i-pompieri-di-lugano-abilitati-a-formare-i-professionisti
TI-PRESS
Professionisti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Gambarogno, 83enne disperso nelle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Bellinzonese
2 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
2 ore

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
3 ore

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
3 ore

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
3 ore

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
3 ore

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
3 ore

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
4 ore

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Locarnese
4 ore

Festa patronale a Brione Verzasca

Messa, aperitivo e incanto dei doni nel programma mattutino; nel pomeriggio vi sarà la lode vespertina
Mendrisiotto
4 ore

Vacallo, un’altra benna per smaltire carta e cartoni

Sarà introdotta da martedì 16 agosto nella piazza rifiuti di Vacallo Alta-via San Martino
30.03.2021 - 17:09
Aggiornamento: 19:35

I pompieri di Lugano abilitati a formare i professionisti

Dall'aprile 2022 sarà inaugurata l'Accademia con i primi dieci aspiranti, che offrirà pure moduli di formazione ad altre categorie interessate

Terzo in Svizzera dopo Zurigo e Ginevra, il corpo civici pompieri di Lugano ha ottenuto l'accreditamento all'Accademia per pompieri professionisti di lingua italiana. Lo ha annunciato oggi il comandante, Federico Sala, nell'ambito della conferenza stampa convocata per illustrare il rapporto di attività 2020. E proprio la novità nell'ambito formativo rappresenta una delle numerose sfide intraprese lo scorso anno. L'Accademia, che avrà sede alla caserma in via Trevano 127, prenderà il via ufficialmente dall'aprile 2022 e sarà diretta da Ramon Petsch. Il certificato di accreditamento è stato raggiunto dopo che il Corpo civici pompieri cittadino ha completato e superato i criteri stabiliti dall'Organizzazione del mondo del lavoro pompieri. Per diventare dei 'Grisù' professionisti occorre possedere un diploma triennale, essere assunti quali aspiranti professionisti e quindi frequentare un percorso formativo della durata di 18 mesi. Le competenze insegnate nella scuola di livello nazionale spaziano dalla lotta anticendio, agli incidenti in ambito atomico, biologico e chimico, fino ai soccorsi tecnici e all'assistenza preclinica dei pazienti. In futuro - è stato evidenziato - l'Accademia, che ha nel frattempo iniziato il percorso per raggiungere la certificazione dello standard di qualità 'EduQua', offrirà corsi di diverso genere non solo rivolti ai pompieri professionisti, bensì anche ai volontari, ad organizzazioni private, insomma ogni categoria interessata potrà iscriversi a moduli di formazione.

Per i Grisù introdotti turni di 12 ore 

Un'altra novità intervenuta nel 2020, anno della pandemia, «di stop forzati che ci ha costretti a nuove regole e discipline alle quali non eravamo abituati» - ha osservato il comandante - riguarda il cambiamento organizzativo del tempo lavoro dei suoi 154 militi incorporati, allo scopo di garantire una capacità di intervento ancora più efficiente, 24 ore su 24, 365 giorni all'anno. Gli orari di lavori per i vigili del fuoco sono stati strutturati con turni di 12 ore di lavoro ininterrotto, dalle 7 alle 19, dal lunedì al sabato, naturalmente intercalati da giorni di completo riposo. Nel turnover per la notte vi sono i pompieri che vivono in caserma, nonché i volontari. «I pompieri sono molto contenti di questo nuovo orario di lavoro introdotto» - ha garantito il comandante, che ha ringraziato il capodicastero, Michele Bertini, dal momento che oggi si è trattato della sua ultima partecipazione al rendiconto dei pompieri cittadini, visto che lascerà il Municipio. Dal canto suo, il vicesindaco ha stilato un buon bilancio degli otto anni in qualità di responsabile della divisione pompieri. Un prossimo messaggio municipale in arrivo - ha annunciato Bertini - riguarda un credito per lavori di miglioria alla struttura della caserma. Già pronti per essere eseguiti, invece, gli interventi di miglioria agli appartamenti dei pompieri 'casermati' che vivono con le rispettive famiglie nella sede centrale di via Trevano. 

Aumentati incendi e allagamenti 

Ma ecco i dati più salienti dell'attività dei pompieri nell'arco del 2020: gli interventi sono stati complessivamente 1093. Rispetto al 2019, si segnala un maggior numero di incendi (+15) e inoltre il fuoco permane la categoria più sollecitata, con 549 interventi (50,2%). L'incendio più clamoroso riguarda senz'altro il Mulino di Maroggia, divorato dalle fiamme lo scorso 23 novembre.  Gli interventi dell'acqua l'anno scorso hanno raggiunto quota 108 (quasi il 10%) con un aumento di 48 casi. Anche gli eventi naturali hanno conosciuto un'impennata (+42). Se si osserva la curva degli interventi d'urgenza dal 1970 ad oggi, essa s'impenna, superando ampiamente le mille unità.

Diminuita, invece, a causa della pandemia, l'attività degli interventi non urgenti (disinfestazioni, servizio igiene) e dei servizi erogati (partecipazione a manifestazioni, formazione, prevenzione), complessivamente a quota 2029.

 

 

 

 

 

Leggi anche:

In fiamme il mulino di Maroggia

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
formazione lugano pompieri professionisti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved