ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
11 min

Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage

L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Luganese
39 min

Crisi energetica, a Lugano piscine e palestre più fredde

Il Municipio ha deciso di implementare alcune misure volte al risparmio di elettricità e gas. Alcune di queste sono comportamentali.
Ticino
2 ore

‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’

Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Bellinzonese
2 ore

La cucina medievale regina della giornata dei castelli

L’antica gastronomia sarà il filo conduttore delle attività proposte domenica 2 ottobre nei tre manieri cittadini
Luganese
2 ore

Lugano è per AlpTransit a sud. Chi si batte plaude

‘Pro Gottardo ferrovia d’Europa’ soddisfatta per la risoluzione unanime sottoscritta dal Consiglio comunale
Luganese
3 ore

Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni

Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
3 ore

A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo

Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Grigioni
3 ore

Augio, presentazione di un libro fotografico sulla Val Calanca

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 20 al ristorante La Cascata, in presenza dell’autore Sergio Luban
Bellinzonese
4 ore

Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’

È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
26.05.2021 - 19:29
Aggiornamento: 20:09

Riciclati 21 milioni di euro, arrestato fiduciario svizzero

Due arresti e nove indagati nella maxi inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza. Perquisizioni anche a Lugano, nella fiduciaria dove lavora il ticinese.

riciclati-21-milioni-di-euro-arrestato-fiduciario-svizzero
Riciclati oltre 21 milioni di euro (Ti-Press)

È svizzero uno dei due cittadini arrestati oggi in Italia per corruzione fra privati, frode fiscale e riciclaggio internazionale, da parte degli uomini della Guardia di finanza (Gdf) nell'ambito di una inchiesta denominata ‘Swift-My-Cash’. Lo riferiscono i media italiani. Le fiamme gialle hanno eseguito una ordinanza del gip del Tribunale di Milano nei confronti di due professionisti, un fiduciario ticinese per l'appunto e un consulente lombardo, accusati di aver riciclato in concorso con altre sette persone oltre 21 milioni di euro provenienti da frode fiscale, gestiti in paradisi fiscali su fondi cifrati off-shore. Soldi poi trasferiti attraverso operazioni simulate tra società statunitensi ed europee con conti correnti radicati tra in svariati Paesi, fra i quali: Svizzera, Austria, Cipro, Inghilterra, Canada, Ungheria, Germania, Slovacchia, Bahamas e Isole Mauritius. Oltre agli arresti sono stati effettuate diciotto perquisizioni nelle province di Como, Varese, Bergamo, Milano, Perugia, Genova e Torino. I due arrestati, secondo nostre informazioni, sono fratelli comaschi.

L'arrestato svizzero è l'indagato principale

Ma perquisizioni non sono avvenute solo in Italia oggi. Stando alle informazioni fornite dalla Gdf una di queste, in collaborazione con la Polizia cantonale, è stata effettuata anche a Lugano, nella sede della fiduciaria il cui lavora il ticinese arrestato e nella sua abitazione. Ticinese che, stando sempre alla Gdf, sarebbe l'indagato principale nell'inchiesta. Il buon esito dell'inchiesta, sostiene la Procura di Milano, deriva dalla stretta collaborazione con le autorità ticinesi. Collaborazione che ha consentito di ottenere riscontri utili in Ticino. In particolare, le fiamme gialle hanno accertato anche l'emissione di fatture false per 1,7 milioni di euro messe a disposizione dal fiduciario ticinese. Globalmente, il gip di Milano ha emesso anche un decreto di sequestro preventivo su beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 14,7 milioni di euro.

Al centro dell'inchiesta, le tangenti di una multinazionale milanese

Al centro dell'inchiesta una multinazionale milanese operante nel settore della fabbricazione e commercializzazione di valvole industriali, che per il tramite del consulente arrestato avrebbe creato fondi neri all'estero per avere risorse finanziarie utile per pagare tangenti. Stando all'accusa a gestire i fondi neri sarebbe stato il fiduciario ticinese al quale gli inquirenti milanesi addebitano il pagamento di due tangenti, entrambe versate su un conto corrente aperto in una banca di Lugano, intestato ad direttore acquisti di una importante impresa energetica francese attiva nell'estrazione e lavorazione di prodotti petroliferi. Le due tangenti di 740mila e 417mila euro avrebbero consentito alla multinazionale milanese di aggiudicarsi dall'impresa francese una commessa da oltre 20 milioni di euro con un vantaggio di oltre 11,5 milioni di euro. La gendarmeria francese ha eseguito perquisizioni nell'abitazione e nell'ufficio dell'impresa del dirigente transalpino accusato di aver intascato le due tangenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved