15.02.2021 - 16:59
Aggiornamento: 17:46

Assembramenti alla dogana di Ponte Cremenaga: ‘Intervenite’

Il Municipio di Monteggio denuncia problemi di ordine pubblico ai propri valichi di confine durante il finesettimana e chiede aiuto alla Polizia cantonale

assembramenti-alla-dogana-di-ponte-cremenaga-intervenite
Tra sushi e consegna di cibo a domicilio, al valico di Ponte Cremenaga durante i weekend si creano assembramenti e, secondo il Municipio di Monteggio, problemi di ordine pubblico
+1

Caos della circolazione stradale, parcheggi abusivi su fondi privati, occupazione dell'area destinata all'entrata e all'uscita dei veicoli dal valico, assembramenti. Questi i problemi principali, definiti di ordine di ordine pubblico, riscontrati dal Municipio di Monteggio durante i finesettimana alla dogana di Ponte Cremenaga. Un fenomeno dovuto al ritiro “di derrate alimentari preventivamente ordinate e fornite da commerci d'oltre confine – si legge in un documento ufficiale –. Si tratta del classico sushi o di altri pasti, che vengono consegnati proprio sul confine”. Oltre a Ponte Cremenaga, questo si verificherebbe anche a Fornasette, sempre sul territorio di Monteggio, e a Ponte Tresa.

‘Situazione pericolosa e inaccettabile’

Un fenomeno che si verifica prevalentemente tra le 18 e le 20.30 e che è sgradito per il Comune, che ha infatti deciso ora di rivolgersi a Bellinzona e a Berna: “Questa pericolosa situazione è inaccettabile e intollerabile”. L'esecutivo era già entrato in contatto a tal proposito con lo Stato Maggiore dell'Amministrazione federale, che avrebbe spiegato che si tratterebbe di un fenomeno conosciuto. È stato pertanto chiesto alla Polizia Malcantone Ovest di effettuare dei controlli, ma sempre secondo il Municipio guidato da Piero Marchesi questi non sarebbero avvenuti e la Polizia cantonale sarebbe intervenuta solo in seguito a esplicita richiesta.

Pertanto, il Municipio richiede una collaborazione fra Polizie Cantonale e Malcantone Ovest, Guardie di confine e Comune: “Non possiamo tollerare uno scarica barile tra le diverse entità coinvolte come abbiamo avuto l'occasione di rilevare nell'ultima settimana, lasciando al Municipio la gestione di una situazione per cui non ha i mezzi per farne fronte”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved