master-medicina-lugano-sinergia-con-swiss-medical-network
TI-PRESS
Sinergia pubblico-privato
Luganese
12.04.2021 - 16:200

Master medicina Lugano, sinergia con Swiss Medical Network

Collaborazione tra l'ateneo e il gruppo privato di ospedali e cliniche in Svizzera

Collaborazione pubblico-privato tra Swiss Medical Network e l’Università della Svizzera Italiana (USI) nell’ambito del nuovo Master in medicina offerto in Ticino, che ha avuto inizio il 14 settembre scorso sotto forma di un programma di formazione medica triennale rivolto a studenti in possesso di un Bachelor in medicina, rilasciato principalmente dalle università partner svizzere: l’ETH di Zurigo, l’Università di Basilea e l’Università di Zurigo. La formazione pratica si svolgerà anche nelle due cliniche ticinesi di Swiss Medical Network, Ars Medica e Sant’Anna, e all'Ente ospedaliero cantonale.

Un impegno nella formazione 

Dal 23 febbraio 2021, la Clinica Sant’Anna di Lugano consente agli studenti di seguire il modulo di ostetricia e ginecologia, mentre la Clinica Ars Medica di Gravesano, centro di riferimento cantonale per l’ortopedia e la traumatologia, permetterà ai futuri medici di seguire il programma di ortopedia a partire dal prossimo semestre autunnale  si legge in un comunicato stampa. "Questo progetto accademico sostenuto da Swiss Medical Network dimostra come l’interesse collettivo rimanga sempre al primo posto. Il progetto vede inoltre il coinvolgimento di tutti gli attori del sistema educativo e sanitario della regione senza distinzione, dimostrando il valore e il successo della collaborazione pubblico-privato". Questa alleanza - viene evidenziato - si riflette anche nella stretta collaborazione di alcuni medici indipendenti specializzati in neonatologia della Clinica Sant’Anna con l’USI e con l’Istituto Pediatrico della Svizzera Italiana di Bellinzona, nell’ambito della formazione teorica per il modulo di pediatria nel campus universitario. Swiss Medical Network, uno dei due gruppi privati di ospedali e cliniche in Svizzera, dedica un’attenzione particolare alla formazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved