scudo-la-pandemia-porta-piu-incertezza-ma-piu-utenti
Fra cure e Covid (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
12 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
13 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
19 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
21 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
1 gior

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
19.06.2021 - 15:14

Scudo: la pandemia porta più incertezza ma più utenti

Il servizio di cure a domicilio del Luganese chiude il 2020 con un volume d'affari di circa 20 milioni e un utile di oltre 300mila franchi

Un anno “particolarmente segnato dalla pandemia”, così come in tutto il mondo, anche nel settore delle cure a domicilio. Un 2020 che ha dunque portato importanti ripercussioni sul piano delle cure e naturalmente dei costi. Scudo, il servizio di cure a domicilio del Luganese, ne è però uscito a testa alta: “Sebbene il periodo sfavorevole ci ha accompagnati per tutto l'anno, grazie a un'accurata pianificazione del personale e delle cure come al sistematico controllo finanziario – annotano il presidente Sergio Macchi e il direttore Paolo Pezzoli nel commentare il consuntivo – abbiamo saputo rispondere proattivamente riuscendo a sostenere l'ente Lugano istituti sociali (Lis) nel momento più acuto della pandemia”.

Scenario, definito, “inconsueto” che secondo i responsabili “ha sconvolto le abitudini dell'utenza e delle loro famiglie”. In primo luogo il servizio si è confrontato con un cambiamento organizzativo “repentino” per far fronte alle nuove esigenze di presa in carico: “Il tutto ha comportato una modifica nella pianificazione dell'offerta di cure e delle varie attività di gestione”. Ritardi, posticipazioni e bruschi arresti, sono solo alcuni dei maggiori riflessi. E se la prima ondata, quella fra marzo e giugno, è stata clemente per i collaboratori, la seconda è invece stata particolarmente marcata e incontrollabile, qui il virus ha colpito 43 collaboratori, 29 i positivi e 14 in quarantena, “tutti assenti a scaglioni, per isolamento o quarantena, nello spazio temporale di due mesi e mezzo” che ha, giocoforza, ingigantito criticità e problematiche. “A oggi – non mancano inoltre di sottolineare Macchi e Pezzoli – l'insicurezza e la paura per la nostra salute, seppur mitigate, dominano ancora la scena”. Da qui la necessità della campagna di vaccinazione che ha raccolto la disponibilità di 110 collaboratori. Non solo: “Per cercare di contenere il contagio a garanzia di una maggiore sicurezza – è stato ancora spiegato – abbiamo imposto l'uso della mascherina anche a tutti gli utenti, limitatamente agli interventi sanitari, indipendentemente dalla presenza di una sintomatologia influenzale. In questo panorama, la richiesta di materiale di protezione ha subìto un'impennata considerevole, di riflesso le lievitazione dei prezzi, in alcuni casi maggiorati eccessivamente. Il materiale scarseggiava, non era reperibile o fornibile in tempi brevi. Le forti richieste hanno generato elevati costi d'acquisto, in seguito rientrati a favore di un maggiore equilibrio tra domanda e offerta”.

Mascherina dove sei?

La pandemia, per Macchi e Pezzoli, ha soprattutto “contribuito a evidenziare una falla organizzativa”, infatti “nella maggioranza dei servizi e strutture non erano disponibili degli adeguati quantitativi di ausili di protezione, una generale carenza delle scorte che ha causato non pochi disagi. Il nostro servizio – non hanno mancato di ricordare presidente e direttore – fortunatamente non era fra questi. Al nostro interno abbiamo avuto tutto il necessario per garantire la protezione ai nostri collaboratori e all'utenza, attingendo anche alle scorte del Lis”. C'è di più: “Preventivamente, a riparo da eventuali future pandemie, per disposizione dell'Ufficio di vigilanza sanitaria, ogni servizio è ora tenuto a dotarsi di mezzi di protezione monouso, sufficienti a garantire un'autonomia di tre mesi”.

Dal profilo finanziario, con un volume d'affari di circa 20 milioni, Scudo ha rilevato un utile d'esercizio pari a oltre 300mila franchi. Importanti le spese per il personale che rasentano i 17 milioni e mezzo e rappresentano quasi il 93% della globalità dei costi. Statistiche tornate in positivo anche per il numero degli utenti che vedono, dopo qualche anno a questa parte in calo, un aumento dello 0,04%, dopo il meno 5 del 2016, il meno 2,31 del 2017, il meno 5,02 del 2018 e il meno 3,18 del 2019. Preponderanza della clientela femminile: 1'440 dei 2'255 utenti sono donne contro 815 uomini. Interessante il genere e la tipologia della prestazione. La stragrande maggioranza degli utenti richiedono solo le cure (1'207), 457 solo un servizio di economia domestica, 507 entrambe. Interessante il numero delle ore erogate per fasce d'età e genere: il maggior numero di collaboratori è stato, infatti, attivato per coloro che hanno fra 85 e 89 anni (il 18,75%) per un totale di 423 utenti. Presente su tutto il territorio luganese, Scudo ha toccato quasi totalmente ogni comune, frazione o quartiere, da Bissone alla Capriasca, da Gandria a Vezia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cure luganese pandemia scudo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved