innovativi-sensori-monitorano-l-apiario-didattico
Laboriosi (Ti-Press)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
46 min

Il patriziato di Lugano in assemblea

L’appuntamento è previsto a Palazzo dei congressi per giovedì 28 ottobre alle 17.45. Servirà un certificato covid.
Locarnese
47 min

Adolescenza e comportamenti a rischio, una conferenza

Lunedì 25 ottobre alle Medie di Cevio si parla di prevenzione con l’Assemblea Genitori e l’Associazione Radix della Svizzera italiana
Ticino
1 ora

In Ticino 20 contagi, 2 persone in più in ospedale

Aumentano da 7 a 9 le persone ricoverate per Covid, di cui una ancora in cure intense
Locarnese
1 ora

Ascona-Brissago, automobilisti armatevi di pazienza

Da oggi iniziano i lavori per accrescere la sicurezza del pendio soprastante la cantonale a Moscia. Gli interventi saranno svolti prevalentemente la notte
Video
Mendrisiotto
2 ore

Nebiopoli 2022 si farà con il certificato Covid

Discusso il piano di protezione che permetterà lo svolgimento della manifestazione dal 10 al 14 febbraio 2022
Locarnese
5 ore

Locarno, estetica solidale per i malati tumorali

Una nuova associazione no profit raccoglie fondi per rendere più accessibili i trattamenti contro alcuni effetti delle terapie farmacologiche
Locarnese
5 ore

Locarnese, 35 anni fa lo schianto sui monti di Mondovì

Nell’incidente aereo persero la vita 6 persone conosciute della regione. Il velivolo, decollato da Ascona e diretto in Spagna, perse la rotta nella nebbia
Luganese
5 ore

Autosilo di Carabbia, monta il malcontento dei residenti

Dopo il voto del legislativo, la soluzione della Città non piace ai promotori della petizione, né alla commissione di quartiere né ai mozionanti
Mendrisiotto
13 ore

‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso

Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
14 ore

Risanamento Ipct, i sindacati non esultano

Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
14 ore

Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista

Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
15 ore

Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa

Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Luganese
15 ore

Torricella-Taverne, il Municipio torna alla collegialità

Dopo la polemica pubblica, la segnalazione agli Enti locali e il rimpasto dicasteriale, l’esecutivo torna sulla collegialità e sulla confidenzialità
Luganese
 
21.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:44

Innovativi sensori monitorano l’apiario didattico

In Capriasca un progetto a favore della conoscenza dei piccoli e laboriosi insetti con un occhio sulla cura del territorio e della biodiversità

Era sembrato un inverno fin troppo tranquillo, per le api di Castensago, quello che ci siamo lasciati alle spalle con l’arrivo della primavera 2021. “Così tranquillo – veniamo a sapere dai responsabili – da far temere che fossero morte o quasi”. Fortunatamente i laboriosi insetti avevano deciso semplicemente di spostarsi all’interno dell’arnia facendo perdere le proprie tracce ai sensori di temperatura e umidità. Tirato un sospiro di sollievo la nuova stagione è dunque iniziata, anche se in ritardo rispetto all’anno scorso. «Ma è stato così per tutte le colonie, a causa dell’inverno freddo e prolungato che ha prorogato di parecchio la fioritura delle piante che portano il primo polline, cioè i noccioli, senza il quale non c’è nutrimento per le larve» ci ha spiegato la copresidente della Sezione luganese degli apicoltori, Ilaria Jermini-Gianinazzi, in occasione dell’inaugurazione dell’apiario didattico della Capriasca.

L’apiario, nato da un progetto degli apicoltori del Luganese, al quale ha aderito il Municipio di Capriasca, che l’ha finanziato e contribuito a realizzare, consiste al momento in un’unica arnia (ne sarà aggiunta una seconda più avanti) in grado di permettere l’osservazione delle api nella selva castanile poco lontano dall’aula nel bosco e dall’area di sosta attrezzata creata qualche anno fa. Gli scopi che questo apiario persegue sono molteplici: «In primo luogo, si accresce l’offerta della zona di svago permettendo ai visitatori di acquisire più familiarità con questi straordinari e utilissimi insetti, in parte tramite una serie di cartelli didattici, ma soprattutto permettendo di visitare l’apiario in sicurezza con la guida di un apicoltore» evidenzia la responsabile. Intento didattico che però non si esaurisce nei pannelli e nelle spiegazioni degli apicoltori, ma viene esteso e approfondito in uno specifico sito web (www.apiariodidattico.ch), che è dunque parte integrante del progetto. Sulla pagina online si possono trovare informazioni aggiuntive sulla vita delle api con riferimento agli eventi stagionali e ai particolari scientifici: «E quest’ultimo è forse l’aspetto più innovativo del progetto. Le arnie – ci svelano i contorni del progetto Ilaria Jermini-Gianinazzi e il copresidente Davide Gargantini – sono munite di sensori che registrano i parametri fisiologici delle api (peso, temperatura e umidità dell’arnia), e la porta di volo è ripresa costantemente da una telecamera che mostra l’andirivieni delle api. I dati e le immagini acquisite sono riportati sul sito, e costituiscono spesso lo spunto per gli articoli del blog».

Diversi protagonisti, un obiettivo

Un lavoro, insomma, di squadra che vede in diversi protagonisti la realizzazione del progetto: dall’Azienda elettrica di Massagno (Aem), che ha portato l’elettricità e la connessione internet necessari al funzionamento delle componenti elettroniche, alla Bitcrib che contribuisce con l’hosting e l’organizzazione dei dati che vengono raccolti tramite i sensori e le bilance per apicoltura che hanno prodotto, alla Bee Clever di Bioggio, il rivenditore di materiali apistici che ha fornito le tute di protezione a un prezzo scontato. Senza dimenticare gli apicoltori che si prestano, a titolo volontario, come accompagnatori dei visitatori, e due fra le anime del progetto capriaschese, l’ex municipale Lorenzo Orsi e Daniele Besomi.

Sezione, quella luganese, infatti, fra le più dinamiche oltre a essere la più grande per iscritti nella Svizzera italiana con i suoi 115 apicoltori (apilugano.ch) che si aggiornano continuamente: «Tutti lo fanno per hobby ad eccezione di uno o due con una media di 10-15 casse a testa e un totale circa in ogni cassa di 50mila api – ci riporta i numeri la copresidente –. Purtroppo in questo ultimo inverno abbiamo dovuto registrare una mortalità del 40% che nel Mendrisiotto ha toccato il 70%. Diversi i fattori che hanno concorso: la sfida più grossa è sempre quella contro la varroa, un parassita molto pericoloso per le colonie di api. Vi è poi un generale impoverimento del territorio dovuto alla crescente cementificazione e alla mancanza di biodiversità dei giardini. Calcoli che per noi fine luglio lo consideriamo già inverno in quanto non ci sono più fiori, con la necessità da settembre di dover nutrire le api con lo sciroppo. La nostra maggiore produzione è senz’altro il miele e in parte il polline, c’è poi chi ricava un po’ di propoli per uso esterno. Ma se con il miele abbiamo un buon commercio, gli altri prodotti sono prevalentemente di nicchia».

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved