boccaccio-2020-liceali-dal-lockdown-alle-librerie
In alto, da sinistra: Catherine, Virginia, Caterina, Zoe, Tanja, Anastasia, Giorgia, Claudia. In basso, da sinistra: Axel, il professor Alberto Introini, Michele.
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
6 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
7 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
7 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
16 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
19 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
19 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
20.02.2021 - 13:45

Boccaccio 2020: liceali dal lockdown... alle librerie

Dieci novelle a distanza: è sfociata in una pubblicazione editoriale l'attività scolastica ispirata al Decameron dell'ex IIB dell'Elvetico di Lugano

Nel Trecento si chiamavano Ser Ciappelletto, Lisabetta da Messina o Andreuccio da Perugia. Oggi sono Alex e Chicco, Mimì da Mendrisio o Silvio Pasticcio. I puristi della letteratura non si offendano, non è certo nostra intenzione mancare di rispetto al Decameron. Ma piuttosto, dar notizia di un'interessante ed elogiabile attività scolastica svolta l'anno scorso dagli allievi della IIB del Liceo Elvetico di Lugano e sfociata in una pubblicazione editoriale: ‘Boccaccio 2020, 10 novelle a distanza’. Una raccolta di racconti, nove realizzati dagli studenti e l'ultimo dal loro insegnante, scritti durante il lockdown del 2020 e che, vista la loro validità, si è concretizzata a fine novembre in una pubblicazione edita da Pietro Macchione di Varese e acquistabile su diverse piattaforme online. Nell'attesa che la pandemia permetta una presentazione fisica del libro anche in Ticino, ne abbiamo parlato con il docente di italiano dei ragazzi, che ha ispirato e condotto l'attività: il professor Alberto Introini.

Far scrivere agli allievi novelle basandosi su Boccaccio: come le è venuto in mente?

È successo in maniera naturale. A marzo è iniziato il lockdown e abbiamo iniziato a fare lezione a distanza. Con il programma di letteratura eravamo arrivati proprio a Boccaccio e mi ero accorto che leggere le sue novelle in videolezione funzionava. Già generalmente è una lettura che ai ragazzi piace, ma visto il contesto ha fatto ulteriormente presa. Fare delle verifiche scritte di letteratura che contemplassero lo studio, a distanza, era difficile. Quindi ho pensato a un'altra attività: inventare una novella. Un'attività di scrittura, che tenesse però conto dei parametri boccacciani: realismo, ironia, amori a lieto fine, scherzi. Ho chiesto loro di scrivere fra le 5 e le 10'000 battute, con due settimane di tempo. Nel frattempo, anche io mi sono dedicato a scriverne una: mettersi in gioco è un modo sia per dare l'esempio che per invogliare gli allievi. Ho storpiato i nomi di alcuni alunni realmente esistenti, ambientando il racconto fra dieci anni, immaginando che tre ragazzi si facciano dispetti per conquistare una ragazza: ha un taglio molto ironico. Tuttavia, non ho fatto leggere loro la mia novella prima, per evitare di orientare le loro scelte tematiche e narrative.

E il salto da attività scolastica a iniziativa editoriale com'è avvenuto?

Ho valutato le novelle secondo parametri scolastici: originalità dell'idea, fluidità di scrittura, correttezza linguistica. E mentre le stavo correggendo, effettivamente ne ho trovata qualcuna che mi sembrava molto valida. Così, in estate le ho ripulite un po' da un punto di vista espressivo e poi ho bussato alla porta di alcuni editori finché non ne ho trovati alcuni interessati. Abbiamo scelto Macchione (editore del Premio Chiara, ndr) e con lui ne abbiamo selezionate dieci: nove più la mia. Umanamente le avrei pubblicate tutte e ventiquattro, abbiamo valutato quelle che ci sembravano più adatte. Un progetto di scrittura scolastica è diverso da uno di editoriale: alcune erano scritte bene, ma dal profilo editoriale erano meno adatte e quindi a malincuore sono state fatte delle scelte. Ci tengo a evidenziare che è stato un progetto molto ‘democratico’: non sono stati selezionati a priori gli allievi con il profitto più elevato. Sono stati scelti quelli che hanno saputo combinare la creatività al saper scrivere. Certo, fra questi ce ne sono alcuni anche molto bravi scolasticamente, ma altri lo sono meno. E questo è anche uno dei compiti che la scuola ha: far scoprire ai ragazzi le loro abilità e in definitiva la loro strada. Magari non diventeranno scrittori, ma scopriranno una vena creativa che potranno utilizzare in vari campi.

Qual è stata, a suo giudizio, la prova più difficile per i ragazzi?

Credo che una cosa molto difficile, soprattutto per chi non ha esperienza come loro, è il saper prendere le distanze dai personaggi creati. Da questo punto di vista sono stati molto bravi. Ad esempio, i protagonisti della storia ‘Tra le valli della Loira’ sono negli Stati Uniti e devono rientrare in Francia per una questione ereditaria, mentre quelli di ‘Oltre oceano’ si recano in Australia: Paesi agli antipodi dalla nostra regione. Non è una questione solo geografica, ma anche tematica: in ‘Diario d'amore’ non si parla di una storia d'amore adolescenziale, come si potrebbe presupporre pensando alla giovane autrice, ma di un legame fra due anziani che sono stati assieme per tutta la vita. E poi sono state svolte anche delle ricerche. Ad esempio per ‘E burro fu’: il ragazzo che l'ha scritta è un appassionato di cucina, e pertanto gli ho consigliato di pensare a un racconto che avesse a che vedere con quel mondo lì e ne è venuta fuori una bella storia riguardante un pasticcere di Venezia che in epoca medievale ha scoperto l'utilizzo del burro. Si tratta di un racconto anche verosimile dal profilo storico.

Che lezione pensa abbiano tratto i suoi studenti da quest'attività?

Credo che Boccaccio sia stato l'autore giusto, nel momento giusto. Come sappiamo, il ‘Decameron’ è ambientato ai tempi della Peste del 1348, ma nei suoi racconti questa viene raramente menzionata, proprio perché l'intento era quello di intrattenere. Credo che con quest'attività si sia raggiunto un obiettivo simile. Mi hanno detto infatti che è servita loro per allentare la tensione del lockdown. Ma soprattutto, credo abbiano imparato a cercare di sviluppare le proprie capacità. Gli adolescenti non hanno bisogno di adulti lamentosi, ma di qualcuno che li aiuti a trovare la propria strada. E quando si trova la chiave giusta per motivarli, si riesce a far fare loro cose incredibili.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alberto introini boccaccio decameron istituto elvetico lockdown
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved