il-polo-della-discordia-divide-i-socialisti
Il presidente della sezione Ps di Lugano Raoul Ghisletta e il capogruppo Carlo Zoppi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Cassa pensioni, i sindacati: quel mezzo miliardo serve

Le associazioni del personale oggi sono state sentite in audizione dalla commissione della Gestione. Il presidente Quadranti: ‘Diventerà una priorità’
Locarnese
5 ore

Caso Santa Chiara, per De Rosa ‘è sconcertante’

Il direttore del Dss sull'interruzione della formazione di 10 studenti infermieri decisa dalla clinica di Locarno
Luganese
6 ore

Lugano, Schnellmann 'eterno' subentrante

Nei risultati del Consiglio comunale, il deputato Plr in Gran Consiglio ha però superato la neoeletta municipale Karin Valenza Rossi
gallery
Mendrisiotto
6 ore

La pandemia ci ha anche insegnato l'autoproduzione

In tempi di coronavirus è aumentata la consapevolezza dell’agricoltura locale nonché del riguardo dell’ambiente e della biodiversità
Luganese
6 ore

Il centro polifunzionale di Pregassona si chiamerà 'Polis'

La scelta del nome era stata delegata a un concorso di idee. Vincitori, Fabrizia Sormani e Brenno Mazzuchelli
Locarnese
6 ore

Apprendisti della Santa Chiara 'usati come ricatto'

I sindacati disapprovano la decisione della Direzione della Clinica di non accoglierli come pianificato. Critiche anche ai ritardi nei rimborsi del Cantone
Bellinzonese
6 ore

Festival di letteratura Storie Controvento al via

Inizia il 21 e termina il 24 aprile e si terrà in diversi luoghi di Bellinzona
Bellinzonese
6 ore

Festa finale di Minimusica annullata

L'evento verrà rinviato alla prossima stagione
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisio: altri equilibri e un terzo di donne nel legislativo

Confermato il ribaltone tra Ppd e Plr. Meno seggi a Lega-Udc-Udf, mentre Sinistra e Verdi uniti tengono. Conquista due posti la Lista civica
Mendrisiotto
7 ore

A Stabio un legislativo per oltre metà di donne

Risultato (di genere) a sorpresa nel terzo Comune del Distretto. Ecco i su e giù nell'Alto Mendrisiotto
Luganese
7 ore

Lugano, Ticino&Lavoro: ‘Ora puntiamo al Gran Consiglio’

L'avanzata dei piccoli partiti in Consiglio comunale. Tre nuove forze: Movimento Ticino&Lavoro, Più Donne e Forum Alternativo. L'Mps fuori per un soffio.
Bellinzonese
7 ore

Con Spartyto, a Biasca tre giorni di musica

A seconda di disposizioni e permessi si deciderà se è possibile lo svolgimento completo o se bisognerà seguire un programma di riserva
Ticino
7 ore

Gobbi: ‘Sulla sicurezza il pragmatismo regna sovrano’

Il presidente del governo ticinese stila il bilancio della tre giorni di incontri che ha avuto con alcuni ministri italiani a Roma, tra accordi e futuro
Luganese
7 ore

Ceresio, intesa per natanti svizzeri intestati a cittadini Ue

Trovato l'accordo per la libera navigazione nelle acque interne dei laghi internazionali tra Camorino e l'Autorità di Bacino. Arriva la Carta grigia
Grigioni
7 ore

Nuove scuole, due riunioni a San Vittore

Due riunioni informative in programma venerdì 30 aprile alle 17 e alle 20 nella palestra comunale
Locarnese
7 ore

Patriziato di Solduno, convocata l’assemblea generale

Avrà luogo martedì 27 aprile a Palazzo Borghesi
Locarnese
8 ore

Locarno rinnovato per metà. Un terzo sono donne

Cambia pelle il Consiglio comunale cittadino, dove spiccano il raddoppio (a 4) degli eletti dei Verdi e Indipendenti e il -2 di quelli liberali radicali
Luganese
24.02.2021 - 23:080
Aggiornamento : 23:49

Il Polo della discordia divide i socialisti

L'assemblea del Ps di Lugano mette ai voti due risoluzioni: una con 7 emendamenti, l'altra dell'ex capogruppo in Cc Martino Rossi che boccia il Pse

«Ci sono due soluzioni: o buttiamo all'aria tutto o cerchiamo di avanzare proposte di miglioramento dei messaggi per salvare il salvabile». Così, stasera all'assemblea il presidente della sezione socialista di Lugano Raoul Ghisletta ha riassunto i termini della questione sul progetto di Polo sportivo e degli eventi (Pse) che riguarda il comparto di Cornaredo e la creazione di un centro sportivo al Maglio. Il dibattito sta diventando il tema prioritario della campagna elettorale in vista delle elezioni del 18 aprile. Discussioni e posizioni sono contrapposte non solo nel Plr ma anche nel Ps. La municipale Cristina Zanini Barzaghi si è espressa a favore, mentre l’ex capogruppo in Consiglio comunale Martino Rossi ha presentato la risoluzione alternativa contraria al progetto. Un progetto che prevede un nuovo stadio e un palazzetto dello sport, e un rinnovato quartiere con nuovi spazi amministrativi e abitativi. Tra gli argomenti degli scettici, il troppo sfitto in contrasto con l'attuale fervore edilizio a Lugano e la richiesta alla Città di limitarsi a edificare le strutture sportive, mentre l'esecutivo sostiene che è impossibile perché manderebbe in fumo tutto. Il capogruppo in Consiglio comunale e membro della commissione della Gestione Carlo Zoppi ha illustrato gli emendamenti. I membri potranno votare via mail fino a mezzogiorno di sabato 27 febbraio.

Salvare il salvabile in sette richieste

La risoluzione proposta dalla direzione e del gruppo in Consiglio comunale pone richieste imprescindibili, in altre parole prendere o lasciare altrimenti niente sostegno al progetto. Anzitutto, si chiede di ridurre l'onere finanziario annuo che peserà sui contribuenti di Lugano. Perciò occorre creare un ente regionale di gestione delle infrastrutture sportive. Poi, non dovrà esserci alcun dumping salariale sui cantieri a garanzia del rispetto dell'ambiente, dei lavoratori e della qualità delle opere. Viene inoltre chiesto un parco che sia il più grande possibile e una zona verde con alberi a radicazione profonda. Il Municipio deve pure ricercare un accordo con l’investitore privato nella terza fase per realizzare una percentuale di almeno il 30% di alloggi a prezzi accessibili o per spazi di pubblica utilità da ancorare nel Piano regolatore. La Città deve impegnarsi a presentare un messaggio per la riconversione in abitazioni primarie dello stabile di via della Posta, che preveda l’attribuzione in diritto di superficie a una cooperativa d’alloggio o a una Fondazione cittadina per l’alloggio. La realizzazione del Pse e lo sviluppo del quartiere di Cornaredo devono impegnare il Municipio a concretizzare i percorsi ciclabili e pedonali e a far accelerare i tempi per la costruzione del tram Cornaredo-Centro (coinvolgendo il Cantone e Berna). E infine deve essere inserita la possibilità per la Città di riscattare gli spazi occupati dall’Amministrazione comunale e dalla Polizia comunale a Cornaredo (durante la durata del contratto d’affitto di 45 anni). Queste migliorie partono dal fatto che le idee alternative al messaggio municipale sono impraticabili. Nel caso in cui le sette richieste non venissero accolte dal Consiglio comunale, la proposta di risoluzione invita i socialisti in Consiglio comunale a non accettare i due messaggi il prossimo 29 marzo.

No e invito alla Città a riprendere Sigillo

Alle perplessità sulla sostenibilità del progetto espresse pubblicamente da Martino Rossi, si aggiungono quelle dell'ex presidente sezionale Alberto Leggeri: "il Ps di Lugano fa male (a se stesso) a difendere così strenuamente questo progetto. È inutile sbandierare lo spettro di un Fc Lugano retrocesso o insinuare che il progetto di partenariato pubblico-privato (Ppp) è noto da anni e nessuno ha eccepito. Il problema è che finanziariamente questo progetto è tutto salvo che nell'interesse della cittadinanza. È molto, ma molto interessante solo per il partner privato". Una posizione condivisa da molti, non solo all'interno del Ps. Da qui, nasce la risoluzione formulata dall'ex capogruppo in Consiglio comunale che ha «parlato di impostazione generale sbagliata. Un aspetto sottovalutato perché il progetto Sigillo che si è aggiudicato il concorso nel 2012 è stato stravolto: i campi per i giovani sono stato pensati al Maglio, il palazzetto dello sport e il nuovo stadio sono stati spostati ed è stato ridisegnato il tutto perché si ipotizza di allargare il calibro di via Ciani a quattro corsie, contro cui c'è il ricorso al Tram di Ata, Stan e diversi privati. Occorre fare un passo indietro, si potrebbe rinunciare a una delle due torri e ridimensionare il progetto con risparmio di almeno di 45 milioni di franchi. Le risorse sono limitate e i due messaggi sono carissimi: 265 milioni di franchi che graveranno sulla gestione corrente di Lugano, poi ci sono troppi progetti incompiuti e la post pandemia genereranno un calo del gettito fiscale e più spese sociali». Pertanto, la risoluzione prevede la bocciatura dei due messaggi, l'invito all'esecutivo a ripresentare a breve un progetto rivisto che assicuri nel comparto di Cornaredo (lo stadio attuale), per l’atletica e gli allenamenti dell'Fc Lugano, mentre a est, il nuovo stadio omologabile per le partite di calcio di Super League. L'esecutivo cittadino è invitato a prevedere nel comparto a sud degli stadi, i campi di calcio per le squadre giovanili. Non solo. Per la nuova proposta, il Municipio è chiamato a verificare la possibilità e la convenienza di realizzare il progetto in proprio. E per il ricollocamento di una parte dell’amministrazione per riconvertire in abitazioni lo stabile amministrativo di via della Posta siano ricercate ubicazioni più centrali.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved