ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
55 min

Giovani e sportivi a Chiasso, la gran parte è ticinese

Passate in rassegna le società attive sul territorio comunale, è emerso che gli atleti provenienti dall’estero sono la minoranza
Luganese
1 ora

Cantiere in vista in via Maraini a Lugano

Da lunedì 6 febbraio e per quattro giorni il traffico sarà regolato da agenti di sicurezza
Bellinzonese
1 ora

Le Terre del Ceneri incontrano la Città dei mestieri

Mercoledì 15 marzo porte aperte nelle aziende formatrici del territorio di Cadenazzo, Gambarogno e Monteceneri
Locarnese
2 ore

Chiacchiere al camino in compagnia di Zeno Ramelli

L’incontro con lo storico e giornalista, inserito nelle attività di ‘Natal in Vall’, si terrà giovedì nel Castello Marcacci di Brione Verzasca
Ticino
2 ore

Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie

Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
3 ore

Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche

A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
3 ore

Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno

Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
3 ore

Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’

La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
5 ore

Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta

Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
5 ore

Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’

Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
7 ore

Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’

Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
7 ore

Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa

Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
15 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
11.03.2021 - 22:52
Aggiornamento: 23:15

E ad Agno sbarca il convoglio della futura rete Tram-treno

Questa sera sono arrivati i nuovi vagoni della Flp agibili da giugno e dal 2029 rivoluzioneranno il mondo della mobilità

di Guido Grilli
e-ad-agno-sbarca-il-convoglio-della-futura-rete-tram-treno
Ti-Press
L’arrivo del convoglio

A volte ci sono di quei giorni che senti appartenere alla Storia. Entrerà negli annali l’evento svoltosi questa sera ad Agno, quando dai camion sono usciti tre parti di treno che andranno a configurare il primo di una serie dei moderni convogli, destinati a rivoluzionare l'intera mobilità regionale del Luganese e a sostituire gradualmente gli attuali trenini arancioni della Flp Lugano-Ponte Tresa, datati 1978. E l'emozione nell’aria era palpabile tra i numerosi addetti ai lavori, mentre si consumavano i delicati lavori di scarico e messa sui binari dei vagoni. Al moderno treno, della lunghezza di 45 metri, ne seguiranno altri otto e poi altre tre, ma allora saremo già nel 2029, quando si inaugurerà l'attesa Rete del tram-treno del Luganese. 

Collaudo e omologazione. E con l'estate il moderno treno sfreccerà regolarmente

Dopo il lungo viaggio tramite autocarro dagli stabilimenti del produttore Stadler, il treno è stato stazionato presso l’officina Flp, dove da tempo gli addetti ai lavori ne hanno preparato le fasi del suo arrivo. I prossimi passi? Prenderà ora il via una fase fondamentale per la messa in esercizio. I convogli, che rappresentano di fatto una prima a livello svizzero - il modello è unico nella Confederazione - dovranno infatti essere sottoposti a collaudo e omologazione. Il processo, per il quale si calcola una tempistica di circa tre mesi, culminerà con l'autorizzazione all’esercizio da parte dell’Ufficio federale dei trasporti. L’entrata in esercizio del primo Tramlink della Stadler è dunque prevista tra i mesi di giugno e luglio. Nei prossimi mesi arriveranno inoltre, presso la Ferrovia Lugano Ponte Tresa, un totale di altre otto composizioni. La flotta sarà al completo tra ottobre e novembre.

Comfort e la possibilità di trasportare fino a 600 passeggeri a corsa

Ma ecco le principali caratteristiche del moderno convoglio: accessibilità, comfort e sicurezza. Gli addetti ai lavori assicurano come i nuovi convogli contribuiranno a migliorare significativamente l’esperienza di viaggio degli oltre 2,5 milioni di passeggeri che ogni anno si spostano tra Lugano e Ponte-Tresa. Dotati di tutti i comfort a bordo, i treni saranno più silenziosi, caratterizzati da ampie finestre e schermi luminosi, nonché dalla climatizzazione, più volte richiesta dall'utenza. Dal punto di vista dell’accessibilità, nelle ore di punta, i vagoni potranno viaggiare in “doppia composizione”, arrivando così a trasportare fino a 600 passeggeri, il doppio rispetto a quelli attuali. Sarà inoltre possibile il trasporto agevole di passeggini, biciclette e carrozzine. Non da ultimo, la videosorveglianza interna ed esterna contribuirà a garantire la sicurezza a bordo e nelle immediate vicinanze dei vagoni. Per vedere con i propri occhi le maggiori peculiarità del nuovo treno, l’azienda ha creato un sito Internet dedicato. Per accedervi basta digitare il seguente indirizzo: nuovitreni.flpsa.ch. Altri interessanti dati emergono dal sito, che consente "virtualmente" di salire a bordo del nuovo treno. Detto della lunghezza di 45,5 metri, la larghezza del moderno convoglio raggiunge i 2,4 metri. Novantotto i posti a sedere, per una capacità complessiva di 293 passeggeri. Design e tecnologia dominano il nuovo oggetto della mobilità che potrà raggiungere una velocità di 80 chilometri orari. Dalla Ferrovia Lugano-Ponte Tresa alla futura mobilità. Un passo importante si compirà fra otto anni, quando entrerà in scena l'attesa Rete tram-treno del Luganese. L’arrivo dei nuovi convogli costituisce infatti una tappa importante anche per il nuovo mondo della mobilità regionale. Il nuovo materiale rotabile è stato infatti concepito per poter circolare sui binari anche nel traffico cittadino. Una potenzialità che potrà venire espressa a tutti gli effetti dal 2029, quando appunto i convogli serviranno la Rete del tram-treno del Luganese, progetto di cui la Ferrovia Lugano Ponte Tresa, come noto, è parte integrante.

Un investimento di 47 milioni di franchi

L'arrivo nel 2021 dei nuovi convogli conferma la tempistica preannunciata già due anni fa dai vertici della Ferrovia Lugano-Ponte Tresa, diretta da Roberto Ferroni. L'investimento complessivo è stato di 47 milioni di franchi. In ottica Tram-Treno, i moderni convogli collegheranno Bioggio con Lugano centro e con Manno. Dapprima i binari percorsi dal nuovo treno saranno quelli lungo l'asse Lugano-Ponte Tresa-Lugano. Addio, dunque, a breve dei vecchi trenini in servizio dal 1978. Insomma, un significativo passo avanti nel mondo dei trasporti, dopo i traguardi raggiunti con l'apertura della galleria di base del Ceneri di Alptransit.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved