dall-alto-vedeggio-a-castagnola-43-anziani-cambiano-casa
Il rendering del progetto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

Incidente sul Susten, due docenti le vittime

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport attiva il sostegno psicologico per gli allievi e i colleghi delle due vittime
Mendrisiotto
55 min

Il Plr a sostegno del Patriziato di Castel San Pietro

L’assegno andrà a favore della la ristrutturazione del Rifugio Alpe Caviano. Progetto che permetterà di rivalorizzare la vecchia struttura.
Locarnese
1 ora

Muralto Musika edizione 2022

Giovedì il primo dei tre appuntamenti della rassegna concertistica nella Collegiata di San Vittore
Locarnese
1 ora

Cavigliano, pagnotte nel forno ma non solo

In giornata oltre alla cottura dell’alimento vi sarà il mercatino con prodotti gastronomici e artigianali, la musica e lo spettacolo di un illusionista
Luganese
5 ore

Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app

Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Mendrisiotto
5 ore

‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’

Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Ticino
15 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
15 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
Ticino
15 ore

Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto

Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Locarnese
15 ore

Appuntamento estivo al Parco di Orselina

Musica jazz con la Sister cities brass band di New Orleans
Bellinzonese
16 ore

Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli

Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro, dalla sezione Plr un sostegno al Patriziato

Donato un contributo di 1’500 franchi per la ristrutturazione del rifugio Alpe Caviano, che entrerà a far parte dell’Albergo diffuso
Locarnese
16 ore

Approvata la scuola a Bignasco, ma tira aria di referendum

Il Consiglio comunale promuove la convenzione tra Comune e Patriziato per la costruzione delle Elementari. Tuttavia c’è chi dice no
Ticino
17 ore

Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio

Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
laR
 
05.01.2021 - 06:00
Aggiornamento: 10:08

Dall'Alto Vedeggio a Castagnola: 43 anziani cambiano casa

Trasferimento in vista per i residenti della casa per anziani di Mezzovico, che saranno ospitati al Castagneto in attesa che la casa sia rimessa a nuovo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Da Mezzovico a Castagnola. Non una villeggiatura, ma un trasloco, seppur provvisorio. Una parte dei residenti della casa per anziani dell'Alto Vedeggio (Caav) sarà infatti trasferiti per un periodo di circa due anni e mezzo al Castagneto, dopo che quest'ultimo si sarà svuotato dagli ospiti attuali entro la fine del 2021. Il motivo? Permettere l'ampliamento della struttura di Mezzovico-Vira. Una necessità che si sposerà con la ghiotta occasione formatasi grazie all'apertura, prevista il prossimo autunno, del centro polifunzionale di Pregassona. Una grossa struttura, con 114 posti letto, che accoglierà gli anziani attualmente alloggiati a Castagnola e che di fatto darà l'avvio al valzer di traslochi.

Dal Castagneto a Pregassona

«Di firmato non c'è ancora nulla, ma sì: la direzione è quella» ci conferma il capodicastero Socialità della Città di Lugano Lorenzo Quadri. Gli anziani coinvolti nel ‘progetto’ sono poco più di cento, una quarantina dei quali residenti al Castagneto. Quest'ultima – che in passato era l'Hotel Boldt – è diventata casa di riposo nel 1988 e presenta diverse carenze. Spazi interni limitati, un giardino poco fruibile a causa della pendenza, mancanza di parcheggi e scarso servizio di trasporto pubblico: diverse le ragioni che hanno portato alla decisione di dismettere la struttura, complici anche i cantieri aperti in città nel settore delle case per anziani. A cominciare dalla citata struttura di Pregassona: costata 47,6 milioni di franchi – 10 dei quali a carico del Cantone –, sarà una delle più grandi di Lugano e dovrebbe venir inaugurata a settembre. Al suo interno sono previsti anche un centro diurno e notturno per persone affette da demenza senile, un asilo nido e la direzione dell'ente autonomo Lugano Istituti Sociali, attualmente a Casa Serena. Che i primi ospiti sarebbero stati gli anziani del Castagneto era già stato annunciato un annetto fa, la novità è che non saranno gli unici a trasferirsi.

Mezzovico-Vira si amplierà

«La nostra casa per anziani si amplierà, passando dagli attuali 72 posti letto a 95», ci spiega Stevens Crameri. Inaugurata, anche questa, nel 1988, la Caav andrà incontro a un restyling e a un ingrandimento. Diventerà, ci spiega il direttore, un polo sanitario: «Verrà realizzato un centro diurno terapeutico integrato, un foyer di psicogeriatria, un asilo nido a disposizione del personale e della popolazione e una serie di servizi interni alla casa ma rivolti anche alla cittadinanza, come ad esempio fisioterapia, ergoterapia, podologia, parrucchiera e probabilmente uno studio medico». Sebbene la casa abbia più di trent'anni, nel 2011 è stata inaugurata un'ala per ospiti affetti da patologie neurodegenerative. «Gli ospiti di questa unità terapeutica protetta resteranno qui. Ne trasferiremo solo una parte, 43: quelli più autonomi residenti nell'ala centrale». Dal profilo finanziario: al Castagneto ci sarà da pagare un affitto, che rientrerà nei costi di gestione della Caav, mentre l'investimento per la casa ‘madre’ è stimato in 13,7 milioni di franchi. «Interamente finanziati dal Cantone – precisa Crameri –. Stiamo aspettando la decisione del Gran Consiglio per il finanziamento definitivo, che ci aspettiamo arrivi nei prossimi mesi». L'avvio del cantiere, che dovrebbe durare due anni e mezzo, è previsto a inizio 2022.

Da Canobbio a Viganello: i cantieri a Lugano

E cantieri in questo settore, ve ne sono anche altri. Quello di Pregassona è in dirittura d'arrivo, mentre sono iniziati prima di Natale i lavori per la Residenza ‘Trilite’ – questo almeno il nome del progetto scelto – a Canobbio. L'apertura è prevista per il 2023 e degli 80 posti a disposizione, 35 sono previsti per residenti di Canobbio, 25 per luganesi e i rimanenti per anziani di altri comuni. Infine, a Viganello verrà ingrandita la Meridiana, che con 150 posti letto diventerà la struttura più capiente della Città dopo Casa Serena. Nell'attigua Villa Rava troverà spazio la sede del servizio di cure a domicilio Scudo.

Il futuro del Castagneto? ‘All'edilizia privata’

L'investimento per l'ampliamento della Meridiana è significativo, sui 15 milioni. Soldi questi che verrebbero in parte recuperati dalla vendita della casa per anziani di Castagnola. «Il destino del Castagneto è ancora del tutto da definire – osserva Quadri –. Ritengo sia uno stabile che vada venduto e destinato all'edilizia privata. Penso che possa essere destinato ad appartamenti di alto standing, vista la bella posizione. In linea di principio in Municipio se n'è parlato, sebbene non ci sia ancora una decisione definitiva. Bisognerebbe aggiornare il Piano regolatore e preparare il messaggio per la vendita: lavori che potranno essere fatti durante i due anni e mezzo di occupazione da parte degli ospiti della Caav. È una buona opportunità perché la casa altrimenti sarebbe rimasta vuota».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved