monteceneri-ribaltone-e-frattura-in-casa-ppd
Le neoeletta Letizia Ghilardi, con gli uscenti non riconfermati Andrea Daldini (a sinistra) e Tiziano Zucchetti (a destra)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
4 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
5 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
5 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
5 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
5 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
Bellinzonese
5 ore

Infortunio sul lavoro a Bellinzona, gravi ferite per un operaio

L’uomo, un 42enne residente nella Provincia di Varese, ha battuto la testa mentre scendeva da una scala a chiocciola. La sua vita è in pericolo
Ticino
5 ore

‘Il Conservatorio è una scuola, deve essere accessibile a tutti’

Una mozione chiede di modificare la qualifica di due parti dell’istituto che attualmente sottostanno all’obbligo del certificato 2G
Mendrisiotto
6 ore

Vacallo ha perso 19 abitanti in un anno

Lieve calo della popolazione che ora è di 3’343 cittadini. Fanno ben sperare le 20 nascite registrate.
Luganese
6 ore

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto
Locarnese
6 ore

I semafori intelligenti sull’A2-A13 piacciono a Tcs e Acs

L’Ustra propone un impianto di autoregolazione del traffico per risolvere il grave problema sul Piano di Magadino, in attesa del nuovo collegamento
Luganese
6 ore

Lugano, per la mobilità scolastica ‘servono interventi mirati’

È quanto emerge da uno studio pubblicato sul sito della Città. Coinvolti 52 edifici scolastici e 5’813 allievi.
Ticino
7 ore

Livelli alle medie: ‘Rimandarne il superamento è inaccettabile’

La Conferenza cantonale dei genitori punta alla sostituzione dei corsi A e B anche in quarta
Ticino
7 ore

Eventi sportivi al chiuso, revocata la limitazione di capienza

In Ticino i tifosi di Ambrì Piotta e Lugano potranno tornare da subito ad assistere alle partite nel settore spalti
Luganese
7 ore

Il servizio accompagnamento sociale si sposta a Molino Nuovo

Gli sportelli del servizio offerto dalla Città di Lugano si troveranno in via Brentani 9 e sostituiranno quelli di via Industria e via Carducci
Bellinzonese
7 ore

Allievi negativi costretti a casa: liberi tutti? Non proprio

Medie di Giubiasco, due classi con più positivi. Il medico cantonale raccomanda ai compagni di evitare luoghi pubblici e attività sportive di gruppo
Ticino
8 ore

Visita di cortesia dell’Ambasciatrice della Polonia

Si è discusso di pandemia, legami culturali con il territorio ticinese ed economici con la Confederazione
GALLERY
Luganese
8 ore

‘Umamy’, quando l’integrazione comincia in cucina

Croce Rossa Svizzera, sezione del Sottoceneri, presenta il progetto di integrazione socio-culturale che coinvolge i richiedenti l’asilo
 
24.04.2021 - 05:300

Monteceneri, ribaltone e frattura in casa Ppd

Dopo la sconfitta alle elezioni comunali, è strappo fra la sezione i municipali uscenti (e non rieletti) Andrea Daldini e Tiziano Zucchetti

Le elezioni comunali del 18 aprile hanno causato un terremoto nel Partito popolare democratico (Ppd) di Monteceneri. Non solo è stata dimezzata la rappresentanza in Municipio, ma nessuno dei due uscenti è stato rieletto: al loro posto è entrata in esecutivo Letizia Ghilardi. Un ribaltone che ha portato allo strappo fra Andrea Daldini e Tiziano Zucchetti e la sezione: «L'obiettivo era far fuori me e Tiziano perché eravamo diventati scomodi» sostiene il primo. Il motivo? Le loro posizioni sarebbero state troppo spesso allineate alla Lega, cosa che avrebbe fatto storcere il naso a una parte della base del Ppd. E, pur essendo stati eletti in Consiglio comunale (Cc), Daldini e Zucchetti hanno deciso rispettivamente di lasciare il partito e la politica attiva. Ne abbiamo parlato coi diretti interessati.

‘Non siamo stati sostenuti dal partito’

«Non ci siamo sentiti sostenuti nonostante ci fossero state date delle rassicurazioni – spiega Daldini –. Come si fa prima di ogni elezione, abbiamo chiesto se ci sarebbe stato il sostegno e ci è stato detto di sì. Se avessimo saputo da subito che questo supporto sarebbe mancato, non ci saremmo ricandidati». «Non voglio assolutamente entrare in polemica, ho dietro una famiglia che ha sempre dato tutto per la sezione. Tuttavia, l'esito della votazione mi sembra chiaro: c'è stato qualcuno che non ha voluto che io e Andrea venissimo rieletti – aggiunge Zucchetti –. Non lo so come mai, ho sempre guardato in faccia i colleghi di partito chiedendo loro se il lavoro svolto e il modo di fare politica proposto fossero condivisi e apprezzati. Mi è sempre stata data risposta positiva. L'evidenza però ha detto altro».

‘Togliamo il disturbo’

L'evidenza sono le cifre. Ghilardi ha avuto 926 voti, Daldini e Zucchetti rispettivamente 781 e 765. « Guardando ai preferenziali interni al partito – osserva Daldini –, io (229, ndr) e Letizia (238, ndr) abbiamo preso gli stessi voti, Tiziano invece ha preso la metà dei voti di scheda (183 su 360, ndr). Questo vuol dire che un elettore Ppd su due non l'ha votato, nel mio caso uno su tre. Se consideriamo che siamo municipali uscenti è tantissimo». Una bocciatura interna quindi, ma non solo: dietro al ‘colpo di mano’ vi sarebbe un altro partito. «La mia sostituta – ancora Daldini – ha preso 64 voti in più dal Partito liberale radicale (Plr) rispetto a me e 65 in più dalle schede senza intestazione. Molti di questi probabilmente sono elettori Ppd che non hanno votato il partito ma hanno dato la preferenza a lei. Quindi l'obiettivo era proprio far fuori me e Tiziano, motivo per il quale abbiamo deciso di andarcene. Non siamo più desiderati? Va bene, togliamo il disturbo e il tempo lo impieghiamo meglio». 

Il Plr e la lista civica

Ma perché ci sarebbe stata una sorta di congiura quindi interna al Ppd e con alleato esterno il Plr? «In Municipio ho portato avanti diversi progetti e sono sempre stato osteggiato dal Plr – sempre Daldini –. Quello che forse non è mai andato all'interno del Municipio è che io e Tiziano andavamo d'accordo con Lega e Partito socialista (Ps), perché guardavamo agli interessi di tutto il Comune. E questo al Plr non piaceva. E anche nel nostro partito c'era chi la vedeva come noi e poi ce n'erano anche altri con legami personali o professionali con esponenti del Plr». «Mi sono sempre alleato con chi proponeva idee che condividevo. Il fatto stesso che rappresentanti di partiti diversi come Ps, Lega e Ppd avessero idee condivise, dovrebbe portare qualcun altro a porsi delle domande se non era forse la propria idea a essere discutibile» sottolinea invece Zucchetti. «L'obiettivo dei liberali era fare tre municipali portandone via uno a noi, cosa che di fatto è avvenuta» evidenzia quindi Daldini. E a complicare le cose ci sarebbe stata anche una lista civica, Monteceneri 5.0, che ha corso solo per il Municipio: totalizzando il 2,6% delle preferenze, ossia un punto percentuale in più di quanto perso dal Ppd rispetto al 2016. «Si tratta però di elettori vicini al Ppd, che hanno portato via voti».

Il presidente sezionale: ‘Non vedo una manovra contro di loro’

Accuse che abbiamo girato al presidente della sezione, Giuseppe Filippini. «Si tratta di un risultato di difficile lettura – premette –. Capisco il dispiacere, ma a mia conoscenza non c'è stata nessuna manovra per sfavorire i due uscenti, non è stato fatto alcun gioco contro di loro. È vero che Zucchetti ha preso meno voti dagli elettori Ppd, però li ha poi recuperati con altre schede di panachage. Quello che ha fatto la differenza è il numero di preferenziali dati a Letizia dalle schede senza intestazione. Magari sono ingenuo io, ma non vedo dietro queste cifre una manovra organizzata. Letizia è molto in gamba e molto attiva in diversi ambiti, è presidente uscente del Cc, una candidata forte».

Il presidente ammette la sconfitta del partito: «Il risultato è sicuramente negativo. Gli obiettivi della riconferma dei due seggi in Municipio e degli otto in Consiglio comunale non sono stati raggiunti. Sapevamo che sarebbe stato difficile, anche perché c'era una nuova lista civica. Uno dei candidati (Gianpaolo Pontarolo, ndr) è un ex Ppd già in lista con noi due legislature fa...». E se Filippini ammette che la lista civica è stata «penalizzante per il Ppd», non conferma il voto contro ai due uscenti. «Mi sembra un po' eccessivo. È vero che loro spesso si sono trovati su posizioni sostenute dalla Lega, ma non vuol dire nulla, hanno sempre ragionato con la loro testa. È vero che a Monteceneri c'è una situazione un po' litigiosa fra i partiti, però non mi aspettavo un 'regolamento dei conti'. E oltretutto da parte della Lega non c'è stato un sostegno così forte per loro». E per il presidente la porta resta aperta: «Cercherò di ricucire questo strappo e farli tornare sulle loro posizioni, sono persone valide che hanno dato un contributo importante al partito, che abbiamo apprezzato. L'intento è di recuperarli, almeno per il Cc».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved