trafficanti-di-cocaina-di-porza-imprenditori-di-se-stessi
TI-PRESS
Ingente traffico di cocaina
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 sec

Frontalieri col reddito di cittadinanza: ‘Via il permesso G’

Il granconsigliere della Lega dei Ticinesi Massimiliano Robbiani interroga il Consiglio di Stato sul caso dei lavoratori d’oltreconfine accusati di truffa
Luganese
38 min

La Polizia Ceresio Nord più capillare sul territorio

Il servizio di pattuglia si dota di un’ulteriore vettura efficiente a vantaggio del comprensorio sotto sorveglianza
Bellinzonese
1 ora

Quasi 500 abitanti in più a Bellinzona in un anno

Il 31 dicembre 2021 si contavano in totale 44’530 residenti nella città aggregata, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima
Ticino
2 ore

In Ticino 2 decessi e -4 pazienti Covid (-1 in cure intense)

Resta sostanzialmente stabile il livello dei contagi. Nelle case anziani un decesso e ben 33 ospiti dichiarati guariti in 24 ore: 85 ad oggi i positivi
Luganese
2 ore

A Pura diatriba sulle campane a suon di... petizioni

Dopo una raccolta di firme per far ridurre i rintocchi il Municipio ha disposto alcune concessioni, che ‘non soddisfano’. E ora c’è una contropetizione
Bellinzonese
2 ore

Colline antirumore fattibili ma solo in un parco fluviale

Bellinzona-Riviera: lo studio piace al Cantone ma pone alcuni vincoli per una valorizzazione paesaggistica, naturalistica e fruitiva del fiume Ticino
Locarnese
2 ore

Cugnasco-Gerra, il ‘verde’ dei vicini è diventato oramai troppo

La piazza di raccolta da tempo accoglie scarti vegetali dalla regione. Valutate contromisure al problema, che determina costi maggiori per lo smaltimento
04.02.2021 - 12:220
Aggiornamento : 17:38

Trafficanti di cocaina di Porza: 'imprenditori di se stessi'

Condannati a 4 e a 5 anni di carcere e all'espulsione dalla Svizzera i due dominicani processati alle Criminali di Lugano

«Erano imprenditori di se stessi. Sono venuti in Ticino solo per trafficare droga a scopo di lucro. Trafficanti puri che hanno soggiornato in Svizzera illegalmente, intessendo contatti con i loro connazionali d'oltre Gottardo, a Zurigo, Berna e Ginevra». Così il giudice Amos Pagnamenta, presidente della Corte delle assise criminali di Lugano, ha definito stamane l'ingente traffico di cocaina messo in atto nell'arco di tre anni, tra il giugno 2016 e il luglio 2019, da due cittadini dominicani di 57 anni e di 39 anni. Più grave la posizione del più giovane, che è stato condannato a 5 anni di carcere. Al più anziano, in virtù della sua collaborazione e del sincero pentimento, i giudici hanno inflitto 4 anni di carcere. Nei confronti di entrambi gli imputati, in aula da ieri, è stata pronunciata l'espulsione dalla Svizzera per 10 anni. Hanno operato in un appartamento di Porza, un'attività «che è stata interrotta solo grazie al loro arresto».

Ampiamente superata la soglia dell'infrazione aggravata

La Corte ha stabilito che il 57enne ha complessivamente trafficato 2,4 chili di cocaina. Ha inoltre posseduto 1,1 chili della stessa sostanza e ha finanziato lo spaccio per ulteriori 900 grammi. «Siamo ampiamente nel reato di infrazione aggravata: i quantitativi di droga pura sono stati calcolati in 243 grammi» - ha evidenziato il presidente Amos Pagnamenta durante la lettura della sentenza. 

Il 39enne, considerato tra i due imputati 'il braccio' dal momento che si occupava di confezionare le dosi di droga ed era pronto a tagliarle, ha trafficato complessivamente secondo i calcoli dei giudici oltre 2,1 chili di cocaina. Il suo ruolo è stato ritenuto più grave. Entrambi gli imputati non erano l'ultima ruota del carro: «hanno dimostrato professionalità e di aver saputo creare una rete tra più città della Svizzera». Sia il 57enne sia il 39enne sono stati pure riconosciuti colpevoli di riciclaggio per aver inviato parte dei proventi conseguiti illecitamente con il traffico di droga nella Repubblica Dominicana e in Spagna. Gli avvocati di difesa, Sandra Xavier, legale del 57enne e Stefano Will, patrocinatore del 39enne, che si erano battuti per massicce riduzioni di pena, non hanno escluso di ricorrere in Appello contro la sentenza pronunciata dalla Corte. 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved