ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 min

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
19 min

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
24 min

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
1 ora

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
3 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
3 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
3 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
3 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
3 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
4 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
4 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
Ticino
4 ore

Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale

La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13.30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
4 ore

Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%

Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
laR
 
04.01.2021 - 05:55

Case di quartiere, Lugano prepara la socialità nei rioni

Cristina Zanini: convocheremo presto le Commissioni per definire gli interventi nei 27 stabili denominati Spazio Insieme. Un progetto da 3,3 milioni

di Guido Grilli
case-di-quartiere-lugano-prepara-la-socialita-nei-rioni
TI-PRESS
Diventerà uno "Spazio Insieme"

La Città guarda al futuro e prepara la socialità nei quartieri della periferia. Dopo che il Consiglio comunale di Lugano ha dato luce verde, lo scorso 30 novembre, al credito di 3,3 milioni di franchi, l’autorità comunale si appresta a conferire concretezza al progetto denominato “Spin” – acronimo di “Spazio Insieme” – attraverso un nuovo lifting riservato a 27 stabili, perlopiù ex case comunali presenti nei rioni, che costituiranno luoghi pulsanti per le associazioni e le attività della popolazione.

Cristina Zanini Barzaghi, capo dicastero Immobili, come si svolgerà la fase realizzativa? «Intanto – premette la municipale – i consiglieri comunali hanno chiesto e ottenuto un emendamento. Dalla metà del 2018 in avanti abbiamo effettuato una quarantina di incontri con tutte le diverse Commissioni di quartiere che in alcuni casi abbiamo incontrato più volte, per poter definire i contenuti di questo messaggio e suddividere un credito che è appunto destinato a tanti edifici comunali. La Commissione dell’Edilizia ha chiesto uno specifico emendamento che precisa
come i crediti potranno essere utilizzati soltanto dopo aver nuovamente incontrato le Commissioni di quartiere che, pertanto, ora ci appresteremo a contattare». Qual saranno le priorità? «Alcuni stabili, sette, richiederanno interventi più estesi e l’impiego di crediti più importanti: quelli di Loreto, Castagnola, Gandria, Pazzallo, Pregassona, Sonvico e Valcolla. Per questi stabili dovremo prevedere opere di progettazione. Per altri 17 edifici si tratterà invece di procedere a piccoli interventi, che avvieremo presto. Le priorità sono già fissate dai Servizi, si procederà dapprima in quegli stabili dove già oggi c’è un grande utilizzo, penso ad esempio alla Casetta rossa del Circolo anziani a Pregassona, che durante la pandemia si è rivelata molto importante perché è stato organizzato un servizio pasti per le persone bisognose».

E a Gandria un progetto di Museo audiovisivo

Con quale tempistica interverrete? «Non sarà tutto immediato. Il credito dovrà essere suddiviso in più parti e lo utilizzeremo entro quattro anni. Chiaramente cercheremo di garantire una fruibilità degli spazi per tutti gli edifici già a corto termine, entro i primi due anni, con gli interventi più incisivi. Il tutto, poi, nel pieno rispetto di quanto già attualmente esiste. E in più sensibilizzando e aumentando le attività. Oltre al lavoro immobiliare del nostro dicastero dovremo collaborare ulteriormente con l’Ufficio quartiere, in primis, la Socialità e in parte la Cultura ed eventi, dal momento che in alcune case ci sono dei contenuti di rilevanza culturale: penso, ad esempio, all’ex Casa comunale di Gandria, dove c’è un progetto sviluppato dalla Commissione di quartiere volto a realizzare un Museo audiovisivo, come già esiste in Val Colla».

‘La Città è costituita di tante realtà che possono dialogare’

Intermediarie, fra il Dicastero Immobili e il progetto, sono essenzialmente le Commissioni di quartiere e, implicitamente, le associazioni attive nei rioni. «Si spera che con questo progetto possano nascere anche delle sinergie, un legame, fra quartieri» - evidenzia Cristina Zanini Barzaghi. «È molto difficile superare questa dimensione della Città formata dai 21 ex Comuni. Molti evocano ancora i tempi precedenti le aggregazioni. Ma occorre dire che molto di quanto i quartieri realizzavano in passato si è mantenuto. La Città è costituita di tante realtà che possono dialogare. Di qui deriva anche il fatto di aver scelto un nome in comune per questo progetto, “Spazio Insieme”. Si chiamano tutte case Spin ma ognuna è l’emanazione del proprio vissuto, del proprio quartiere. Un grosso tema è quello di rianimare i quartieri della “vecchia Lugano”, valorizzare quanto c’era di bello negli ex Comuni». Il progetto Spin appare di grande importanza. «Io sono molto contenta di questo traguardo. Oltre al credito di 3,3 milioni per le Case Spin, dovremo lavorare nel corso del 2021 anche per quattro oggetti che sono rimasti in sospeso: si tratta della Casa comunale di Carabbia, legata al concorso per la Piazza che al momento è fermo anche a causa di una mozione; la Villa Costanza a Viganello per la quale stiamo discutendo quali contenuti darle; la Casa Rossa di Pregassona, il cui edificio storico sarà recuperato, che s’inserisce nel Parco Viarno che vedrà la creazione di un ristorante, mentre lo stabile sarà destinato a spazi per associazioni; e la Casa di Cimadera dove vi è un progetto per far diventare questo luogo una locanda, come punto d’appoggio turistico legato alla parte alta della Val Colla». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved