ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
17 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
19 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
23 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
1 gior

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
1 gior

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
1 gior

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
19.02.2021 - 18:38
Aggiornamento: 21:56

Polo sportivo, botta e risposta fra Città e Mps

'Ricatto per una cattedrale nel deserto da 350 milioni'. La municipale di Lugano Cristina Zanini Barzaghi: 'Cifra inventata, costa 220 ed è sostenibile'

polo-sportivo-botta-e-risposta-fra-citta-e-mps
Il rendering della Città esplicativo con le tre fasi del progetto (infografia laRegione)

Polo sportivo e degli eventi: Il Movimento per il socialismo (Mps) torna all'attacco dopo la conferenza stampa di ieri del Municipio di Lugano. Lo fa con una nota stampa dura sentendosi preso di mira dall'esecutivo. Una nota che registra un fatto oramai noto: il progetto non si può spacchettare lasciando fuori i contenuti non sportivi come pretende il Plr, invitato esplicitamente a sostenere il lancio del referendum quale "unica scelta coerente, dopo aver giustamente criticato e sottolineato l’insostenibilità finanziaria di questo progetto". Ieri il sindaco di Lugano in merito al referendum che è pronto a lanciare l'Mps, se il Consiglio comunale accogliesse il messaggio nella seduta del 29 marzo (e se riuscisse), ha semplicemente detto che «lo affronteremo nel rispetto della democrazia». Da noi raggiunta la municipale di Lugano Cristina Zanini Barzaghi, titolare del Dicastero Immobili lo ribadisce: «Non mi spaventa assolutamente, personalmente ho già vissuto quello per la rinaturazione della foce del Cassarate». Di sicuro, a giudicare dai toni delle reazioni, l'infopoint dell'esecutivo cittadino non ha fatto altro che gettare benzina sul fuoco.

Multifunzionalità nata dieci anni fa

Il Movimento per il socialismo sostiene che «o passano gli interessi degli investitori privati, a scapito di quelli presenti e futuri della collettività luganese, oppure sarà il cataclisma, soprattutto sportivo, con la relegazione del Fc Lugano in Challenge League. Va innanzitutto ricordato che i responsabili di questa configurazione, se effettivamente essa esiste, sono esclusivamente le autorità politiche luganesi, le quali, come ammesso nella stessa conferenza stampa, è da dieci anni che lavorano sul progetto e riescono ad arrivare a mezzanotte meno uno con progetto speculativo e inaccettabile, oltretutto scandalizzandosi e vilipendendo coloro che intendo usare i diritti democratici fondamentali". In realtà, ribatte la municipale socialista, «di offerte al concorso pubblico ne sono giunte soltanto due, una in tre classatori, l'altra dentro una busta a quattro... L'idea di multifunzionalità del progetto nasce da molto lontano, quando venne deciso di indire un concorso pubblico. Prima, nel 2010-2011, venne presentata una domanda di costruzione per completare e migliorare lo stadio cercando di metterlo a norma con le disposizioni di allora della Swiss Football League (oggi decisamente più restrittive) e si calcolò una spesa di una cinquantina di milioni di franchi. Come emerge dai verbali delle discussioni in Municipio di dieci anni fa, poi si decise che non si poteva né voleva fare lo stadio e basta, perciò venne deciso di proporre un'opera multifunzionale. Tanto che nella variante di Pr sono presenti non solo contenuti sportivi ma anche altri per riqualificare il comparto e renderlo vivo tutta la settimana non solo quando c'è la partita».

E il progetto escluso? Non si può

Dopo il 2013 come avete proceduto in Municipio? «Pur confrontato con grossi problemi finanziari, si è ripreso il progetto consolidando la tanto criticata multifunzionalità, che oggi viene addirittura consigliata vivamente dalla Confederazione con l'invito alla mescolanza di contenuti - risponde Zanini Barzaghi -. Da allora, la questione non è più stata messa in discussione (fino a un paio di anni fa). Già allora l'idea era di realizzare il tutto attraverso un Partenariato pubblico-privato (Ppp)». Eppure, anche l'Mps torna a parlare del progetto presentato al Municipio dal costo "di 58,8 milioni di franchi, chiavi in mano per la costruzione dello stadio, riattivabile in tempi stretti, ampliamenti sufficienti per rispettare la scadenza della Swiss Football League!". Dimentica (volutamente?) il fatto che tale progetto, ribatte Zanini Barzaghi, «è stato escluso perché non ha rispettato le condizioni poste dal bando di concorso, è una proposta sommaria e lacunosa, una cattedrale nel deserto di dubbia qualità senza servizi annessi. Di scempi ne abbiamo già abbastanza in Ticino. Si continua nella comparazione di mele con pere. La Città crede in un progetto di qualità, scaturito da un concorso pubblico, che crea posti di lavoro pubblici per la sua gestione, offre spazi di sport e svago per i nostri giovani e nuove aree verdi fruibili per tutti». Come annunciato non si teme nemmeno un aumento del moltiplicatore d'imposta.

350 milioni di franchi? No, 220

L'Mps accusa la Città: "Se le autorità politiche luganesi avessero veramente a cuore le sorti del Fc Lugano e dei ragazzi che praticano il calcio, si sarebbero dati la pena di elaborare e presentare un piano alternativo, diametralmente opposto a quello esclusivamente immobiliare in discussione. E invece nulla. Solo la cattedrale nel deserto da 350 milioni di franchi (almeno). Incompetenza o compiacenza? Oppure entrambe? La cifra è oltremodo esagerata. «Una cifra inventata - precisa la municipale socialista -. Se si considera tutto sono 270 milioni ai quali occorre dedurre gli introiti derivanti dai diritti di superficie, quindi stiamo parlando di 220 milioni di franchi distribuiti su trent'anni, dopodiché la Città continuerà a incassare dai diritti di superficie. Il tutto è in linea con il piano degli investimenti della Città che prevede 50-60 milioni all'anno». Zanini Barzaghi rimanda al mittente l'accusa di operazione speculativa e insostenibile finanziariamente con un onere annuale di 10,8 milioni di franchi per 27 anni: «Il tutto sarà sotto il controllo della Città, l'operazione è senz'altro sostenibile. Il rischio è condiviso fra la Città e il partner privato, Abbiamo già realizzato il Lac con un Ppp, ora Lugano deve osare e guardare avanti, altrimenti la città andrà verso il declino».

Leggi anche:

Lugano, 'basta Fake News sul Polo sportivo!'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved