scherrer-marco-voleva-bene-alle-persone-e-loro-gliene-volevano
Marco Borradori (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
42 min

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
1 ora

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
1 ora

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
1 ora

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
2 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
2 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
2 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
2 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
11.08.2021 - 19:37
Aggiornamento : 21:30

Scherrer: 'Marco voleva bene alle persone, e loro gliene volevano'

Così, a margine dell'incontro tra politica e Locarno Festival, un affranto sindaco di Locarno. Nicola Pini, Presidente Gran Consiglio: 'Un politico, e uomo, che ti vedeva'

«È un giorno triste per chi vi parla e per tutti noi che nutriamo profondi sentimenti di stima e affetto per un uomo sempre vicino agli eventi del Festival. Ci siamo chiesti, io per primo, se fosse rispettoso mantenere questo evento. Non è stata una decisione facile». Marco Borradori se n’è andato nel pomeriggio in cui la politica avrebbe incontrato il Locarno Film Festival, prologo di una serata in onore del Gran Consiglio del Canton Ticino ridimensionata per forma e contenuti, mantenuto nella sua sola parte istituzionale e introdotto, in quelli che sarebbero stati gli ultimi minuti di vita del sindaco di Lugano, dalle suddette parole pronunciate in apertura d’incontro dall’omologo locarnese, Alain Scherrer. «Marco è un caro amico da sempre», ci dirà più tardi sulla via d’uscita dal PalaCinema. «Mi ha accolto con simpatia sin dall’inizio, ben prima che io entrassi in politica, ben prima che diventassi sindaco. Era fatto così: Marco era uno che voleva bene alle persone, e le persone gliene volevano». Troppo «emotivamente coinvolto» per qualsiasi altra digressione sulla perdita politica oltre che umana.

Guardando alla mera ‘contabilità’ oraria, Marco Borradori si è spento con le ultime parole pronunciate al PalaCinema, quelle di Nicola Pini, Presidente del Gran Consiglio, a chiudere un lungo elenco di «cose che avrei voluto dire» ma impossibili da dire «per la mancanza di qualcuno che era solito essere qui dove siamo oggi, un uomo delle istituzioni, dedito alla cosa pubblica, amante della vita, della gente, dello sport, del territorio e amante del Festival». Un uomo che «con tatto, sorriso, linguaggio e cordialità impressionanti ha affrontato le prove più complesse della vita». Così sul palco; così negli esterni del PalaCinema: «Ci si dimentica spesso – dice Pini a laRegione – che dietro la figura istituzionale ci sono uomini e donne. Questa riunione, per la parte ufficiale, si è tenuta perché lui, amante del Festival, lo avrebbe voluto. Giusto venerdì scorso, io, il sindaco Scherrer e Marco ci siamo trovati qui, e Marco è stato l’ultimo a lasciare il PalaCinema per il suo spirito di attaccamento». Un’ultima parola per il Borradori dai modi garbati: «Era un politico e un uomo che ti vedeva, che ti considerava come persona, e che aveva modi gentili con i quali poter intavolare un discussione pur partendo da posizioni opposte, tenendo e facendo tenere un registro di cordialità all’interno del dibattito che consentiva la possibilità di un dialogo, in funzione di una soluzione spesso condivisa».

Leggi anche:

Marco Borradori è morto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
locarno locarno film festival marco borradori nicola pini sindaco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved