ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
3 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
5 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
5 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
13 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
17 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
17 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
17 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
17 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
18 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
18 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
19 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
20 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
05.03.2021 - 15:28
Aggiornamento: 22:12

Lugano, rubava e rivendeva. Condannato ladro 22enne

Commetteva furti per garantirsi un elevato tenore di vita. Pena di ventidue mesi sospesa per il giovane

lugano-rubava-e-rivendeva-condannato-ladro-22enne
Quattro mesi di carcerazione preventiva che si sono rivelati difficili per un 22enne omosessuale (Ti-Press/Archivio)

Distributori automatici, bar e ristoranti, alcune aziende del Malcantone e persino il Municipio di Ponte Tresa. Tanti gli obiettivi finiti nel mirino del 22enne italiano residente nel Luganese condannato ieri alle Assise correzionali di Lugano per una serie di furti commessi fra il 2017 e il 2019 a ventidue mesi sospesi condizionalmente per quattro anni e a un’assistenza riabilitativa. Ma più dei reati e della condanna, ad aver fatto clamore in aula è la confessione a sorpresa dell’imputato, che ha dichiarato di essere stato vessato a causa del proprio orientamento sessuale.

‘Ho paura e non voglio tornare in carcere’

«Sono omosessuale – ha detto il giovane – e per questo ho subito degli episodi sgradevoli in carcere. In due mi hanno spintonato verso un luogo non coperto dalla videosorveglianza. Sono grande e grosso anche io e mi sono difeso, ma ho paura e non voglio tornarci». Dichiarazioni non approfondite in aula, ma che hanno fatto sobbalzare sia la sua legale Sandra Xavier, che la procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, entrambe ignare, portando la pp a ipotizzare delle indagini per capire di preciso l’accaduto.

Gli è stata data una possibilità, ‘l'ultima’

Ma in prigione – dove ha trascorso tre mesi e mezzo nel 2019 in carcerazione preventiva –, il giovane per ora non dovrà tornarci. Il giudice Siro Quadri ha deciso infatti di dare una possibilità, «l'ultima», all'imputato sostanzialmente reo confesso, accogliendo di fatto la richiesta congiunta formulata da accusa e difesa. «La pena deve essere idonea all'imputato – ha spiegato il presidente della Corte –. La detenzione è una punizione, ma non la cura. Lei non ha bisogno solo di pensare, ma di essere aiutato. Dovrà seguire un percorso e se non lo farà l'unica soluzione possibile sarà il carcere». Precisazioni dovute, in quanto già nel 2019 nei confronti dell'imputato sono state adottate delle misure sostitutive all'arresto: l'obbligo di avviare una qualifica professionale con il supporto del Patronato; l'obbligo di sottoporsi al Patronato il quale assicurerà la sorveglianza e l'esecuzione delle misure sostitutive oltre ad amministrare le entrate finanziarie; l'obbligo di sottoporsi al trattamento terapeutico presso il Servizio psico-sociale di Lugano. Misure che tuttavia il 22enne «non ha seguito alla lettera», come spiegato dalla pp.

Rubava per rivendere e mantenere l'elevato tenore di vita

Non è l'indigenza economica ad aver portato il giovane a delinquere, ma una situazione personale complessa: musicista talentuoso e di famiglia benestante, entrato in un giro di cattive amicizie e in seguito a dissapori in famiglia il 22enne ha iniziato a commettere i furti. Rubava di tutto, da cimeli del Comune di Ponte Tresa – dopo essersi appropriato del passe-partout –, a bottiglie di vino nei ristoranti, fino ad attrezzature da dj e persino una lavatrice. Merce in parte rivenduta per garantirsi l'alto tenore di vita e in parte utilizzata privatamente, essendo stato attivo lui stesso nell'organizzazione di eventi. Il valore totale della merce rubata si aggira sui 62'000 franchi. Reati che gli sono costati la condanna per furto aggravato per mestiere, ripetuto danneggiamento, ripetuta violazione di domicilio, ripetuta appropriazione indebita, appropriazione semplice, abuso d'impianto per l'elaborazione di dati, sviamento della giustizia, ripetuto furto d'uso e ripetuta guida senza autorizzazione, truffa, falsità in documenti e contravvenzione alla Legge federale sul trasporto dei viaggiatori.

Accusa e difesa: ‘È immaturo, ha bisogno di essere seguito’

Una dozzina di reati, ma ciononostante la Corte ha deciso di credere alla buona volontà dimostrata stavolta dal giovane e perorata sia da difesa sia da accusa. «Secondo noi non ha la maturità sufficiente per affrontare la vita da solo – secondo Lanzillo –. Ci vuole qualcuno che lo aiuti a livello psicologico, ma soprattutto nell'amministrazione e nelle cose quotidiane e nella ricerca di un lavoro. Da parte nostra c'è la volontà di dargli l'ennesima opportunità, ma con un coinvolgimento molto rigoroso del Servizio psico-sociale. Siamo aperti a un percorso serio e motivato da parte sua in alternativa al carcere». «È immaturo – ha aggiunto Xavier –. Certamente è stato molto provato durante i quattro mesi di detenzione e questa forse è l'unica lezione che ha davvero avuto. Con molto rispetto per lui, credo che il perito (che ha evidenziato un disturbo narcisistico della personalità, con tratti antisociali e borderline e un rischio di recidiva alto, ndr) abbia centrato le sue problematiche». Per permettergli quindi di seguire il percorso pensato per lui, e anche perché la sua famiglia vive in Ticino, è stato chiesto e ottenuto il caso di rigore: il 22enne non verrà pertanto espulso dalla Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved