ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
5 ore

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
5 ore

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
6 ore

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
6 ore

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
6 ore

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
6 ore

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
6 ore

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
7 ore

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
7 ore

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
7 ore

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
8 ore

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
Bellinzonese
8 ore

Un rave party techno e tekno farà ballare l’Espocentro

‘Ambiente sicuro e controllato’ spiegano i giovani organizzatori che per l’evento del 4 febbraio hanno coinvolto anche Danno.ch
Grigioni
9 ore

Tra Soazza e Mesocco risanamento A13 da 35 milioni

Cantiere al via il 30 gennaio per la durata di tre anni. Si comincia con la corsia sud-nord
Locarnese
9 ore

A Minusio una chiacchierata con Leo Critelli

Appuntamento alla Villa San Quirico: organizza l’Associazione Quartiere Rivapiana
Bellinzonese
9 ore

‘Il sogno di un uomo ridicolo’ all’oratorio di Bellinzona

Dedicato agli adolescenti, studenti e apprendisti lo spettacolo di Emanuele Santoro proposto da Minimusica nell’ambito della rassegna MaxiTeatro
Ticino
9 ore

Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio

L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
21.07.2021 - 17:24
Aggiornamento: 17:55

Zali sul (doppio) tram: 'Abbiamo fatto un errore'

Il capo del Dipartimento del territorio evidenzia come "sarebbe opportuno avere riforme che permettano di concentrare in alcune fasi i diritti ricorsuali"

zali-sul-doppio-tram-abbiamo-fatto-un-errore
Claudio Zali (Ti-Press)

"Non mi si chiama mai per chiedere del bel tempo". Claudio Zali, il giorno dopo la notizia della bocciatura del bando di concorso per il tram-treno da parte del Tribunale amministrativo cantonale, la prende con filosofia. Anzi, con inaspettato aplomb, quando ci fa sapere che il Consiglio di Stato non ricorrerà al Tribunale federale. Un capo del Dipartimento del territorio, dunque, chiaro e diretto: «Abbiamo fatto oggettivamente un errore».

Facciamo però subito un passo indietro. Come commenta, consigliere, la 'ricorsite', malanno di cui soffrirebbe il Ticino, evocata su queste colonne dal municipale di Lugano Filippo Lombardi?

È fatale visto il dipartimento che dirigo, cioè quello che si occupa di buona parte degli investimenti del Cantone e quindi di concorsi e commesse pubbliche. Oltre alla Sezione della logistica siamo noi il grande cliente da questo punto di vista. Per cui se siamo toccati già normalmente, può immaginare, come anche per la circonvallazione Agno-Bioggio, per opere di grandissima importanza economica, dove gli appetiti sono grandi e che giustificano, se qualcuno viene escluso non vedendosi aggiudicare una commessa, di provarci in Tribunale. Ma in questo caso non è 'ricorsite', qui abbiamo fatto oggettivamente un errore che posso riconoscere e spiegarle senza problemi. 

Eppure vi è uno stuolo di funzionari incaricati di valutare ogni... particolare? Come si spiega quindi l'errore?

Certo non li scrivo io i bandi di concorso, ma me lo spiego come segue. Proprio perché temevamo queste procedure, queste code ricorsuali, abbiamo cercato di fare un bando, che è la legge del concorso, ovvero le regole, in modo di cercare di rendere il più oggettiva possibile l'aggiudicazione, direi quasi numerica. Volevamo 'spossessarci' cioè di quella valutazione soggettiva che viene sempre criticata. È come se vi fossero due studenti che scrivono un componimento: qual è il componimento più bello fra i due? Abbiamo allora cercato di renderlo quasi matematico. Il Tribunale però ci ha detto che così non va bene perché se lo rendiamo 'troppo matematico' finiamo per ottenere la risposta per quella che è l'offerta più vantaggiosa ma non necessariamente la migliore. E quindi ci hanno detto che non possiamo prescindere da questa valutazione soggettiva di qual è l'offerta migliore. E noi? Incassiamo... C'era già successo con la circonvallazione di vederci contestare proprio l'aggiudicazione ma lì poi abbiamo vinto. La nostra scelta di scegliere il consorzio A piuttosto che il consorzio B o C è stata tutelata. Qui volevamo evitare dei ricorsi a valle e per farlo ce lo siamo ritrovato a monte.

Ve l'aspettavate insomma?

Certo il ricorso ce l'hanno fatto gli altri, ma visto che abbiamo cambiato il sistema di bando rispetto ad altri casi era pensabile che potessero arrivare questo genere di critiche, critiche che fra l'altro sono risultate fondate per cui possiamo solo dispiacerci e basta. L'aspetto positivo, cercandone uno, è che il Tribunale si è determinato in tempi molto molto brevi, per una volta; pur essendo oberato ha risolto la questione in circa tre mesi e mezzo, e soprattutto portandoci delle indicazioni utili per fare il prossimo bando. Per cui, come detto, non impugneremo questa sentenza e rifaremo il concorso non appena possibile e quindi credo ad inizio di settembre.

Questo comporta comunque dei ritardi, il ruolino di marcia non ne uscirà stravolto?

In realtà no, perché dei tempi procedurali sono sempre considerati nei calcoli. È chiaro che non si riesce mai a stimarli del tutto. In questo caso non siamo ancora pronti ad iniziare i lavori perché è pendente tutta la procedura di approvazione dei piani, cioè le opposizioni al tracciato, e quindi una volta che abbiamo stabilito chi dovrà fare il progetto questo ritardo verrà assorbito. Per cui avuta l'autorizzazione a costruire non è che resteremo fermi perché non c'è il progetto. Sarà più lunga, purtroppo, l'altra procedura di cui le parlavo.

Quanto lunga?

È difficile stimarlo perché non dipende assolutamente da noi, dipende innanzitutto quanto ci metterà l'Ufficio federale dei trasporti a evadere in prima istanza le opposizioni che rimarranno e che oggi sono una ventina a fronte delle 115 presentate originariamente. Poi dipende da chi e quanti andranno al Tribunale federale e quanto ci metterà quest'ultimo. Per questi motivi sarebbe pura speculazione voler formulare delle tempistiche.

Per questo 'fare-disfare-rifare' bisogna prevedere dei costi ulteriori per la pubblica amministrazione?

Un po' di toner della stampante, un po' di fogli di carta e il tempo dei funzionari, sono tutti soldi che si spendevano lo stesso. No no, non c'è un danno finanziario. Abbiamo avuto dei costi procedurali da pagare, qualche migliaio di franchi, ma su un progetto da 400 milioni...

Tornando ai continui ricorsi, non si sente il capro espiatorio?  

Non la prendo sul personale, però è chiaro che tutte le grandi opere risentono dei tempi procedurali. Probabilmente sarebbe opportuno pensare a una qualche riforma che permetta di concentrare solo in alcune fasi i diritti ricorsuali e che non possano essere ripetuti ad oltranza. Ma se fosse facile trovare una soluzione forse l'avrebbero già trovata... È la nostra scelta, il sistema elvetico prevede una grande democrazia a tutti i livelli e in democrazia vuol dire anche poter ricorrere ripetutamente al tribunale.

Pensando al mondo economico, se ci fosse stato un consigliere liberale radicale a capo del Dipartimento del territorio, crede che sarebbe stato 'colpito' da meno critiche?   

No, non mi vengono neanche questi pensieri! No, non credo sia determinato dall'appartenenza politica, qui si ricorre perché si vuole il mandato. E in questo caso parliamo di un mandato da una dozzina di milioni di franchi. 

Leggi anche:

Il Tram 'boccia' il tram, per Lombardi 'è la ricorsite'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved