21.05.2021 - 18:49

Via Industria, condannati i genitori dell'appartamento horror

Pene sospese per la coppia che viveva con i tre figli minorenni a Pregassona, immersa nell'immondizia e fra cani accuditi per la vendita clandestina

via-industria-condannati-i-genitori-dell-appartamento-horror
Lo spettacolo presentatosi di fronte alla Protezione animali, intervenuta su segnalazione

Cinque mesi per lei, sei mesi per lui. Entrambe le pene sospese condizionalmente per due anni. Come riferito dalla Rsi, si è conclusa ad aprile l'inchiesta condotta dal procuratore pubblico Roberto Ruggeri a carico dei genitori di una famiglia – con tre figli minorenni – che viveva in un appartamento di un noto palazzo di via Industria a Pregassona, immerso nell'immondizia e abitato anche da diversi cani illegali ‘accuditi’ per la vendita clandestina.

Il caso, emerso nel settembre del 2018 a seguito di una segnalazione e del relativo intervento della Protezione animali di Bellinzona, aveva suscitato molto clamore facendo naturalmente intervenire sia i servizi sociali sia il Ministero pubblico. Sia la donna (difesa da Chiara Buzzi) che l'uomo (rappresentato invece da Pascal Cattaneo) non hanno interposto ricorso, e il decreto d'accusa è in tal modo cresciuto in giudicato. I due sono stati condannati per violazione del dovere di assistenza o educazione. 

Leggi anche:

Lugano, in via Industria 'un brutto odore da almeno un anno'

Via Industria: bonifica, gruppo di lavoro e disdette

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved