lugano-5-milioni-per-l-ex-stabile-swisscom
Lo stabile all'interno del sedime di circa 10mila metri quadrati (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
12 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
14 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
20 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
22 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
1 gior

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
21.01.2021 - 16:53
Aggiornamento: 19:36

Lugano, 5 milioni per l'ex stabile Swisscom

Stanziato il credito per sistemare l'edificio progettato da Rino Tami e destinarlo all'Atelier dei venti in un'ottica intergenerazionale

Il Municipio di Lugano ha licenziato all’attenzione del Consiglio comunale un credito di poco meno di 5 milioni di franchi (4,98 milioni) per sistemare lo stabile ex Ptt/Swisscom in via Generale Guisan a Viganello. L’obiettivo è valorizzare l'edificio di pregio a monte del sedime di circa 10mila metri quadrati, trasformandolo in uno spazio vivo e aperto alla popolazione, dove far confluire cultura, scienza, arte, tecnologia e innovazione. Se accordato dal legislativo, il credito consentirà di risanare l’edificio progettato dall’architetto Rino Tami, in vista di accogliere l’Atelier dei venti, una sorta di spazio intergenerazionale e multidisciplinare per attività dedicate all’innovazione, alla tecnologia e alla società, con laboratori, atelier artistici, un’area digitale, sale per riunioni, workshop e molto altro ancora.  

La mozione approvata all'unanimità resta valida

Il Consiglio comunale di Lugano aveva però approvato all'unanimità nel marzo 2019 la mozione del gruppo Ppd e Gg (primo firmatario Giovanni Albertini) per realizzare in quel sedime un quartiere intergenerazionale e sostenibile... «Certo, quella mozione resta valevole - conferma la titolare del Dicastero immobili di Lugano Cristina Zanini Barzaghi -. La metà degli spazi è attualmente occupata dai servizi urbani e finché non verrà costruito Il futuro centro al Piano della stampa, non si potrebbe fare nulla di concreto. Nello stabile a monte vogliamo creare un centro simile a quello che c'è a Cadro con l'Ideatorio cercando di sviluppare l'intergenerazionalità proprio come chiesto dalla mozione». A che punto è l'idea di creare appartamenti senza barriere architettoniche per agli anziani e locazioni a pigione moderata a famiglie e single e uno sgravo sull'affitto agli studenti? «Stiamo elaborando alcuni scenari che dovremo approfondire e discutere anche con la commissione di quartiere», risponde la titolare del Dicastero immobili. «Il progetto dovrebbe poter convivere con lo spirito della mozione, ne abbiamo parlato con la commissione di quartiere - gli ha fa eco il sindaco di Lugano Marco Borradori -.Rappresenta il preludio a qualcosa di altrettanto bello a favore e nell'interesse del quartiere che sboccerà prossimamente».

Un progetto innovativo

Questo progetto che intende sviluppare la Città nasce da un’intuizione di Luca Maria Gambardella, professore ordinario alla Facoltà di Informatica dell’Usi e membro dell’Istituto Dalle Molle di Studi sull’Intelligenza Artificiale: realizzare a Lugano un luogo d’incontro dove artisti, scienziati, scrittori e giovani possano confrontarsi, condividere idee, iniziative, proposte e competenze. “Un luogo fisico dove i venti della scienza, dell’arte, della cultura e della consapevolezza digitale possa diventare vortice, rinfrescare le idee e generarne di nuove”. Il progetto è aperto e pronto a confrontarsi con il quartiere i suoi residenti. Lugano Living Lab - il laboratorio urbano della Città, in collaborazione con i partner Usi, Idsia, Ated-Ict Ticino, L’ideatorio e Impact Hub Ticino, ha accolto e sviluppato questa idea che infatti  favorisce la partecipazione attiva di cittadini, associazioni, centri di ricerca, aziende pubbliche e private presenti sul territorio.

Swisscom garantisce 1,5 milioni 

L’Atelier dei venti avrà un ruolo proattivo e opererà anche a sostegno della formazione delle imprese sociali attive sul territorio per favorire l’occupazione e l’integrazione professionale. Lo stabile ex Swisscom ospiterà anche la sede provvisoria dei servizi oggi insediati presso la ex Casa comunale di Viganello che sarà demolita per poter costruire il nuovo centro scolastico. Al piano interrato saranno invece collocate le infrastrutture del data center della Città. Con il via libera del Legislativo, La città di Lugano potrà beneficiare di un importante contributo di 1,5 milioni assicurato da Swisscom che ha in locazione alcuni spazi nello stabile e vuole sostenere il progetto di potenziamento del data center. La sua presenza è ritenuta rilevante dall'autorità per l’opportunità di sviluppare sinergie legate all’esperienza digitale, alla sostenibilità ambientale e all’efficienza energetica, ambiti in cui Swisscom - già partner di Lugano Living Lab – detiene solide competenze.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
5 milioni atelier dei venti lugano progetto stabile ex swisscom viganello
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved