arredi-anti-assembramenti-alla-foce-del-cassarate
Il disegno schematizzato della futura area della Foce del Cassarate (Città di Lugano)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
3 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Mendrisiotto
3 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Ticino
10 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
13 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
13 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
13 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
13 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
14 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
14 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
14 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
15 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
Locarnese
15 ore

Agarone, interruzione di corrente ma non per tutti

Il 2 febbraio dalle 8.15 alle 11.15 soltanto una parte degli stabili rimarrà senza elettricità per lavori sulla linea di trasporto bassa tensione
Bellinzonese
15 ore

Bellinzona, no a un Quartiere Officine ‘senz’anima’

Tuto Rossi chiede alle autorità di ‘lanciare un concorso internazionale su chiamata fra i migliori studi d’architettura e di urbanistica del mondo’
Locarnese
16 ore

Riazzino, il Vanilla riapre le sale del club

Prima serata dopo quattro mesi di chiusura forzata, domani sera sabato 29 gennaio, con Guè Pequeno, Tony Effe e Dj Matrix
Mendrisiotto
16 ore

Un Piano energetico comunale per Riva San Vitale

Una mozione chiede al Municipio di dotarsi dello strumento. Prima tappa la creazione di un gruppo di lavoro
 
28.05.2021 - 21:340
Aggiornamento : 21:50

Arredi anti-assembramenti alla Foce del Cassarate

Roberto Badaracco replica alle critiche sulla rinuncia a Lugano Marittima, mentre Niccolò Castelli saluta 'una città a misura d'uomo'

Continua a far discutere la decisione del Municipio di Lugano di rinunciare a Lugano Marittima e al Mojito a causa delle normative in vigore contro la diffusione del Coronavirus. Una decisione criticata aspramente da un atto parlamentare di cui abbiamo riferito ieri a cui replica Roberto Badaracco, titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi di Lugano: «Vogliamo evitare i problemi passati, con un nuovo arredo che inseriremo la settimana prossima (vedi immagine, ndr.)». Dal canto suo, il consigliere comunale Niccolò Castelli (Verdi di Lugano) considera giusto l'annullamento dell'evento ma avrebbe preferito che l'accesso all'area restasse libero e senza arredi. 

'Non si può far finta delle norme anti-Covid'

Cominciamo dall'interrogazione sottoscritta da tredici consiglieri comunali, primo firmatario Gian Maria Bianchetti (Lega dei Ticinesi) che, secondo Badaracco, «dà atto di scarsa conoscenza della situazione. Forse non è stata compresa compiutamente l'informazione che il Municipio ha fornito in occasione della presentazione del LongLake». In che senso? «Abbiamo spiegato che Lugano Marittima e il Mojito non potessero aver luogo a causa delle normative anti-Covid – risponde il municipale –. Lugano Marittima prevedeva la presenza alla Foce di mescite e vivande vendute da esercizi pubblici, è chiaro che oggi sarebbe impossibile perché non si potrebbero applicare le direttive federali, adottate anche da GastroTicino, per i posti a sedere (al massimo 4). L'altra opzione, quella di predisporre l'area solo per gli eventi, avrebbe comportato la chiusura (almeno parziale) dell'area per via del numero limitato di persone (300) che vi avrebbero potuto partecipare».

Un approccio soft

Prosegue Badaracco: «Abbiamo optato per un approccio soft. Intanto, contrariamente a quanto si sostiene nell'interrogazione, la decisione è opportuna, considerate le condizioni, e coerente con tutto il discorso che ha portato avanti la Città a partire dai mercatini di Natale dello scorso anno. Non possiamo far finta di nulla di fronte ai potenziali pericoli legati agli assembramenti. Sappiamo tutti che la zona della Foce è parecchio apprezzata e le persone continueranno comunque ad andarci, quindi il Municipio ha voluto lasciare la libertà di frequentarla. Non vogliamo che succedano ancora situazioni caotiche e degradanti nei fine settimana, come l'anno scorso, quando siamo stati costretti a transennare l'area. Abbiamo voluto evitare i problemi la prossima estate con un nuovo arredo».

Transennato l'accesso al Circolo Velico

Non c'è però il rischio che i nuovi arredi richiamino più persone? «Non credo, l'arredamento urbano è pensato per fare in modo che la Foce possa essere comunque frequentata in maniera ordinata con elementi e ostacoli naturali che assicurino i distanziamenti – risponde il titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi di Lugano –. Lasciare tutto libero e non fare nulla, avrebbe causato assembramenti come capitato e documentato l'anno scorso. Con il nuovo arredamento, se le persone lo utilizzassero con l'attenzione dovuta, situazioni caotiche non dovrebbero più esserci». Ci saranno comunque ancora controlli? «È prevista la presenza di agenti di sicurezza, come sempre, in maniera che tutto fili liscio e per evitare situazioni potenzialmente pericolose – osserva il municipale –. Ci sono i due esercizi pubblici che avranno i loro spazi in linea con le regole di GastroTicino. Impediremo l'accesso all'area del Circolo Velico. Non possiamo e non vorremmo impedire che le persone portino con se qualcosa da bere. Confidiamo che in questa maniera, con un tocco di eleganza all'area, la situazione possa essere gestibile. Se non fosse il caso, dovrebbe tornare a mettere paletti più rigidi. Sarebbe un peccato!».

'Una pedonalizzazione del centro dal basso'

Niccolò Castelli non ha firmato l'interrogazione perché, spiega «quando nacque Lugano Marittima il contesto era completamente diverso rispetto a ora». In effetti, non c'era il problema Covid. Un problema che però secondo il consigliere comunale ha anche avuto effetti positivi: «Oggi “grazie” alle ordinanze relative alla pandemia i ristoranti e i bar di Lugano hanno la possibilità di estendere il loro esercizio allargandosi sul suolo comunale e per strada. Questa circostanza straordinaria sta rendendo vivo come non mai il nucleo cittadino. Sia esercenti che clienti si stanno rendendo conto che una maggiore pedonalizzazione favorisce una vita mai vista prima a Lugano: una vita più serena, sociale, per tutti, cittadini, esercenti, lavoratori, commercianti e turisti». Circostanze che hanno innescato, secondo il consigliere comunale «una spinta venuta dal basso, nata dalla genuina voglia di ripartire e di tornare ad incontrarsi. Un segno di necessità condivisa che a conti fatti favorisce anche il commercio e la ristorazione e porta la città a essere più a misura d'uomo, pedonalizzata, con meno traffico. Una città che piace anche agli scettici della mobilità lenta che ora stanno godendo di una riapertura per certi versi un po’ sorprendente».

'Si mantengano le regole straordinarie'

Tornando a Lugano Marittima, l'evento è stato introdotto in un momento in cui, osserva Castelli «la possibilità per gli esercenti di far vivere il centro con tavolini e vita sul suolo pubblico non c’era e forse non c'era neppure tanto la consapevolezza nel cittadino, negli esercenti e nell'Amministrazione. In questo anno di rilancio, mentre usciamo da questo periodo difficile, il rischio è che Lugano Marittima crei una sorta di concorrenza nei confronti degli esercenti che porti via la vita dal centro». L'auspicio di Castelli per il dopo Covid «è che il Municipio mantenga le regole ora straordinarie legate alla pandemia, regole che permettono di aprirsi invadendo le strade e che stanno dando alla città una luce nuova e apprezzata da tutti. La Foce va bene che rimanga un luogo libero, aperto alla natura nella sua bellissima riqualifica, per chi vuole godersi un momento di serenità e immaginazione».  

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved