polo-sportivo-dalla-curva-nord-intimidazioni-ai-contrari
La tensione cresce
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 min

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
15 min

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
30 min

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
37 min

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
53 min

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
1 ora

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
1 ora

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
1 ora

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
2 ore

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
2 ore

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
2 ore

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
2 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
3 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
3 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Bellinzonese
3 ore

Fuori strada alla ‘S’ di Gudo: ferite serie per un giovane

L'auto ha sbandato finendo nella scarpata sottostante dopo un volo di alcuni metri. Forti disagi al traffico
Locarnese
3 ore

‘E una rotonda al bivio per la Valle Verzasca?’

Il problema del traffico nei mesi caldi in un'interpellanza al Municipio di Gordola presentata da Stefania Perico e Cosimo Lupi
Mendrisiotto
3 ore

Un sito presenta il nuovo centro paese di Castel San Pietro

Il portale è stato voluto da autorità comunali e gruppo di lavoro per informare costantemente la popolazione sull'avanzamento dello studio
Locarnese
3 ore

‘Tennis per tutti, indipendentemente dal reddito’

Locarno, Elena Zaccheo è la prima donna ad assumere la presidenza del Tcl. Fra gli obiettivi: l'accessibilità della disciplina
Luganese
3 ore

L'Associazione Traffico Ambiente boccia il polo sportivo

Il sodalizio della Svizzera italiana sostiene i referendisti e dice no a un 'progetto estremamente caro, sovradimensionato e per niente ecologico'
Luganese
3 ore

Lugano, 'Il Molino lasci l'ex Macello entro dieci giorni'

Recapitata stamattina al centro sociale la diffida con il nuovo termine per abbandonare gli spazi occupati del sedime lungo il fiume Cassarate
Luganese
03.03.2021 - 06:000
Aggiornamento : 14:47

Polo sportivo, dalla Curva Nord intimidazioni ai contrari

Mentre a Lugano la politica si spacca e il Pse diventa il tema principale della campagna elettorale, sale alle stelle la tensione sui social

Lo sport è anche agonismo, ma quanto sta accadendo in queste settimane in alcuni gruppi social legati alle tifoserie del Football Club Lugano sembrerebbe valicare i confini della competizione. L'argomento è quello del Polo sportivo e degli eventi (Pse), che oltre a dare un nuovo volto all'area di Cornaredo darà alla squadra di calcio luganese un nuovo stadio per garantirne la permanenza in Super League. Va da sé quindi che il tema – ormai diventato il principale della campagna elettorale in corso per le elezioni comunali del 18 aprile – appassioni chi segue la propria squadra del cuore da vicino e scaldi gli animi. A tal punto che alcuni membri della Curva Nord si sono fatti prendere la mano postando quelle che sembrano vere e proprie minacce e intimidazioni.

‘Minacciate in modo da essere inattaccabili’

Alcuni post sono indirizzati espressamente contro i politici che si sono esposti contro il progetto, come questo scritto da un influente tifoso della curva: “Chi si mette contro questo progetto verrà distrutto vita natural durante indipendente(mente, ndr) dal nome, (dal, ndr) colore politico. Qualsiasi idea futura, proposta, pensiero verrà contrastato legalmente e democraticamente, verrà portato allo sfinimento dall'ostruzionismo che troverà per il resto della sua carriera politica”. Dello stesso tenore anche la risposta di un altro tifoso al post: “Se ci sarà referendum ci coordineremo, tutto nei limiti legali, ma si pentiranno di essere venuti al mondo... siamo più di loro e ne possiamo fare di danni”. E a chi commenta che si tratta di uno scritto “minaccioso”, l'autore del primo post replica: “Minaccioso? Chiamasi democrazia”. E lo stesso concetto di democrazia è ribadito dagli stessi personaggi in altri post, dove si elencano i politici dichiaratisi contrari al Pse – da Fulvio Pelli (Plr) a Barbara Di Marco (Mps) –, “falliti vari che per loro interessi politici o finanziari stanno mettendo a repentaglio il futuro del Fc Lugano. La lista non è completa, ma saltano fuori vermi tutti i giorni dalla terra. Però non siate offensivi, minacciate in modo da essere inattaccabili” si consiglia. O ancora, in replica a un articolo contrario al progetto apparso su una testata e bollato come “fake news”: “Allora anche noi reagiremo nel rispetto della democrazia, magari rovesciando una birra sul loro banchetto dove hanno raccolto le firme o minacciando velatamente chi va in giro a raccogliere (mi raccomando senza cadere mai nel penale)”.

Il club: ‘Non condividiamo dichiarazioni che possono sfociare in violenza’

Frasi pesanti, testimoni di un clima che definire acceso è poco. «C'è una tensione comprensibile nei tifosi, perché qualora il Pse non si realizzasse vivrebbero un dramma sportivo contro il quale il club non potrebbe far nulla – premette, da noi sentito, Luca Pedroni –. I tifosi vedono un presidente e una società che da anni fanno sforzi enormi per stare nell'élite del calcio svizzero, che si vedrebbero cancellati da qualche scelta politica, questo chiaramente aumenta le tensioni». Il responsabile Marketing e Business development del club precisa tuttavia che «come società condividiamo la lotta dei tifosi a favore del Pse, ma non condividiamo dichiarazioni che possono sfociare in violenza, fisica o verbale che sia, o minaccia. A livello di società, quando abbiamo visto delle reazioni eccessive sui nostri canali social le abbiamo prontamente cancellate». E poi l'invito a non generalizzare: «Se ci sono delle persone che invitano a fare delle cose illegali, ne risponderanno. Queste di certo non rappresentano e non fanno parte del tifo organizzato».

‘La retrocessione sarebbe una batosta anche economica’

E le liste di politici contrari? «I tifosi vogliono solo sapere chi non votare alle Comunali, in modo civile e democratico – sostiene Pedroni –. Ricordiamo che se il progetto del Pse non dovesse andare in porto, il Lugano entro due anni automaticamente retrocederebbe in Challenge League. Si tratterebbe anche di una batosta economica: gli introiti calerebbero del 70%. Il Fc dà lavoro a un'ottantina di persona e con una retrocessione l'organigramma sarebbe inevitabilmente rivisto. Inoltre è un'azienda che spende tanto sul territorio, sono circa 120 le aziende che lavorano con noi e che, chi più chi meno, verrebbero toccate da un'eventuale retrocessione». Intanto, sempre sui social gira anche un presa di posizione della Curva Nord dai toni molto più pacati, dove si sostiene sì con decisione il progetto descritto come un importante “valore aggiunto” per la città, senza scadere di toni. Nello scritto ci si limita infatti a criticare la litigiosità politica che sta accompagnando l'iter del Pse.

Che il confronto non diventi guerra di religione

Un clima diverso e più sereno rispetto a quello alimentato da alcuni tifosi inscritti al gruppo privato, si respira all'interno della commissione della Gestione. Interpellato da 'laRegione' il sindaco di Lugano Marco Borradori invita alla calma: «È importante che i tifosi sostengano il progetto ma le minacce non vanno bene, né da una parte, né dall'altra. Cercheremo di creare un contatto». L'animato confronto non deve trasformarsi in guerra di religione. «Il Municipio farà la propria parte in maniera pragmatica cercando convergenze ma presentando al Consiglio comunale i due messaggi che riteniamo fondamentali per il futuro di Lugano. Se poi verrà lanciato un referendum, questo rientra nel gioco democratico, noi faremo valere i nostri argomenti. L'auspicio è che il confronto resti civile e democratico e invito tutti far prevalere la forza delle proprie idee». Intanto, il Municipio ha preso posizione in merito ai sette emendamenti che verranno proposti dal Gruppo Ps e Pc nella seduta di Consiglio comunale del 29-30 marzo quando si deciderà sui due messaggi. Una posizione, quella dell'esecutivo cittadino, aperta al confronto per trovare convergenze, perlomeno sulla maggior parte delle richieste. L'obiettivo, come ci conferma il presidente della Gestione Lorenzo Beretta Piccoli (Ppd), è quello di cercare una strada che possa essere percorribile a tutti per limitare i rapporti commissionali a due. Uno, lo ricordiamo è favorevole al progetto di Polo sportivo e degli eventi a Cornaredo alla creazione di un centro sportivo in zona Maglio, in territorio di Canobbio e verrà sottoscritto dai membri della Lega dei ticinesi, del Ppd e di una parte del Plr. L'altro è più critico e riprende lo spirito della mozione firmata dal alcuni liberali poi trasformata in interpellanza che chiede di realizzare prima le infrastrutture sportive, poi il resto. Una soluzione già bocciata dall'esecutivo, secondo cui significherebbe mandare all'aria tutto il progetto e l'accordo di partenariato pubblico-privato sottoscritto con il gruppo Hrs e Credit Suisse.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved