ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
56 min

Atti sessuali con fanciulli, in carcere istruttore di yoga

L’uomo, sulla sessantina, lavorava in un centro del Luganese. Si trova in carcere da quest’estate su denuncia di almeno tre vittime
Luganese
1 ora

La Croce Rossa cerca persone che si dedichino agli anziani

La pandemia ha dimezzato la disponibilità di volontari e si fatica a trovare nuove leve. Pronta risposta, invece, per l’emergenza migranti dall’Ucraina.
Mendrisiotto
5 ore

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
5 ore

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
10 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
13 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
13 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
14 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
15 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
15 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
15 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
15 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
15 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
15 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
Bellinzonese
15 ore

Cinema, teatro, libri e castagne: ad Acquarossa la nespolata

L’incontro prenatalizio torna il 14 dicembre con una ricca 22esima edizione
laR
 
17.06.2021 - 19:26
Aggiornamento: 19:43

Flp, dimissioni Soldati: più peso per il Cantone nel Cda

Si delineano i contorni dell'uscita di scena del presidente della ferrovia. Disaccordo anche sull'azionariato. Casus belli: ordine del giorno invertito.

flp-dimissioni-soldati-piu-peso-per-il-cantone-nel-cda
Sabato verranno presentati ufficialmente i nuovi convogli (Ti-Press)

Un ordine del giorno modificato all'ultimo, scontento riguardo alle nuove regole sull'azionariato e un maggior peso del Cantone all'interno del Consiglio d'amministrazione (Cda). Si delineano pian piano i contorni delle dimissioni a sorpresa del presidente del Cda delle Ferrovie luganesi (Flp) Sa Stefano Soldati, date mercoledì sera durante una lunga e appassionata assemblea. Il diretto interessato non ha voluto rilasciare dichiarazioni nemmeno oggi, ma siamo comunque riusciti a sentire la campana degli azionisti privati e quella del Cantone, tramite l'avvocato Rossano Guggiari (membro del Cda) e il consigliere di Stato Claudio Zali, capo del Dipartimento del territorio (Dt).

Il Cantone è l'azionista di maggioranza

«La scintilla nasce quando a mezzanotte meno cinque il rappresentante del Cantone propone di invertire l'ordine del giorno» spiega Guggiari. E sul tavolo di cose importanti ce n'erano diverse. In primis le nomine del Cda e poi, soprattutto, la modifica dello statuto, che «era l'ultima trattanda, è vero aveva dei punti caldi ma chiari». La prima grande modifica dello statuto della società riguardava la composizione del Cda. Fino a ieri era composta da tre rappresentanti dei privati – e fra questi Stefano Soldati, presidente ed erede di Agostino che fondò la ferrovia Lugano-Ponte Tresa oltre cent'anni fa –, due dei Comuni – uno per Lugano, ossia Filippo Lombardi, e l'altro per un Comune a rotazione del Malcantone – e altrettanti del Cantone. «In vista di quest'assemblea – ci spiega dal canto suo Zali –, alla luce della quota azionaria maggioritaria (detenuta da Cantone e Confederazione, rappresentata sempre dal Cantone, ndr) e dei grossi investimenti effettuati per il Tram-Treno (circa 460 milioni di franchi da parte dell'ente pubblico, ndr), avevamo chiesto di essere maggiormente rappresentati in seno al Cda».

‘Il problema è stato il voler invertire l'ordine del giorno’

Una questione che tuttavia, riportano entrambi i nostri interlocutori, era già stata discussa in precedenza. Il Cantone, come terzo rappresentante ha proposto Simone Scettrini, capoufficio Controlling e servizi centrali del Dt. «Posso assicurare – ancora Zali – che l'azionista Cantone non ha mai inteso mettere in forse la presidenza Soldati nel Cda, che comunque viene decisa dal Cda stesso. Sono rincresciuto da queste dimissioni e mi auguro che possano rientrare». «Il problema è che stato richiesto di invertire l'ordine del giorno: questo ha messo in difficoltà i rappresentanti dei privati, non abbiamo avuto tempo di discutere, e quindi il presidente arrabbiato ha dato le dimissioni» chiarisce dal canto suo Guggiari, che evidenzia come ci sia stato un «paciughino» a livello procedurale: «Come facciamo a nominare i membri del Cda di uno statuto che non è entrato ancora in vigore?»: manca ancora l'iscrizione al Registro di commercio e ci sono i tempi per ricorrere. «Ma il problema non è la volontà del Cantone di avere un rappresentante in più – per l'avvocato –, la richiesta di avere rappresentanti in più è legittima, anche se finora ha sempre funzionato tutto bene così».

Azioni di primo e secondo grado parificate

Il vero problema, secondo i privati, sarebbe legato infatti all'azionariato. «Una delle proposte della modifica dello statuto era quella di parificare le azioni di primo e secondo grado – ricostruisce Guggiari –. È vero che è da molti anni che non si distribuiscono dividendi, quindi è un privilegio più in linea teorica che pratica, ma come facciamo a sapere cosa accadrà in futuro? Io come azionista non avrei voluto, per i miei posteri, fare una scelta sbagliata. Si sarebbe potuta fare una perizia e poi eventualmente cambiare questo aspetto, è stato fatto un po' in fretta. Bisognava decidere se votare lo statuto in toto o articolo per articolo. Questo secondo scenario sarebbe stato auspicabile, in quanto c'erano contrasti. Tuttavia la maggioranza ha votato per lo statuto in blocco, Non c'è stata la possibilità di discutere». «C'erano delle modifiche da fare alla luce del mutato diritto azionario del Codice delle obbligazioni» ricorda da parte sua il consigliere di Stato: oggi, le azioni di tutte le società anonime in Svizzera devono diventare nominative. E quindi è stata colta l'occasione per effettuare anche altri cambiamenti, accolti tuttavia «a muso duro» dalla minoranza dei privati, sottolinea Guggiari.

Toni conciliatori in vista di sabato

Nonostante lo scontro, entrambe le parti premono per una risoluzione del conflitto. «Magari c'è stato un fraintendimento, vedremo di discutere per capire come mai c'è stata questa mano forzata. Immagino ci sia stata un problema di comunicazione, che credo che si potrà ricostruire. Non vogliamo avere dissapori e rovinare un dialogo finora sempre costruttivo» per l'avvocato. «Nessuno mette in discussione il rispetto nei confronti della famiglia Soldati, che mantiene una posizione importante in questa ferrovia, e dei suoi avi» evidenzia invece Zali. Toni conciliatori, anche in vista della giornata di sabato, quando ci sarà la cerimonia ufficiale dei nuovi convogli della Flp e quando le parti dovranno vedersi e stringersi la mano.

 

Leggi anche:

Stefano Soldati lascia la presidenza della Lugano-Ponte Tresa

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved