DJOKOVIC N. (SRB)
1
CARRENO BUSTA P. (ESP)
1
3 set
(4-6 : 7-6 : 3-5)
bironico-disputa-fc-rapid-parrocchia-trovato-un-accordo
Bironico, al centro il campo Gesora oggetto della disputa (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Pioggia senza fine, acque sott’occhio

Della Bruna: ancora precipitazioni ma meno intense di quelle degli scorsi giorni
Luganese
5 ore

Assemblea Flp, si valuta l’istanza in Pretura

L'ipotesi civile è sul tavolo dopo l'ultima movimentata assemblea di giugno, sfociata nelle dimissioni a sorpresa del presidente del Cda Stefano Soldati
Locarnese
5 ore

Verzasca, un uovo di Colombo a forma di bus (elettrico)

Dopo la fase test torna a ottobre per due anni, come progetto pilota nazionale, il Verzasca Express: servizio capillare “on demand” a impatto zero
Bellinzonese
5 ore

Funghi velenosi, attenzione agli ‘esperti’ online

Il problema delle 'consulenze' su Facebook. Il presidente della Vapko avverte: 'Attenzione, pratica molto pericolosa, il fungo dev'essere visto dal vivo'
Luganese
14 ore

Violenza domestica, a Lugano 394 interventi nel 2020

Il Municipio intende continuare a monitorare il fenomeno. Negli ultimi due anni nessun caso segnalato di discriminazione razziale o religiosa
Luganese
14 ore

Lugano, annunciati fischi a Valenzano per il Primo agosto

Il collettivo ‘T'aspetto fuori’ organizza ‘Cifola l'Aida’, gara di fischi in segno di protesta contro la capodicastero Sicurezza che terrà l'allocuzione
Ticino
15 ore

'Meglio persuadere che obbligare: vaccinarsi serve!'

L'appello dei cinque deputati del Plr membri della commissione parlamentare 'Sanità e sicurezza sociale'
Ticino
15 ore

Il ‘no’ all’accordo quadro: quali conseguenze per i consumatori?

L’editoriale della rivista ‘La borsa della spesa’ di agosto parlerà di una possibile maggiore pressione sui prezzi in Svizzera
Mendrisiotto
17 ore

Acqua a Breggia, ‘Vi chiediamo ancora un po' di pazienza’

I danni alle infrastrutture dell'Azienda acqua potabile sono stati importanti. L'acqua continua a non essere potabile
Ticino
17 ore

Ecco i radar della prossima settimana

La prima settimana di agosto vedrà il Mendrisiotto "risparmiato" dai controlli elettronici della velocità
Ticino
18 ore

Nel weekend ci risiamo con la pioggia. Ma sarà più breve

Meteosvizzera preannuncia abbondanti precipitazioni, oltre 50-70mm, fra sabato sera e domenica mattina con baricentro fra Ticino Orientale e Alta Engadina
Luganese
 
25.02.2021 - 19:360

Bironico, disputa Fc Rapid-Parrocchia: trovato un accordo

La squadra di calcio potrà utilizzare il campo (almeno) fino alla fine del 2024, tempo durante il quale potrà trovare un'alternativa

La quiete dopo la tempesta. Football Club Rapid e Parrocchia di Bironico hanno trovato un accordo sull'utilizzo del campo da calcio, dopo che i secondi avevano dato la disdetta ai primi per dar seguito a un progetto edilizio. La decisione aveva suscitato aspre polemiche, portando a discussioni ad alta tensione nella comunità e accuse incrociate, sfociate in uno scontro anche giudiziario fra le parti. Oggi, la buona notizia: “Dopo alcuni anni di divergenze tra la Parrocchia di Bironico proprietaria del campo da gioco e il Fc Rapid Bironico – recita un comunicato congiunto –, negli scorsi giorni alcuni rappresentanti si sono incontrati e hanno potuto trovare un accordo sull'utilizzo del campo di calcio per ulteriori quattro anni. In questo modo sia la Parrocchia che il sodalizio sportivo avranno il tempo necessario per pianificare il proprio futuro oltre il 2024”.

All'origine della contesa, un progetto edilizio

A dispetto degli scontri anche a muso duro, di recente un'intesa era effettivamente nell'aria. Da noi sentite lo scorso ottobre, entrambe le parti avevano confermato che si stavano preparando per trovare una soluzione bonale alla disputa. Controversia che nasce nel 2018, quando il Consiglio parrocchiale di Bironico presentò in una serata pubblica le proprie intenzioni per il comparto: due stabili con ventiquattro appartamenti per anziani, con servizi di custodia e assistenza, una sala polivalente, la riqualifica della chiesa di Santa Maria del Rosario (bene protetto a livello cantonale), la rinaturazione del riale Valegela, uno spazio verde di 3'500 metri quadrati con parcheggi interrati, un orto urbano, un parco giochi e un campetto da calcio. Un problema per il Fc, in quanto il progetto andrebbe realizzato parzialmente sul campo Gesora utilizzato dalla squadra e concessole da molti anni in affitto dalla Parrocchia.

Un accordo flessibile

E ora l'accordo, che di fatto congela la questione dando a entrambe le parti tempo per organizzarsi al meglio. Da nostre informazioni, sembrerebbe inoltre che l'intesa raggiunta preveda che qualora il progetto edilizio della Parrocchia si concretizzi prima del 2024, la squadra di calcio lasci il campo. E viceversa, se invece un'edificazione dovesse essere posticipata, la Parrocchia permetterà al team di continuare ad allenarsi e a disputare partite ancora per un po' ‘in casa‘.

Soddisfatte entrambe le parti. A breve il restauro della chiesa

Sollievo anche per le parti coinvolte, naturalmente. Per Rocco Cattaneo si tratta di una notizia «distensiva. È in atto la revisione del Piano regolatore. Ad ogni buon conto, la metà del campo da calcio rimarrà edificabile come lo è adesso. L'altra metà invece resterà verde per garantire protezione al monumento religioso (l'oratorio, chiamato anche Santa Maria del prato quadro, ndr) – precisa il presidente del Consiglio parrocchiale –. Noi adesso ci prendiamo il tempo nei prossimi quattro anni per capire cosa fare nell'altra metà: parallelamente alla procedura di revisione del Pr avremo il tempo di riprendere in mano il dossier. Quello che faremo invece ancora probabilmente quest'anno è la prima tappa del restauro della chiesa. Bisognerà sanificare le strutture togliendo l'umidità, prima di passare al restauro delle opere artistiche custodite all'interno, che sono di notevole valore. Ne abbiamo parlato in modo distensivo, troveremo delle soluzioni in ogni caso». «Siamo più che contenti anche noi – conferma il presidente del Rapid, Nadir Kernen –: è esattamente quel che chiedevamo: restare lì finché veniva posata la prima pietra. Ora avremo tutto il tempo per pensare a delle alternative adeguate. Inoltre, avremo il tempo di discutere sul da farsi anche con il Comune, che ha appena rivisto il regolamento sull'utilizzo dei campi sportivi comunali».

© Regiopress, All rights reserved