DAL Stars
4
ARI Coyotes
1
fine
(1-0 : 0-1 : 3-0)
Seattle Kraken
1
PIT Penguins
5
2. tempo
(0-3 : 1-2)
VAN Canucks
2
LA Kings
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
viaggi-in-olanda-per-la-cocaina-in-auto-anche-i-suoi-bimbi
TI-PRESS
Un traffico internazionale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
36 min

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
36 min

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
36 min

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
36 min

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
6 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
7 ore

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Ticino
7 ore

Sanitari non vaccinati, i test obbligatori restano in vigore

Il Tribunale federale ha negato l’effetto sospensivo al ricorso che contesta la risoluzione del Consiglio di Stato dell’8 settembre
Ticino
9 ore

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale
Bellinzonese
10 ore

Bellinzona, ‘blocchiamo il contributo per la nuova Valascia’

Lo chiede il gruppo Lega-Udc alla luce della notizia secondo cui la Valascia Immobiliare Sa sarebbe confrontata con problemi di liquidità
Bellinzonese
11 ore

Le Colonie dei sindacati cercano volontari

Per i due turni di giugno-luglio 2022 un appello per coinvolgere personale educativo, di servizio e cucina
Bellinzonese
11 ore

Annullato il mercatino di Ambrì

Era previsto mercoledì 8 dicembre
Ticino
11 ore

Il Soccorso d’inverno ha accettato oltre 500 richieste d’aiuto

Il calo del reddito alla base di molte situazioni di povertà
Ticino
11 ore

Masaba Coffee vincitore del premio per l’etica d’impresa

Riconoscimenti anche per Lighthouse Tech, Agroval Sa, Plastex Sa e Gottardo Arena
Bellinzonese
11 ore

Cancro: importante premio assegnato a Davide Rossi dell’Ior

Riconoscimento di 80mila franchi per le sue ricerche nell’ambito dell’ematologia
Luganese
08.06.2021 - 16:100
Aggiornamento : 18:20

Viaggi in Olanda per la cocaina, in auto anche i suoi bimbi

Chiesti 7 anni di carcere ed espulsione alle Criminali per un dominicano accusato di un traffico di 5 chili. Ma lui ammette solo parzialmente

Cinque viaggi dal Luganese all'Olanda tra il 2017 e il 2019 per comprare la cocaina per un traffico di oltre 5 chili. Non solo. In due occasioni, a bordo, in auto - destinazione Amsterdam - oltre alla moglie (pure indagata e che sarà presto processata) c'erano anche i due figli minorenni. «Ha trasportato la cocaina con i figli in auto, in tutt'Europa, fino in Olanda. Non lo ritiene grave?» - ha tuonato il giudice Marco Villa, presidente della Corte delle assise criminali di Lugano composta dagli assessori giurati, davanti alla quale da stamane siede l'imputato. «Ha ragione. Mi sono pentito di quello che ho fatto» - è stata la risposta del trentenne. Ancora il giudice: «Quella di portare i bambini è stata una sua idea per ridurre i rischi di essere fermato in dogana?». «Non sapevamo dove lasciare i figli». Eppure - ha evidenziato esprimendo perplessità il presidente della Corte - l'inchiesta ha messo in luce come talora i figli venissero accuditi dalla sorella di sua moglie.  

La pp Pedretti: un illecito guadagno di 260 mila franchi e bella vita

La pp Pamela Pedretti ha definito l'imputato a capo di una sua organizzazione internazionale dedita al traffico di cocaina: il 30enne ha acquistato, trasportato, importato in Svizzera, detenuto e alienato la droga e ha inoltre alienato 1 chilo di sostanza da taglio destinato alla preparazione delle dosi di cocaina. In uno dei viaggi la droga era nascosta nella ruota di scorta dell'auto. L'imputato faceva il viaggio in vettura ad Amsterdam con un corriere. E lasciava a lui l'onere e il rischio di tornare a Lugano con l'auto carica di droga; lui il ritorno se lo faceva in aereo. In aula l'imputato stamane ha ammesso 'solo' un traffico di 1,3 chili dei 5 chili imputatigli. Il magistrato, durante la sua requisitoria, ha ripercorso la parabola dell'imputato: «L'ultimo tassello di altri correi dominicani compare oggi a processo. L'imputato è stato arrestato in Olanda, dove era rimasto dopo aver appreso che il corriere alla guida dell'ultimo carico di cocaina era stato arrestato in Ticino e il giorno dopo anche sua moglie era finita in carcere, implicata nel giro, segnatamente per aver nascosto la cocaina, su richiesta del marito, nel vano dell'ascensore del palazzo in cui abitavano e nel bauletto della bicicletta». Il 30enne è stato arrestato in Olanda, dove è rimasto in carcere quasi un anno e mezzo, ed estradato in Ticino nel novembre 2020 - estradizione alla quale si era opposto. Secondo il magistrato, l'imputato «ha sempre cercato di sminuire le proprie responsabilità. Ha ammesso solo quando non era più possibile asserire il contrario». Parte della droga è stata rinvenuta in un box, dove veniva confezionata dall'imputato. La pp Pedretti ha detto di essere percorsa dal dubbio che i quantitativi di droga indicati nell'atto d'accusa siano «solo la punta dell'iceberg». L'atto d'accusa quantifica in 5,1 chili il quantitativo di cocaina trafficato, «di cui almeno 3 chili finiti sulla piazza ticinese» - ha evidenziato il magistrato, che ha pure sottolineato l'ingente guadagno conseguito con il traffico illecito: 260 mila franchi, spesi per condurre la bella vita: crociere, vestiti firmati, feste di compleanno in grande stile: amava i soldi facili. Ha inoltre riciclato parte dell'illecito provento. Il dominicano ha messo in atto un giro di droga internazionale: Lugano-Amsterdam-Germania-Austria. La pp Pedretti ha chiesto nei confronti dell'imputato 7 anni di carcere e l'espulsione per 9 anni dalla Svizzera.

La difesa propone una pena massima di 4 anni e 6 mesi 

La difesa, rappresenta dall'avvocatessa Micaela Rossetti, ha sottolineato dal canto suo che il suo assistito intende assumersi le proprie responsabilità penali, ma di aver importato dall'Olanda 4 chili e di averne alienati 1,3 chili e non 5 come indicato dalla pubblica accusa. La legale ha pure evidenziato che il 30enne consumava droga: «dall'analisi del capello è stato provato». La difesa ha chiesto alla Corte di pronunciare una pena massima di 4 anni e mezzo e si è opposta all'espulsione dalla Svizzera proposta dal magistrato. «Ha collaborato all'inchiesta e si è detto pentito». 

«Purtroppo mi sono fatto coinvolgere» - ha dichiarato stamane durante l'istruttoria dibattimentale il trentenne. «Quali sono i miei progetti uscito dal carcere? Vorrei trovare un lavoro, stare con la mia famiglia e non sbagliare più. Se venissi espulso a Santo Domingo non saprei cosa fare, non ho nessuno là». Alla domanda della Corte su quanto abbia guadagnato l'imputato durante il traffico, il trentenne è stato evasivo. «Non so dirlo». Al termine del processo ha dichiarato: «Chiedo perdono per le cose che ho fatto, non volevo fare del male a nessuno. Chiedo con il cuore in mano a questa Corte di darmi la possibilità di crescere i miei figli». La sentenza è stata annunciata per domani alle 11. 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved