Milan
Salernitana
15:00
 
polveri-fini-limite-superato-sistematicamente
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
26 min

I Babbi Natale fanno rombare i motori

A Lugano si è svolta la tradizionale parata dei Santa Claus a bordo delle Harley Davidson
Locarnese
2 ore

Navigazione, ‘la Convenzione internazionale va disdetta’

Il consigliere nazionale Bruno Storni, e con lui tutta la deputazione ticinese, lo chiede con una mozione al Consiglio federale
Ticino
8 ore

‘Anche al Ticino serve una strategia climatica’

Lo chiede una mozione socialista, primo firmatario Ivo Durisch, che ricalca quanto fatto dai Grigioni e dal Cantone di Berna
Mendrisiotto
17 ore

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
18 ore

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
19 ore

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
19 ore

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
19 ore

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
19 ore

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
19 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
19 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
19 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
20 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
20 ore

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
20 ore

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
20 ore

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
il video
Bellinzonese
21 ore

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Luganese
21 ore

Porte aperte al convento del Bigorio

In programma l’8 dicembre, sarà possibile visitare: il museo, il coro dei frati, il corridoio delle celle, la biblioteca e la cappella di Botta
Luganese
21 ore

Croce Rossa, ‘la pandemia ha cambiato il nostro modo d’aiutare’

Il servizio ‘Baby help - Mamy help’ sostiene da 25 anni i genitori con figli malati. ‘Le quarantene ci impediscono di entrare in azione’
Luganese
21 ore

Tilo soppressi provvisoriamente fra Lugano e Taverne

I treni saranno sostituiti da bus. I provvedimenti sono dovuti a lavori di manutenzione da mezzanotte alle 5.20 fra il 5 e il 6 dicembre.
Luganese
 
23.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:00

Polveri fini, limite superato sistematicamente

Studio di scienza partecipativa mostra che in quattro aree la media delle PM 2.5 è stata oltre la soglia dell’organizzazione mondiale della sanità

Sono tanto minuscole da essere invisibili e nuocciono alla salute. La loro presenza inquieta ma le autorità faticano a individuare i rimedi giusti per contrastarne la diffusione. Parliamo di polveri sottili e quindi anche d'inquinamento atmosferico. In Ticino non siamo messi per niente bene. Soprattutto nel periodo invernale. Come dimostrano i risultati del progetto di scienza partecipativa fra Croazia e Ticino concluso di recente. Uno studio di scienza partecipativa (Citizen Science), che ha raccolto dati atmosferici sull’arco di cinque mesi nell'ambito del programma di cooperazione Svizzera-Croazia finanziato dalla Confederazione e dall'Ufficio governativo della Croazia per la cooperazione con le Ong. Vi ha preso parte, assieme all’associazione croata Irim, la fondazione Innovabridge di Caslano che ha realizzato il progetto didattico rivolto al pubblico nei settori di scienza e tecnologia. L'analisi è stata effettuata in collaborazione con la biblioteca cantonale LaFilanda di Mendrisio, con il coinvolgimento delle biblioteche delle scuole medie di Breganzona, Caslano e Arbedo-Castione, della biblioteca comunale di Montagnola e del Laboratorio di artigianato digitale (Lad) del Centro di risorse didattiche e digitali (Cerdd) del Cantone a LaFilanda e 106 biblioteche distribuite in tutta la Croazia. 

La cittadinanza partecipa alla ricerca

Cominciamo dalla scienza partecipativa, cosa s'intende? «In estrema sintesi, la partecipazione della cittadinanza non accademica ai processi della ricerca scientifica – risponde Simone Merlo, di Innovabridge, ricercatore in scienze ambientali –. Uno degli obiettivi del progetto è stato il rafforzamento delle istituzioni sociali in Croazia. Tramite il coinvolgimento delle biblioteche si è voluto anche approfittare per educare il cittadino sulla tecnologia, soprattutto in Ticino, in tutti gli aspetti del processo scientifico, dalla raccolta dei dati fino alla loro interpretazione e analisi. Questo lavoro dimostra come tramite la partecipazione pubblica sia possibile fornire indicazioni ai professionisti, alle autorità e al pubblico sull’andamento dei parametri meteorologici e delle loro conseguenze sull’ambiente e sulla salute». In concreto, l'impegno della popolazione è stato quello di fornire aiuto nella raccolta d'informazioni con i dispositivi elettronici programmabili nel periodo invernale-primaverile. I risultati sono abbastanza inquietanti: il valore limite di 10 μg/m3 (microgrammi per metro cubo) proposto dall’Organizzazione mondiale della sanità è stato sistematicamente superato in tutte le aree ticinesi studiate. Non solo: sono stati superati i valori obiettivo di 25 μg/m3 indicati dalla Commissione Europea, dimostrando un accresciuto rischio per la salute provocato dall’inquinamento atmosferico per entrambi i paesi. Non sarebbe il caso d'introdurre un'ordinanza e il monitoraggio di queste polveri fini definite PM2.5? «Ci vorrebbe un sistema di rilevamento con un informazione chiara per la popolazione ma quando si parla di misure la questione diventa politica – osserva Merlo –. Le PM2,5 sono principalmente generate a livello locale. In Ticino i principali responsabili sono il traffico stradale e i sistemi di riscaldamento a nafta, carbone o legna».

'Non spariscono col vento'

In base a quali criteri sono state scelte le aree di studio? «La partecipazione era volontaria quindi la selezione delle aree è stata causale ma c'è stata una buona copertura del territorio cantonale: le biblioteche coinvolte in Ticino sono state cinque, le zone corrispondono a Lugano–Canobbio; Morbio Inferiore–Mendrisio; Claro–Arbedo e Montagnola–Caslano – continua il giovane ricercatore –. Abbiamo monitorato le zone circostanti il deposito di pneumatici di Mendrisio dove è divampato un incendio nel dicembre 2020, proprio vicino a casa mia, dove ho posizionato l'apparecchio di misurazione. I dati emersi sono preoccupanti (vedi tabella)». La ricerca ha descritto l’incidenza di eventi isolati sui livelli di inquinamento atmosferico. L'incendio al deposito di pneumatici ha provocato un’impennata dei livelli di PM2.5 con valori puntuali massimi di 150 μg/m3, mentre un periodo di forti venti ha azzerato le polveri fini per un periodo di oltre 4 giorni. «Però, non spariscono né col vento né con la pioggia, vengono assorbite dal suolo e dall'acqua», precisa Merlo. E questo è il problema. Diversi studi dimostrano come l’esposizione a lungo termine a tenori elevati di polveri fini sia dannoso per la salute e possa portare a tumori e infarti. Uno di questi studi ha dimostrato che nelle città europee, la riduzione dell’esposizione a lungo termine a livelli di PM2.5 inferiori a 15 μg/m3 potrebbe evitare 16’926 decessi prematuri ogni anno e al contempo aumentare significativamente l’aspettativa di vita. La ricerca ha confermato che valori di particelle fini elevati con relativi rischi per la salute sono verosimilmente dovuti allo smog invernale provocato dal traffico stradale e dai riscaldamenti. 

Le PM10 possono essere inalate e penetrare nel tratto superiore dell'apparato respiratorio, dal naso alla laringe. Le PM2.5 possono invece essere respirate e spingersi nella parte più profonda dell'apparato, fino a raggiungere i bronchi. Le polveri ultrafini potrebbero essere addirittura in grado di filtrare fino agli alveoli e ancora più in profondità nell'organismo e, si sospetta, entrare nel circolo sanguigno e poi nelle cellule. Mentre per le PM10, informazioni dettagliate sui valori giornalieri si trovano sul sito web dell’Osservatorio ambientale della Svizzera italiana (OASI) all’indirizzo www.ti.ch/oasi, per le PM2.5 non ci sono indicazioni. 

Cosa sono e come combatterle

PM (Particulate Matter) è il termine con il quale si definisce un mix di particelle solide e liquide (particolato) che si trovano in sospensione nell’aria. Può avere origine sia da fenomeni naturali (processi di erosione del suolo, incendi boschivi, dispersione di pollini ecc.) sia principalmente da attività antropiche, in particolar modo dai processi di combustione e dal traffico veicolare (particolato primario). Le PM10 sono particelle con diametro inferiore a 10 micrometri (10 µm) e PM2.5 quelle con un diametro inferiore a 2.5 micrometri. Il problema è noto alle autorità federali e cantonali, entrambe convinte della necessità di ulteriori misure incisive. Soprattutto in inverno, infatti, nelle città e nelle aree in prossimità delle vie di comunicazione vengono rilevate ancora concentrazioni eccessive di particelle fini. Per poter garantire il rispetto dei valori limite in vigore, in Svizzera le emissioni di polveri fini e devono essere ridotte di circa il 50 per cento rispetto ai valori attuali, si legge sul sito della confederazione (https://www.bafu.admin.ch/bafu/it/home/temi/aria/info-specialisti/qualita-dell-aria-in-svizzera/polveri-fini.html).

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved