ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 min

Pranzo Atte a Faido

Appuntamento mercoledì 15 febbraio alle 12 al centro
Locarnese
1 ora

Alzheimer, incontri del Gruppo di auto aiuto a Locarno

Riprendono gli appuntamenti per chi vive a diretto contatto con una persona affetta da questo morbo o da altri tipi di demenze
Ticino
1 ora

Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero

Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
2 ore

A Muralto una conferenza sui pittori di Savièse

Conferenza di Jacques Levy a cura dell’Alliance française
Locarnese
3 ore

Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono

Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
3 ore

Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga

Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
6 ore

‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’

Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
6 ore

I terreni abbandonati ora profumano di lavanda

L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
6 ore

Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini

La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
6 ore

Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’

Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
13 ore

Plan B continua a dividere Lugano

Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
laR
 
25.06.2021 - 16:35
Aggiornamento: 17:57

Cpc Lugano: ‘Non escluso che la cerimonia venga allargata’

Il direttore aggiunto della Formazione professionale sulla cerimonia solo per i migliori: ‘Nessuna volontà di creare disparità. Ora le norme cambiano’

cpc-lugano-non-escluso-che-la-cerimonia-venga-allargata
Il Centro professionale commerciale di Lugano (Ti-Press)

«Nessuna volontà di creare disparità». Oscar Gonzalez, aggiunto al direttore della Divisione della formazione professionale (Dfp), da noi sollecitato, cerca di calmare le acque su una polemica in salsa scolastica che ha causato malumori e persino un'interrogazione al Consiglio di Stato. Casus belli è la decisione del Centro professionale commerciale (Cpc) di Lugano di organizzare la cerimonia di consegna degli attestati finali per l'anno scolastico 2020-21 in formato decisamente ridotto: ”Purtroppo riservata unicamente agli allievi con miglior media finale e agli sponsor della manifestazione”, si legge sul sito della scuola. Gli interessati saranno informati via e-mail, mentre a tutti gli altri il certificato verrà consegnato per posta.

L'interrogazione: ‘È una discriminazione’

Una modalità che ad alcuni non è piaciuta, ad esempio ai granconsiglieri Cristina Gardenghi (Verdi) e Maurizio Agustoni (Ppd), che sul tema hanno scritto un atto parlamentare. “Immaginando che la decisione sia stata presa in totale buona fede – si legge –, crediamo che limitare la partecipazione alla cerimonia di consegna degli attestati costituita una discriminazione infondata e mal si addica a un istituto formativo cantonale che ha per scopo quello di offrire le medesime opportunità formative a tutte le persone che lo frequentano”. Non solo: “Il messaggio che si rischia di veicolare è che solo chi ha ottenuto le note giuste per attirare l'attenzione degli sponsor ha diritto di ricevere un riconoscimento, mentre chi invece ha ottenuto note mediocri, magari mettendoci il doppio dello sforzo e dell'impegno, magari a causa di una situazione di partenza sfavorita, o perché durante l'anno è stato confrontato a malattie o altre situazioni di difficoltà, non merita l'attenzione di essere riconosciuto perché non è stato abbastanza bravo da vincere un premio”.

Indicazioni dipartimentali e libertà di sede

Questioni che avremmo voluto girare alla direzione del Cpc, che tuttavia da noi contattata ha preferito non esprimersi sulla polemica. Per capire meglio, ne abbiamo quindi parlato con Gonzalez. «In generale le indicazioni dipartimentali erano quelle, se possibile, di svolgere le cerimonie in piccoli gruppi, senza esterni. Oltre a rispettare le disposizioni igienico-sanitarie, ogni istituto ha dovuto organizzarsi a dipendenza dei propri spazi a disposizione e delle proprie possibilità gestionali dell'evento. Ogni scuola si è mossa all'interno di questo quadro». Libertà di sede quindi in base alle singole specificità, ma in un contesto indicato dal Dipartimento. E questo ha giustificato una situazione di «grande eterogeneità: c'è chi ha fatto gli esami prima, chi dopo. C'è chi è riuscito a organizzarsi con i propri spazi, chi invece ha fatto tutto integralmente online. La situazione è stata lasciata a discrezione delle sedi, nel rispetto delle norme».

‘Nessuna volontà di creare disparità’

Regole che tuttavia ora sono cambiate ed entreranno in vigore a partire da domani. «Proprio per questo non escludo che ora si potrà ritrattare la pianificazione adottata fino ad adesso ed eventualmente allargare questa o altre cerimonie ristrette, come tutti evidentemente ci aspettiamo. Giustamente anche i ragazzi e le loro famiglie lo desiderano: sono momenti importanti per loro, è sempre bello partecipare a questi eventi dopo un anno di duro di lavoro. Ribadisco che non c'era la volontà di creare disparità, la situazione purtroppo è stata ed è incerta per tutti e siamo legati ai cambiamenti delle normative».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved