ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
4 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
8 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
12 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
12 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
12 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
20 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
20 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
20.05.2021 - 16:32
Aggiornamento: 17:42

Delitto Cantoreggi, partita l'istanza di ricorso in Appello

Pubblica accusa e accusatore privato hanno deciso di rivolgersi alla Corte di secondo grado dopo la sentenza pronunciata ieri alle Criminali

di Guido Grilli
delitto-cantoreggi-partita-l-istanza-di-ricorso-in-appello
T-PRESS
Il caso rimane aperto

All'uscita dell'aula era un'eventualità, ora è divenuta una certezza. All'indomani della sentenza pronunciata dalla Corte delle assise criminali di Lugano, composta da giudici e assessori giurati, la procuratrice pubblica Valentina Tuoni e l'avvocato Stefano Pizzola, rappresentante dell'accusatore privato (la famiglia della vittima), hanno convenuto stamane di ricorrere contro il verdetto davanti alla Corte di appello e revisione penale. La dichiarazione d'istanza alla corte di secondo grado è già partita. Poi, una volta che giungeranno le motivazioni della sentenza, le due parti ricorrenti avranno venti giorni per presentare il ricorso in forma scritta. Il caso giudiziario sul pestaggio avvenuto il 17 dicembre 2019 alla pensione La Santa di Viganello per mano del 35enne austriaco e sfociato nella morte di Matteo Cantoreggi, giungerà dunque all'attenzione di una seconda Corte.  

Il caso destinato a fare giurisprudenza

La vicenda è destinata a fare giurisprudenza. Ricapitoliamo i punti essenziali. L'imputato 35enne, in carcere da un anno e mezzo, è stato rinviato a processo in via principale per il reato di assassinio, subordinatamente per omicidio intenzionale. Il magistrato, martedì al termine della sua requisitoria aveva chiesto una condanna nei confronti del cittadino austriaco di 17 anni di carcere ed espulsione dalla Svizzera per 15 anni. La Corte, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, accogliendo integralmente la richiesta dell'avvocatessa di difesa, Letizia Vezzoni, ha invece ammesso il reato di omicidio colposo per omissione e condannato l'imputato a 4 anni e 3 mesi e rinunciato al pronunciare l'espulsione, poiché il 35enne è nato e cresciuto a San Gallo. La Corte delle assise criminali non ha ravvisato la premeditazione. L'impianto accusatorio si è così sgretolato: sono caduti l'assassinio, l'omicidio intenzionale, l'intenzionalità e il dolo eventuale. La Corte ha messo in evidenza come "colpire più volte con dei pugni in faccia non dimostra ancora un intento omicida nell'imputato" e, accogliendo le conclusioni del medico legale, ha sottolineato come Cantoreggi non sia deceduto per i colpi inferti dal 35enne, bensì per soffocamento dopo che il sangue prodotto dalle ferite è finito nei suoi polmoni. Sempre i giudici e gli assessori giurati hanno inoltre ritenuto assente l'elemento soggettivo del reato principale prospettato dalla pp Valentina Tuoni ed escluso che il 35enne volesse dare una lezione alla vittima. Una lettura, questa, che non trova concordi né magistrato né accusatore privato. 

Leggi anche:

Delitto Cantoreggi, cade l'assassinio. Pena di 4 anni e 3 mesi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved