ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’

Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Luganese
1 ora

Lugano, circolazione tribulata a causa del film

Richiamata la chiusura del lungolago domani. Gli odierni problemi di traffico in centro città potrebbero aumentare
Ticino
1 ora

La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles

Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
2 ore

Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno

Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
2 ore

Un principe poco da favola di un regno di bugie

Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Luganese
2 ore

Lugano, auto d’epoca in mostra nelle piazze

Alla seconda edizione dell’evento, ‘cancelli’ riaperti agli appassionati ed è previsto anche il premio per l’automobile più vecchia
Luganese
3 ore

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il Partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
3 ore

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
3 ore

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
3 ore

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Locarnese
3 ore

Muralto, dal ‘Vangelo secondo Harry Potter’

Al Centro Evangelico una tavola rotonda propone una lettura delle tematiche spirituali presenti nel ciclo del noto personaggio
Mendrisiotto
3 ore

Cinque Comuni del Mendrisiotto pensano al tutor di comunità

Avviata la formazione di una nuova figura di operatore sociale da parte di Morbio Inferiore, Vacallo, Breggia, Castel San Pietro e Balerna
Locarnese
3 ore

Energie rinnovabili, ‘il Municipio che intenzioni ha?’

Interpellanza del Gruppo Plr e Verdi liberali di Gordola sulla possibilità di sfruttare incentivi federali per fotovoltaico e mobilità elettrica
Mendrisiotto
3 ore

Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità

Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Grigioni
4 ore

Porte aperte all’alambicco regionale del Moesano

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 15 vicino al magazzino comunale ed ecopiazza a Roveredo
Bellinzonese
4 ore

Visita in cioccolateria con l’Atte Leventina

Mercoledì 12 ottobre è in programma una visita alla Chocolat Stella di Giubiasco
Luganese
4 ore

Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare

Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Locarnese
4 ore

Cevio, dal brunch in fattoria allo Svuotacantine

Un successo la giornata didattica e benefica in fattoria; la raccolta fondi prosegue domenica con il mercatino sul piazzale della Manor di Ascona
laR
 
24.04.2021 - 05:30

Monteceneri, ribaltone e frattura in casa Ppd

Dopo la sconfitta alle elezioni comunali, è strappo fra la sezione i municipali uscenti (e non rieletti) Andrea Daldini e Tiziano Zucchetti

monteceneri-ribaltone-e-frattura-in-casa-ppd
Le neoeletta Letizia Ghilardi, con gli uscenti non riconfermati Andrea Daldini (a sinistra) e Tiziano Zucchetti (a destra)

Le elezioni comunali del 18 aprile hanno causato un terremoto nel Partito popolare democratico (Ppd) di Monteceneri. Non solo è stata dimezzata la rappresentanza in Municipio, ma nessuno dei due uscenti è stato rieletto: al loro posto è entrata in esecutivo Letizia Ghilardi. Un ribaltone che ha portato allo strappo fra Andrea Daldini e Tiziano Zucchetti e la sezione: «L'obiettivo era far fuori me e Tiziano perché eravamo diventati scomodi» sostiene il primo. Il motivo? Le loro posizioni sarebbero state troppo spesso allineate alla Lega, cosa che avrebbe fatto storcere il naso a una parte della base del Ppd. E, pur essendo stati eletti in Consiglio comunale (Cc), Daldini e Zucchetti hanno deciso rispettivamente di lasciare il partito e la politica attiva. Ne abbiamo parlato coi diretti interessati.

‘Non siamo stati sostenuti dal partito’

«Non ci siamo sentiti sostenuti nonostante ci fossero state date delle rassicurazioni – spiega Daldini –. Come si fa prima di ogni elezione, abbiamo chiesto se ci sarebbe stato il sostegno e ci è stato detto di sì. Se avessimo saputo da subito che questo supporto sarebbe mancato, non ci saremmo ricandidati». «Non voglio assolutamente entrare in polemica, ho dietro una famiglia che ha sempre dato tutto per la sezione. Tuttavia, l'esito della votazione mi sembra chiaro: c'è stato qualcuno che non ha voluto che io e Andrea venissimo rieletti – aggiunge Zucchetti –. Non lo so come mai, ho sempre guardato in faccia i colleghi di partito chiedendo loro se il lavoro svolto e il modo di fare politica proposto fossero condivisi e apprezzati. Mi è sempre stata data risposta positiva. L'evidenza però ha detto altro».

‘Togliamo il disturbo’

L'evidenza sono le cifre. Ghilardi ha avuto 926 voti, Daldini e Zucchetti rispettivamente 781 e 765. « Guardando ai preferenziali interni al partito – osserva Daldini –, io (229, ndr) e Letizia (238, ndr) abbiamo preso gli stessi voti, Tiziano invece ha preso la metà dei voti di scheda (183 su 360, ndr). Questo vuol dire che un elettore Ppd su due non l'ha votato, nel mio caso uno su tre. Se consideriamo che siamo municipali uscenti è tantissimo». Una bocciatura interna quindi, ma non solo: dietro al ‘colpo di mano’ vi sarebbe un altro partito. «La mia sostituta – ancora Daldini – ha preso 64 voti in più dal Partito liberale radicale (Plr) rispetto a me e 65 in più dalle schede senza intestazione. Molti di questi probabilmente sono elettori Ppd che non hanno votato il partito ma hanno dato la preferenza a lei. Quindi l'obiettivo era proprio far fuori me e Tiziano, motivo per il quale abbiamo deciso di andarcene. Non siamo più desiderati? Va bene, togliamo il disturbo e il tempo lo impieghiamo meglio». 

Il Plr e la lista civica

Ma perché ci sarebbe stata una sorta di congiura quindi interna al Ppd e con alleato esterno il Plr? «In Municipio ho portato avanti diversi progetti e sono sempre stato osteggiato dal Plr – sempre Daldini –. Quello che forse non è mai andato all'interno del Municipio è che io e Tiziano andavamo d'accordo con Lega e Partito socialista (Ps), perché guardavamo agli interessi di tutto il Comune. E questo al Plr non piaceva. E anche nel nostro partito c'era chi la vedeva come noi e poi ce n'erano anche altri con legami personali o professionali con esponenti del Plr». «Mi sono sempre alleato con chi proponeva idee che condividevo. Il fatto stesso che rappresentanti di partiti diversi come Ps, Lega e Ppd avessero idee condivise, dovrebbe portare qualcun altro a porsi delle domande se non era forse la propria idea a essere discutibile» sottolinea invece Zucchetti. «L'obiettivo dei liberali era fare tre municipali portandone via uno a noi, cosa che di fatto è avvenuta» evidenzia quindi Daldini. E a complicare le cose ci sarebbe stata anche una lista civica, Monteceneri 5.0, che ha corso solo per il Municipio: totalizzando il 2,6% delle preferenze, ossia un punto percentuale in più di quanto perso dal Ppd rispetto al 2016. «Si tratta però di elettori vicini al Ppd, che hanno portato via voti».

Il presidente sezionale: ‘Non vedo una manovra contro di loro’

Accuse che abbiamo girato al presidente della sezione, Giuseppe Filippini. «Si tratta di un risultato di difficile lettura – premette –. Capisco il dispiacere, ma a mia conoscenza non c'è stata nessuna manovra per sfavorire i due uscenti, non è stato fatto alcun gioco contro di loro. È vero che Zucchetti ha preso meno voti dagli elettori Ppd, però li ha poi recuperati con altre schede di panachage. Quello che ha fatto la differenza è il numero di preferenziali dati a Letizia dalle schede senza intestazione. Magari sono ingenuo io, ma non vedo dietro queste cifre una manovra organizzata. Letizia è molto in gamba e molto attiva in diversi ambiti, è presidente uscente del Cc, una candidata forte».

Il presidente ammette la sconfitta del partito: «Il risultato è sicuramente negativo. Gli obiettivi della riconferma dei due seggi in Municipio e degli otto in Consiglio comunale non sono stati raggiunti. Sapevamo che sarebbe stato difficile, anche perché c'era una nuova lista civica. Uno dei candidati (Gianpaolo Pontarolo, ndr) è un ex Ppd già in lista con noi due legislature fa...». E se Filippini ammette che la lista civica è stata «penalizzante per il Ppd», non conferma il voto contro ai due uscenti. «Mi sembra un po' eccessivo. È vero che loro spesso si sono trovati su posizioni sostenute dalla Lega, ma non vuol dire nulla, hanno sempre ragionato con la loro testa. È vero che a Monteceneri c'è una situazione un po' litigiosa fra i partiti, però non mi aspettavo un 'regolamento dei conti'. E oltretutto da parte della Lega non c'è stato un sostegno così forte per loro». E per il presidente la porta resta aperta: «Cercherò di ricucire questo strappo e farli tornare sulle loro posizioni, sono persone valide che hanno dato un contributo importante al partito, che abbiamo apprezzato. L'intento è di recuperarli, almeno per il Cc».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved