case-di-quartiere-lugano-prepara-la-socialita-nei-rioni
TI-PRESS
Diventerà uno "Spazio Insieme"
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
11 min

Il temporale lascia ‘muto’ internet a Gudo

Ha provocato qualche disagio il fronte di maltempo che nella notte ha attraversato il nostro cantone
Ticino
25 min

Guasto tecnico alla linea Flüelen-Biasca, treni soppressi

Interrotto fino a nuovo avviso il traffico ferroviario da e per il Ticino sulla linea ad alta velocità. Convoglio dirottati su quella vecchia
Luganese
2 ore

Lidi e piscine nel Sottoceneri: dov’è l’acqua più ‘salata’?

Famiglie, persone in Avs, studenti: quanto pagano per una giornata di tuffi? Dall’economica Riva San Vitale alla chic Riva Caccia, viaggio fra le tariffe
Ticino
2 ore

‘Due milioni di franchi per proteggere gli allevamenti dal lupo’

Li chiede al Cantone una mozione di Gardenghi (Verdi), firmata anche dal Ps. Donati (Protezione dai grandi predatori): ‘Non servono soldi, ma meno lupi’
Bellinzonese
2 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Locarnese
9 ore

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
12 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
12 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
12 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
13 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
13 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
13 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
13 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
laR
 
04.01.2021 - 05:55

Case di quartiere, Lugano prepara la socialità nei rioni

Cristina Zanini: convocheremo presto le Commissioni per definire gli interventi nei 27 stabili denominati Spazio Insieme. Un progetto da 3,3 milioni

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La Città guarda al futuro e prepara la socialità nei quartieri della periferia. Dopo che il Consiglio comunale di Lugano ha dato luce verde, lo scorso 30 novembre, al credito di 3,3 milioni di franchi, l’autorità comunale si appresta a conferire concretezza al progetto denominato “Spin” – acronimo di “Spazio Insieme” – attraverso un nuovo lifting riservato a 27 stabili, perlopiù ex case comunali presenti nei rioni, che costituiranno luoghi pulsanti per le associazioni e le attività della popolazione.

Cristina Zanini Barzaghi, capo dicastero Immobili, come si svolgerà la fase realizzativa? «Intanto – premette la municipale – i consiglieri comunali hanno chiesto e ottenuto un emendamento. Dalla metà del 2018 in avanti abbiamo effettuato una quarantina di incontri con tutte le diverse Commissioni di quartiere che in alcuni casi abbiamo incontrato più volte, per poter definire i contenuti di questo messaggio e suddividere un credito che è appunto destinato a tanti edifici comunali. La Commissione dell’Edilizia ha chiesto uno specifico emendamento che precisa
come i crediti potranno essere utilizzati soltanto dopo aver nuovamente incontrato le Commissioni di quartiere che, pertanto, ora ci appresteremo a contattare». Qual saranno le priorità? «Alcuni stabili, sette, richiederanno interventi più estesi e l’impiego di crediti più importanti: quelli di Loreto, Castagnola, Gandria, Pazzallo, Pregassona, Sonvico e Valcolla. Per questi stabili dovremo prevedere opere di progettazione. Per altri 17 edifici si tratterà invece di procedere a piccoli interventi, che avvieremo presto. Le priorità sono già fissate dai Servizi, si procederà dapprima in quegli stabili dove già oggi c’è un grande utilizzo, penso ad esempio alla Casetta rossa del Circolo anziani a Pregassona, che durante la pandemia si è rivelata molto importante perché è stato organizzato un servizio pasti per le persone bisognose».

E a Gandria un progetto di Museo audiovisivo

Con quale tempistica interverrete? «Non sarà tutto immediato. Il credito dovrà essere suddiviso in più parti e lo utilizzeremo entro quattro anni. Chiaramente cercheremo di garantire una fruibilità degli spazi per tutti gli edifici già a corto termine, entro i primi due anni, con gli interventi più incisivi. Il tutto, poi, nel pieno rispetto di quanto già attualmente esiste. E in più sensibilizzando e aumentando le attività. Oltre al lavoro immobiliare del nostro dicastero dovremo collaborare ulteriormente con l’Ufficio quartiere, in primis, la Socialità e in parte la Cultura ed eventi, dal momento che in alcune case ci sono dei contenuti di rilevanza culturale: penso, ad esempio, all’ex Casa comunale di Gandria, dove c’è un progetto sviluppato dalla Commissione di quartiere volto a realizzare un Museo audiovisivo, come già esiste in Val Colla».

‘La Città è costituita di tante realtà che possono dialogare’

Intermediarie, fra il Dicastero Immobili e il progetto, sono essenzialmente le Commissioni di quartiere e, implicitamente, le associazioni attive nei rioni. «Si spera che con questo progetto possano nascere anche delle sinergie, un legame, fra quartieri» - evidenzia Cristina Zanini Barzaghi. «È molto difficile superare questa dimensione della Città formata dai 21 ex Comuni. Molti evocano ancora i tempi precedenti le aggregazioni. Ma occorre dire che molto di quanto i quartieri realizzavano in passato si è mantenuto. La Città è costituita di tante realtà che possono dialogare. Di qui deriva anche il fatto di aver scelto un nome in comune per questo progetto, “Spazio Insieme”. Si chiamano tutte case Spin ma ognuna è l’emanazione del proprio vissuto, del proprio quartiere. Un grosso tema è quello di rianimare i quartieri della “vecchia Lugano”, valorizzare quanto c’era di bello negli ex Comuni». Il progetto Spin appare di grande importanza. «Io sono molto contenta di questo traguardo. Oltre al credito di 3,3 milioni per le Case Spin, dovremo lavorare nel corso del 2021 anche per quattro oggetti che sono rimasti in sospeso: si tratta della Casa comunale di Carabbia, legata al concorso per la Piazza che al momento è fermo anche a causa di una mozione; la Villa Costanza a Viganello per la quale stiamo discutendo quali contenuti darle; la Casa Rossa di Pregassona, il cui edificio storico sarà recuperato, che s’inserisce nel Parco Viarno che vedrà la creazione di un ristorante, mentre lo stabile sarà destinato a spazi per associazioni; e la Casa di Cimadera dove vi è un progetto per far diventare questo luogo una locanda, come punto d’appoggio turistico legato alla parte alta della Val Colla». 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
quartiere spazio insieme
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved