pse-a-lugano-la-stan-invita-a-respingere-il-progetto
La Stan invita a sostenere il referendum
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
3 ore

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
12 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
13 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
13 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
14 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
14 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
14 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
14 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
14 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
14 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
15 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
15 ore

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Luganese
25.05.2021 - 17:390
Aggiornamento : 19:36

Pse a Lugano, la Stan invita a respingere il progetto

Secondo la Società ticinese per l'arte e la natura, il progetto è ben lontano dal raggiungimento degli obiettivi dello sviluppo sostenibile.

"Auspicando che il Municipio, in tempi brevi, presenti un progetto più consono ai reali bisogni di tutte le società sportive, la Stan raccomanda alla popolazione di respingere il progetto approvato dal Consiglio comunale di Lugano". Si conclude così la presa di posizione odierna del comitato della Società ticinese per l'arte e la natura (Stan) in merito al progetto di Polo sportivo e degli eventi (Pse) sul quale ci sarà quasi sicuramente una votazione popolare visto che l'Mps dovrebbe aver raccolto il numero necessario di firme per lanciare il referendum contro la votazione del Consiglio comunale di Lugano del 29 marzo scorso. Secondo la Stan, "gli argomenti dei favorevoli al Pse sono rispettabili, ma generalmente ispirati alla tifoseria per questo o quello sport. Sul fronte degli oppositori si trovano argomenti razionali, soppesati e valutati finanziariamente in modo approfondito". Il progetto, scrive la società "è ben lontano dal raggiungimento degli obiettivi dello sviluppo sostenibile (...), è diseconomico, spreca risorse naturali a favore di un formalismo superato e ingiustificato e assorbe eccessive risorse a scapito di altre esigenze sociali presenti e irrisolte".

La questione pianificatoria

Secondo la Stan, "l’impostazione del progetto di piano di quartiere è antiquata: per ingolosire i privati a partecipare al Pse, si è creduto opportuno accompagnare gli impianti sportivi veri e propri con contenuti abitativi, amministrativi e commerciali assai voluminosi, rispetto alla demografia in forte calo, al radicale cambiamento di paradigma del modo di lavorare e, infine, con il commercio al dettaglio che sembra destinato a cedere il passo agli acquisti “on-line”, sembra d'intravedere il sorgere di cattedrali nel deserto". Non solo. La Stan sostiene sia "difficile concepire come i contenuti esagerati del programma d’accompagnamento degli impianti sportivi possa giustificarsi con l’art. 15 della Legge sulla pianificazione del territorio e dei disposti della scheda R6 di Piano direttore che ne dà concreta applicazione". La Stan, ricordiamo, ha interposto ricorso contro la modifica del Nuovo quartiere di Cornaredo, "quindi la sua approvazione, contrariamente a quanto affermato dal Municipio di Lugano, non è in dirittura di arrivo".

Contrario alle linee guida del Dipartimento del territorio

Dal profilo architettonico, "il progetto volumetrico seduce solo a prima vista, ma difficilmente supererebbe l'esame se effettuato in applicazione delle Linee-guida per l’esame delle domande di costruzione emanate dal Dipartimento del territorio. Lo stadio per il calcio, chiamato Arena, è stato sprofondato nel terreno per ben nove metri. Una costosissima astuzia per far sembrare meno ingombrante l’enorme fabbrica, quasi ci si vergognasse di farlo apparire con tutta la sua eccezionale volumetria. Secondo le citate linee-guida violentare il sito in tali esagerate dimensioni è una scelta da censurare: mettere a dimora tutto quel materiale sarà un’impresa costosa e inquinante". A proposito del Palazzetto dello sport, "anch’esso è incassato nel sottosuolo per una buona decina di metri. Le illustrazioni chiamate a sedurre il cittadino mostrano spazi luminosi, con ampie finestre, ma bisogna ricordare che questo è un privilegio riservato alle discipline che usufruiscono del pianterreno. Le altre dovranno accontentarsi di spazi privi di luce naturale e di aria artificiale perché dovranno essere esercitate sottoterra, in cantina, insomma. Ci si chiede perché l’edificio delle molteplici discipline sportive altre che il calcio non sia stato progettato al posto delle case d’appartamento, previste in terza fase, evitando di scavare un volume gigantesco, di mandare i giovani sportivi a svolgere la loro attività, come già detto, in cantina e rinunciando a costruire delle case d’appartamenti in un luogo poco idoneo perché affatto tranquillo e poco salubre, essendo affacciati su una strada di forte traffico.

La Stan prende posizione anche su uno dei siti "che Lugano dedica al Pse (Domande frequenti) che per ovviare all’infausto taglio tra gli edifici per lo sport e i campi verdi dovuto a una nuova strada a quattro corsie è previsto di gettare un ponte. Sembra di sognare leggendo tale affermazione! Supporre che tutti i movimenti pedonali tra gli impianti sportivi passino da quell’unico ponte è una mera illusione. La scelta è poco lungimirante e denota scarsa conoscenza del comportamento spontaneo dei pedoni, i quali saranno invogliati, invece, ad attraversare le quattro corsie senza utilizzare il sovrappasso a loro rischio e pericolo. L’incidente sembra programmato appositamente!"

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved