21.05.2021 - 16:15
Aggiornamento: 18:14

Lo sparatore di via Beltramina condannato a 9 mesi sospesi

L'uomo, infastidito da asseriti rumori degli inquilini, aveva esploso colpi nel palazzo. È in cura e dovrà seguire norme di condotta per 4 anni

lo-sparatore-di-via-beltramina-condannato-a-9-mesi-sospesi
TI-PRESS
Il palazzo di via Beltramina

È approdato alle Correzionali nel pomeriggio il caso dello 'sparatore di via Beltramina'. Il 19 novembre scorso nel palazzo al numero 3 aveva creato il panico. Cinquant'anni, l'uomo, da anni in invalidità psichiatrica, aveva imbracciato il fucile d'ordinanza militare che teneva in casa e fatto esplodere diversi colpi nel giardino comune dello stabile, mirando verso il terreno, ma anche all'interno del suo stesso appartamento al pianterreno, colpendo una parete in cucina e il plafone in salotto. Il motivo? «Era infastidito da asseriti rumori provocati dagli altri inquilini del palazzo, rispettivamente dagli scherni - da lui definiti "ridolini" - di un'anziana coppia che viveva al piano di sopra.» L'insopportazione dell'uomo durava da mesi, almeno dall'estate scorsa. 

Ora è in cura a Ingrado. Norme di condotta per quattro anni 

Dopo i fatti, è in cura da psichiatri e svolge regolari colloqui al centro Ingrado di Cagiallo. «Mi sento più tranquillo e stabile. Sono più rilassato e non più arrabbiato con tutti. Ho trovato un posto di lavoro e dovrei iniziare a breve». All'imputato sono state ordinate norme di condotta per la durata di quattro anni: gli è stato fatto obbligo di proseguire la terapia farmacologica e di sottoporsi al trattamento psichiatrico indicato dal perito. L'uomo, ancora dipendente dall'alcol e dalla marijuana, oggi vive in Malcantone. Una perizia psichiatrica ha stabilito una scemata responsabilità del 50enne di grado grave per quanto attiene agli spari nel palazzo e di grado medio per il suo consumo di marijuana il giorno dei fatti. Il 50enne, difeso dall'avvocatessa Luisa Polli, si è detto in chiaro, che qualora le misure ordinate non funzionassero ritornerebbe in carcere. Il 50enne, reo confesso, processato con rito abbreviato, è stato condannato dal giudice Marco Villa, a 9 mesi di detenzione sospesi con la condizionale per un periodo di prova di quattro anni. Il giudice Marco Villa ha accolto le proposte di pena della pp Pamela Pedretti. 

Leggi anche:

Spari ieri sera in via Beltramina a Lugano

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved