ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
1 ora

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
1 ora

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
2 ore

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
2 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
3 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
3 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
4 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
4 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
4 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
22.01.2021 - 17:00

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso

banda-di-giovani-rinviata-a-giudizio-per-rapina-a-lugano
TI-PRESS
Hanno scelto... via Bossi

"Dateci tutti i soldi che avete nel borsellino o va a finire male". È stata più o meno di questo tenore la minaccia intimata da un quartetto di giovani ad altrettanti coetanei una sera d'agosto della scorsa estate, nei paraggi dei bar di via Bossi - beffa del destino, proprio vicino alla sede della polizia cantonale e all'ufficio del giudice dei provvedimenti coercitivi - tra bicchieri di birra e alcune dosi di cocaina consumate in gruppo prima della notte brava.  Ora i protagonisti - tutti attorno ai 20-25 anni, tra cui un cittadino tunisino senza permesso che si trova tuttora in carcere in espiazione anticipata della pena - saranno rinviati a processo davanti alla Corte delle assise correzionali di Lugano con la grave accusa di rapina, un'imputazione che prevede fino a cinque anni di carcere. 

Il bottino utilizzato "per fare serata"

Il dibattimento pubblico si terrà il 5 febbraio. Il malloppo ottenuto dalle vittime dagli autori del colpo si aggira attorno a poche centinaia di franchi. E bassa non è solo la somma del maltolto, ma pure la ragione che ha indotto i malintenzionati a entrare in azione: i soldi sottratti sono infatti stati utilizzati "per fare serata" da quanto è emerso dall'inchiesta penale, condotta dal procuratore pubblico Nicola Respini che in aula formulerà le proposte di pena nei confronti degli imputati. A prendere parte alla rapina - ma occorrerà capire con quale ruolo - anche un minore, deferito davanti alla Magistratura dei minorenni. La vicenda dovrà essere ricostruita nei suoi dettagli e chiarita, secondo le responsabilità di ognuno dei componenti del gruppo, dalla giudice unica, Francesca Verda Chiocchetti. Durante gli interrogatori gli autori si sono rimpallati le responsabilità. Sarà dunque l'istruttoria dibattimentale a stabilire chi ha fatto cosa. Tuttavia per il magistrato i quattro imputati vengono considerati correi e dunque tutti posti sullo stesso piano. 

Fermati al bar mentre bevevano a spese delle loro vittime

Intanto, quella sera l'esito delle indagini sulla rapina per gli agenti della polizia cantonale si sono risolte rapidamente. I membri del quartetto, infatti, dopo la puntuale segnalazione delle vittime, sono stati rintracciati la sera stessa del 'colpo', prima della mezzanotte, dalle forze dell'ordine. Gli autori sono stati sorpresi in un bar di Lugano, mentre stavano bevendo a spese delle loro vittime. Tra i componenti della banda c'è chi si è dichiarato estraneo ai fatti, dicendosi certo di non aver compiuto nulla e di essersi trovato in balìa degli eventi. Versioni che spetterà alla Corte delle assise correzionali valutare. L'inchiesta non avrebbe evidenziato l'esistenza di un ideatore o di un capo del gruppo. La rapina sarebbe inoltre stata compiuta senza il ricorso alla violenza. Gli inquirenti non hanno trovato armi al momento del loro fermo. Tuttavia tra le imputazioni figura l'infrazione alla legge federale sulle armi. Altri reati di cui dovrà rispondere la banda, ognuno secondo le proprie responsabilità, riguarda la contravvenzione alla legge federale sugli stupefacenti, la guida in stato di inattitudine - a carico del giovane in possesso dell'auto utilizzata per raggiungere Lugano non prima di aver caricato a bordo gli altri amici residenti nel Mendrisiotto - e, per il cittadino tunisino, la ripetuta infrazione alla legge federale sugli stranieri. I quattro imputati saranno difesi dagli avvocati Marina Gottardi, Andrea Cantaluppi, Davide Fagetti e Olivier Ferrari. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved