COB Jackets
PIT Penguins
01:00
 
CAR Hurricanes
NY Rangers
01:00
 
traffico-5-1-chili-di-cocaina-6-anni-e-mezzo-di-carcere
TI-PRESS
Un traffico che ha fruttato ingenti guadagni illeciti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
4 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
5 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
5 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
5 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
5 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
6 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
6 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
6 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
09.06.2021 - 12:100
Aggiornamento : 18:39

Trafficò 5,1 chili di cocaina, 6 anni e mezzo di carcere

Condannato il trentenne dominicano dai ieri alle Criminali di Lugano. La Corte lo ha 'ritenuto poco credibile'. Condonata l'espulsione

Per la Corte delle assise criminali di Lugano le dichiarazioni del trentenne dominicano da ieri a processo per traffico di cocaina «sono state ritenute poco credibili: ha giocato sempre al ribasso, ha ammesso solo le evidenze» I giudici non hanno inoltre creduto che l'imputato sia un consumatore, bensì un trafficante puro. Così il giudice Marco Villa si è espresso nelle motivazioni della sentenza pronunciata stamane: 6 anni e mezzo di carcere è la pena inflitta. L'imputato, arrestato in Olanda, ha già scontato nei Paesi Bassi un anno e mezzo di detenzione e in Ticino quasi sei mesi e ha pertanto alle spalle un terzo della condanna. Condonata l'espulsione dalla Svizzera. La Corte - ha evidenziato il presidente, Marco Villa - ha fatto un grande sforzo, ammettendo il suo caso ancora tra quelli di rigore - pertanto non ha pronunciato l'espulsione dal territorio, come era stato invece richiesto ieri dalla pubblica accusa. Questo perché l'uomo è padre di due figli e sposato con una cittadina svizzera. 

Atto d'accusa integralmente confermato

Il traffico di droga è stato quantificato dalla Corte in complessivi 5,1 chili di cocaina. Sostanza importata dall'Olanda nel Luganese, detenuta e alienata. L'imputato ha inoltre alienato 1 chilo di sostanza da taglio. L'atto d'accusa stilato dalla pp Pamela Pedretti è stato dunque accolto nella sua integrità. «La colpa dell'imputato è stata definita molto grave per quanto attiene il traffico di droga: un traffico internazionale, di lunga durata (due anni), compiuto unicamente a scopo di lucro «soprattutto per fare una bella vita, una crociera e acquistare auto». Grave anche «per l'intercambiabilità dei protagonisti; per il guadagno illecito conseguito e per aver continuato a delinquere nonostante fosse già stato fermato dalla polizia con alcuni grammi di cocaina». La collaborazione prestata dall'imputato gli è invece valsa un leggero sconto di pena. Il trentenne aveva ammesso l'alienazione di 1,3 chili di cocaina, ma negava di aver trafficato 5,1 chili di sostanza stupefacente, come ha invece infine confermato la Corte.

Ieri, dopo l'istruttoria dibattimentale, la procuratrice pubblica Pamela Pedretti, al termine della sua requisitoria, aveva proposto nei confronti dell'imputato una pena di 7 anni di carcere e l'espulsione dalla Svizzera per 9 anni per infrazione aggravata alla legge federale sugli stupefacenti e riciclaggio - parte dell'ingente guadagno conseguito illecitamente dall'imputato con la vendita della droga (260 mila franchi la somma tesaurizzata) è stata inviata dall'imputato a Santo Domingo e a New York dove risiede la sua famiglia. L'avvocatessa di difesa, Micaela Rossetti, si era invece battuta per una condanna non superiore ai 4 anni e mezzo di detenzione e si era opposta all'espulsione, così come richiesto dal trentenne, il quale ieri ha dichiarato a più riprese che a Santo Domingo non ha più nessun familiare. Su un eventuale ricorso in Appello contro la sentenza, all'uscita dall'aula processuale la legale ha detto che parlerà con il suo assistito, ma che lo ritiene improbabile. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved