per la quale è accusato di aver compiuto cattiva gestione per 145 mila franchi. «È questo il mio errore: non aver mai preso visione della contabilità della società» - si è limitato a dichiarare l'imputato. Che, in estrema sintesi, nega su tutta la linea.

Il pp Gianini: 'Le versioni dell'imputato non stanno in piedi' 

Nel pomeriggio la parola è passata al procuratore pubblico, Andrea Gianini per la requisitoria.  «Sono 7 i procedimenti aperti, tra il 2014 e il 2021, nei confronti dell'imputato. Negli ultimi vent'anni ha dato da fare parecchio al Ministero pubblico: 50 incarti aperti, dei quali molti abbandoni o non luoghi a procedere e ora questo processo odierno». Il magistrato ha passato in rassegna i diversi presunti reati, a cominciare da quel mezzo milione di euro che l'imputato avrebbe dirottato per altri scopi, anziché aumentare il capitale proprio. Secondo il magistrato, l'81enne ha propinato alla Corte «versioni che non stanno in piedi». L'imputato allontana invece le accuse, a giudizio del procuratore pubblico, ma dimentica di essere stato l'amministratore unico delle società e di avere avuto precisi obblighi: «non può ignorare le sue responsabilità». 

Il pp Gianini ha sottolineato che l'imputato non ha per nulla collaborato all'inchiesta; «ha mentito, come è suo diritto». Nel 2012 e nel 2013 è stato già condannato per reati patrimoniali, fra cui riciclaggio. Ampio, a mente dell'accusa, il concorso di reati: società mal gestite, persistenza nel creare debiti e fallimenti. Uniche attenuanti, il lungo tempo trascorso e l'età avanzata dell'imputato, che possono essere riconosciute. Il magistrato ha chiesto 22 mesi di detenzione, senza opporsi alla sospensione condizionale per un periodo di prova di tre anni. Il magistrato ha pure richiesto il pagamento di 1 franco di multa come atto simbolico, «visti i debiti non chiedo di più e chiedo che risarcisca gli accusatori privati». 

L'avvocato di difesa, Nadir Guglielmoni, ha preannunciato in arringa sin da subito la sua richiesta conclusiva: il pieno proscioglimento da tutti i capi d'imputazione. Per quanto attiene al presunto ruolo di falso fiduciario, il legale ha messo in evidenza che il suo cliente ha dato incarico a un fiduciario di mettersi a capo della sua società e che quindi non possa rispondere di questo reato. Il rappresentante della difesa ha messo in evidenza che il giurista è attivo sulla piazza di Lugano da 40 anni e che non è mai stato accusato di appropriazione indebita. «Sarà anche un pasticcione, ma non è un ladro» - ha esclamato Guglielmoni. L'imputato dal canto suo ha detto: «in 40 anni non ho mai truffato nessuno, se ho fatto degli incauti investimenti li ho sempre coperti di persona. La mia attività non è di fiduciario, ma di giurista che segue pratiche amministrative». La sentenza martedì prossimo alle 9.30.

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved