ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 min

Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona

Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Luganese
1 min

Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà

Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Locarno
7 ore

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
10 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
10 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
10 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
11 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
11 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
Luganese
11 ore

Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr

Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
11 ore

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Locarnese
11 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

Lasciata alle spalle (si spera) la pandemia, archiviata un’edizione 2022 gettonatissima dalla popolazione, si prepara il futuro dell’evento
Luganese
11 ore

Lugano, lotta alla povertà in tempi di crisi

Simposio con la Federazione delle Ong della Svizzera italiana sabato 22 ottobre nell’auditorio dell’Usi
Luganese
11 ore

Lugano, condividere e conoscere per progettare insieme

Il 25 ottobre al Palazzo dei Congressi un incontro promosso da Autismo Svizzera italiana e Fondazione Ares
Luganese
12 ore

Alambicco in funzione nel nucleo di Astano

La tradizionale sagra sarà proposta sabato 8 ottobre. Ad animare la giornata anche bancarelle, una mostra e l’alambicco in funzione
Locarnese
12 ore

Locarno, incontro in mediateca

Il primo del nuovo ciclo dedicato all’inconoscibilità. Relatore: il filosofo Raffele Scolari
Mendrisiotto
12 ore

Razzismo e social media, tavola rotonda a Mendrisio

Alla Filanda un laboratorio di discussione per produrre nuove riflessioni che contribuiscano allo sviluppo della lotta al razzismo in rete in Ticino
01.03.2021 - 20:22

Lugano, don Chiappini: 'Al Borghetto tutti sapevano'

Il sacerdote spiega la presenza della donna in casa sua: 'Con lei un rapporto d'affetto'. La Curia: 'Ha garantito avere la situazione sotto controllo'

lugano-don-chiappini-al-borghetto-tutti-sapevano
Monsignor Azzolino Chiappini )Ti-Press)

«Abitava con me da una ventina d'anni la donna finlandese. Aveva cominciato come collaboratrice, perché conosceva le lingue, e faceva un po' di lavori domestici. Negli ultimi anni, per stanchezza, sonno, aveva difficoltà a uscire di casa e non voleva che nessuno entrasse nell'abitazione.  Perciò, quando c'era qualche lavoro da fare nella casa io dicevo che non si poteva. Credo che questo abbia dato il pretesto - mi pare un po' poco - per costruire il teorema in base al quale, primo, c'è qualcuno in casa, secondo c'è qualcosa sotto visto che parla sempre lui perciò sta sequestrando questa persona. La donna usciva pochissimo, qualche volta, prima delle chiusure, abbiamo pranzato assieme. Chi abitava lì, sapeva della presenza della donna». Parole di Monsignor Azzolino Chiappini, pronunciate stamane nell'intervista rilasciata al giornalista Roberto Antonini rilasciata in una casa di riposo di Sonvico e andata in onda durante 'Millevoci' (Rsi 1). 

Monsignore, un personaggio pubblico

La trasmissione è stata dedicata all'inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Pamela Pedretti a carico dell'alto prelato. Dopo l'intervista sono intervenuti il procuratore generale Andrea Pagani, l'ex procuratore pubblico, avvocato e deputato Ps in Gran Consiglio Nicola Corti e il vicedirettore de laRegione Andrea Manna. Il caso ha fatto discutere. L'alto prelato, arrestato lo scorso 20 novembre dalla sua abitazione al Borghetto 2, come noto, nei giorni scorsi è stato completamente scagionato dalle pesanti accuse di sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per omissione a danno di una 48enne di origine finlandese che dimorava nella sua abitazione (di proprietà della Diocesi di Lugano). Il caso ha inevitabilmente suscitato tanto clamore nell'opinione pubblica. Roberto Antonini ha chiarito come l'ex rettore della facoltà di Teologia sia un personaggio pubblico a tutti gli effetti, per cui il fatto che il nome e cognome siano stati pubblicati risponde alla logica.

Il prelato: 'Momenti difficili e pesanti'

Il prelato ha raccontato di aver vissuto un'esperienza, quella del carcere per tre giorni, che non avrebbe mai immaginato di vivere: «Momenti difficili e pesanti anche per le chiacchiere alimentate dalla vicenda e tutto ciò che è stato pubblicato. Ero tranquillo e sicuro che non vi fosse nulla grave né di imputabile penalmente quale una possibile violenza o sequestro di persona». Il sacerdote non sa dire chi abbia segnalato il caso al Ministero pubblico e ha spiegato che la Curia era a conoscenza della donna. Ma perché non è mai intervenuta per chiarire e/o per ripristinare condizioni 'normali' nell'appartamento e come mai non si è premurata di segnalare la presenza della donna a chi di dovere? Sollecitata da 'laRegione' la Curia precisa che "la presenza di una donna è stata menzionata da Mons. Chiappini proprio nell’ambito di uno dei numerosi interventi, purtroppo infruttuosi, messi in atto dalla Curia per cercare di risolvere le situazioni anomale (controllo RASI, presenza di pacchi negli spazi comuni). Questa persona è stata presentata come familiare senza indicarne il nome completo. Purtroppo, non è mai stato possibile verificare effettivamente la sua presenza all’interno dell’appartamento, che è rimasto inaccessibile fino al recente intervento della polizia. Come l’indagine ha dimostrato, non vi erano elementi per una denuncia penale. La Curia non ha ritenuto di dover mettere in atto misure più incisive in considerazione del fatto che Mons. Chiappini ha sempre garantito di avere la situazione sotto controllo e di essere impegnato a risolvere i problemi segnalati. Non si è voluto forzare l’ambito privato di una persona autorevole come Mons. Chiappini. D’altra parte, l’aiuto a più riprese offerto dalla Diocesi è sempre stato da lui ritenuto non necessario".

Lui ha sempre pagato le imposte alla fonte

Don Chiappini ha riconosciuto l'errore di non aver rinnovato il permesso scaduto alla donna. Ritiene giustificata la contravvenzione inflittagli per tale mancanza, «un motivo insufficiente per sostanziare il teorema accusatorio». Lui la pagava e versava anche le tasse alla fonte anche se il permesso era scaduto. «La donna è stata interrogata a lungo e la sua testimonianza è stata determinante perché ha detto che era libera e non viveva da sequestrata, stava in casa per sua scelta» ha rilevato il sacerdote. Don Chiappini ha spiegato il rapporto con la donna: «Fra noi due c'era un rapporto d'affetto ma non oltre. Chi volesse ricamare su questo lo faccia pure». Il sacerdote ha inoltre detto che avrebbe voluto terminare il semestre d'insegnamento alla facoltà di Teologia e ha ringraziato il sostegno e il coraggio ricevuti da persone di ambienti molto diversi durante l'inchiesta.

Pagani: 'Nessuna pecca nell'inchiesta di Pedretti'

Il procuratore generale Andrea Pagani non ha voluto commentare il caso specifico ma non ha rilevato pecche nell'inchiesta della collega Pamela Pedretti, precisando che tutti gli imputati sono trattati allo stesso modo. Pagani ha poi chiarito che quando un organo inquirente viene a conoscenza di una notizia di reato, deve intervenire per ricostruire i fatti non noti e raggiungere la verità materiale e che il carcere preventivo serve per accertare l'eventuale responsabilità penale di un prevenuto, è uno strumento per giungere alla verità. L'ex pp Corti ha messo in evidenza che la pp Pedretti, che in occasione della recente riconferma dei mandati al Ministero pubblico in Gran Consiglio ha ottenuto un numero di voti relativamente basso, ha fatto ciò che avrebbe dovuto fare.

Leggi anche:

Don Chiappini: decreto d'abbandono, ma lascia gli incarichi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved