Portogallo
2
Germania
4
2. tempo
(1-2)
origlio-vandalismo-alla-steiner-grande-solidarieta
Vandalismo alla Scuola Steiner di Origlio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Onsernone, la scuola dell'infanzia 'traballa'

Mancano i bambini e c'è il rischio che i pochi alunni debbano lasciare la valle per recarsi in un istituto del piano. Trattative col Decs in corso
Luganese
4 ore

Scudo: la pandemia porta più incertezza ma più utenti

Il servizio di cure a domicilio del Luganese chiude il 2020 con un volume d'affari di circa 20 milioni e un utile di oltre 300mila franchi
Mendrisiotto
5 ore

Giovani rubano un furgone e lo fanno affondare nel Ceresio

La vicenda è avvenuta nella notte tra lunedì e martedì. È stata aperta un'inchiesta
Bellinzonese
7 ore

Serravalle, un sentiero interattivo fra natura e storia

Il progetto 'Salamandra Vagabonda' partirà la prossima primavera e permetterà di scoprire le ricchezze del territorio delle frazioni di Ludiano e Semione
Ticino
14 ore

‘Avvocati, meno generalisti e sempre più specialisti’

Gianluca Padlina alla sua ultima partecipazione in veste di presidente dell’Ordine a una cerimonia per l’avvenuta promozione di nuovi legali. A ventotto il brevetto
Locarnese
14 ore

Isole, un rilancio da primato storico assoluto

Dall'apertura della stagione sfondato il tetto dei 50mila visitatori. Il coordinatore Veronese: “Passione, collaborazione e impegno ampiamente condivisi”.
Ticino
14 ore

In Marocco perseguitano i gay, ma non per la Sem

La Segreteria della migrazione svizzera vuole rimandare in patria un ragazzo che per la sua omosessualità rischia le botte e la galera.
Mendrisiotto
19 ore

‘Scontro’ tra giovani e polizia al campus

‘In una ventina si sono scagliati contro gli agenti’. Ma gli studenti contestano: ‘Non è andata così’
Ticino
1 gior

Un fondo più corposo per i ‘dezonamenti’

Presentati due emendamenti per potenziare il credito dedicato allo sviluppo territoriale ‘centripeto’. Chiesti da 20 a 50 milioni di franchi
Ticino
1 gior

Eoc, trattative salariali ferme al palo

La maggioranza dell’assemblea dei dipendenti rappresentati da Vpod e Ocst chiede aumenti più sostanziosi
Luganese
1 gior

Tito obbligatorio al poligono del Monte Ceneri

Lo organizzano i Tiratori del Vedeggio mercoledì 23 giugno al poligono militare. Si sparerà dalle 17 alle 18.30
Luganese
1 gior

Dall'Ambassador Club Ceresio un sostegno all'autismo

Donati cinquemila franchi alla Fondazione Oltre Noi, ente che sostiene progetti dell'associazione Asi
Luganese
 
09.05.2021 - 17:000
Aggiornamento : 20:15

Origlio, vandalismo alla Steiner: ‘Grande solidarietà’

In collina regna l'incredulità per la distruzione, ma la macchina della generosità si è velocemente mossa. Vandalismo giovanile o ritorsione?

Dopo la distruzione, la generosità. Dopo che la caffetteria della Scuola Steiner di Origlio è stata vandalizzata, la macchina della solidarietà si è mossa velocemente. Ce lo conferma Maria Enrica Torcianti, docente di euritmia di lungo corso e membro del comitato dell'istituto sul posto dalla mattina.

‘Questo per noi è un luogo simbolo’

«Appena uscita la notizia stamattina, sono arrivati subito qui diversi genitori, fra quelli non in quarantena perlomeno. In molti hanno dato la disponibilità per aiutare e stiamo organizzando una squadra per rimettere tutto in ordine – spiega –. Abbiamo aspettato che la polizia finisse di effettuare i rilievi, a breve arriverà qui il gruppo adibito alla caffetteria per fare l'inventario: finché quest'ultimo non sarà effettuato, una stima dei danni precisa non sarà possibile, come neppure capire se qualcosa sia effettivamente stato rubato o meno». Di certo, lo spettacolo è forte: finestre spaccate, mobili rotti, oggetti distrutti e sparpagliati, sporcizia. «Sì, c'è stato un certo accanimento. Hanno distrutto e sporcato manufatti e lavori manuali fatti da bambini e famiglie, questo per noi è un luogo simbolo, oltre che di scambio e incontro. Qui i genitori si trovano per bere il caffè e scambiare quattro chiacchiere quando portano i figli a scuola e quest'ultimi si fermano qui dopo le lezioni per fare la merenda».

Una vendetta? ‘Non in questo modo, inimmaginabile’

Per questi motivi, sebbene l'intera scuola sia attualmente in quarantena a causa di diversi casi di Covid-19, «è importante che la caffetteria torni presto utilizzabile. Si tratta di un luogo di serenità, molto curato, amato da tutti». Amato, anche da chi la scuola non la frequenta. «Questa mattina è arrivata un'anziana del paese, che non c'entra con la Steiner, ma è voluta venire a vedere cosa fosse successo perché era dispiaciuta – racconta Torcianti –. Anche altre persone sono venute a esprimere la propria vicinanza. Ci sono anche stati degli slanci di solidarietà, abbiamo ricevuto già diverse donazioni sul nostro crowdfunding. In questo senso, c'è sempre la luce anche nel buio». E a proposito di luce e di buio, la Polizia scientifica avrebbe trovato numerose impronte sul posto, sprovvisto purtroppo di videosorveglianza. «Secondo la polizia è probabile che sia un atto di vandalismo giovanile. Però questo accanimento quasi feroce sembra altro... Non ci pronunciamo perché siamo molto colpiti, direi sotto choc, e cerchiamo quindi di fermare un po' i pensieri». Non c'è qualcuno che avrebbe potuto volersi vendicare? «Non in questo modo, non è immaginabile».

Bertoli: ‘Vandalismo che colpisce fa male’

«Sono degli atti indescrivibili, non solo da condannare ma ancora di più – ci dice il sindaco di Origlio Alessandro Cedraschi –. ISpero che non sia stata una ritorsione, mi auguro sia stata una brutta bravata. Quando si entra soprattutto in una scuola, indipendentemente dalle difficoltà che questa possa avere, è doppiamente deplorevole». Appunto: sì privata, tuttavia a essere stata colpita è pur sempre una scuola. Abbiamo chiesto quindi un breve commento anche al presidente del Consiglio di Stato, direttore del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport: «Un atto di vandalismo è sempre riprovevole. Quando poi viene fatto nei confronti di un simbolo della volontà collettiva di dare un futuro alle giovani generazioni fa sempre male – osserva Manuele Bertoli –. Questo vale per le scuole, come per le altre strutture per i giovani. Sono quei simboli che dovrebbero essere intoccabili ma che purtroppo invece alcuni toccano senza ragionarci troppo ed è veramente peccato».

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved