ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
2 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
2 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
6 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
7 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
10 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
14 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
14 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
14 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
23 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
1 gior

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
1 gior

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
1 gior

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
laR
 
29.12.2020 - 06:00

Spari in Capriasca, ferito un cane: triste storia di Brando

L'animale è stato colpito settimana scorsa da un fucile da caccia fra Lopagno e Roveredo Capriasca. Il proprietario: ‘Era insanguinato, camminava a fatica’

spari-in-capriasca-ferito-un-cane-triste-storia-di-brando
Brando, vittima di spari settimana scorsa fra Lopagno e Roveredo Capriasca

Insanguinato, ferito, affaticato, spaventato. Ma con ancora la forza di volontà di dirigersi verso casa. È stato trovato così Brando, una sera di settimana scorsa, sulla strada Cantonale fra Lopagno e Roveredo Capriasca. A ferirlo, un fucile da caccia che gli ha conficcato fra trenta e quaranta pallini nella coscia della zampa posteriore destra. Oggi il bel pastore maremmano di dieci anni sta meglio, è ancora convalescente ma dovrebbe riprendersi a breve. A raccontarci l’accaduto è il padrone Mirko – che preferisce rimanere anonimo e per il quale utilizzeremo questo pseudonimo –, ancora incredulo di quanto accaduto all’amato animale pochi giorni prima di Natale.

‘Si è allontanato da noi di colpo’

«Siamo usciti, mia moglie ed io, dalla nostra abitazione a Roveredo Capriasca intorno alle 18, per il solito giro serale con i nostri tre cani. Siamo saliti per il paese in direzione monti e alla fine dell’abitato nella parte alta del paese, abbiamo continuato nel bosco salendo fino a raggiungere la strada sterrata che dai monti, attraversando il bosco, scende e raggiunge la strada Cantonale – spiega Mirko –. Verso metà strada, più o meno all’altezza del paese, Brando si è allontanato di colpo ed è rientrato nel bosco. Non ci siamo allarmati perché si tratta di un comportamento abbastanza abituale: si allontana e poi ritorna. Abbiamo continuato verso casa, pensando di ritrovarlo sul cammino. Arrivati alla nostra abitazione senza traccia del cane, abbiamo lasciato gli altri due in casa e siamo ripartiti alla ricerca di Brando».

‘L’abbiamo trovato insanguinato, camminava a fatica’

È a quel punto che sono iniziate le ricerche. «Ci siamo diretti in direzione di Lopagno, quando poco dopo abbiamo sentito due spari. Mia moglie si è un po’ spaventata, ed è quindi rientrata in casa. Io ho continuato a percorrere il sentiero nel bosco e tre minuti dopo mi ha chiamato mio figlio, che stava salendo a Roveredo in auto, dicendomi che c’era Brando insanguinato in strada che stava camminando a fatica. Ho subito preso l’auto e l’abbiamo portato alla clinica veterinaria di Manno». Quando hanno trovato Brando, Mirko e famiglia non hanno compreso subito come si fosse ferito. «Abbiamo fatto diverse ipotesi: che a ferirlo fosse stato un cinghiale, oppure un’automobile sulla strada o, come poi si è rivelato, che c’entrassero gli spari che abbiamo sentito. Questi ci hanno allarmati subito, ma ci sembrava strano che potesse essere un cacciatore: erano le 19 passate, era buio». E per altro, la stagione tardo-autunnale di caccia agli ungulati si era conclusa da pochi giorni.

‘Ha fra i 30 e i 40 pallini di piombo conficcati nel corpo’

A Manno, la conferma della terza ipotesi: Brando era stato impallinato. «Per sparargli è stato utilizzato verosimilmente un fucile da caccia caricato con cartucce da lepre. Dalla radiografia si è visto che ha un 30-40 pallini di piombo conficcati nell’arto posteriore destro. Lo hanno curato, gli hanno dato degli antidolorifici e la sera stessa siamo potuti rientrare a casa». La serataccia per l’animale non è tuttavia finita lì: nella notte ha vomitato dei resti di animale. «L’indomani mi ha bussato alla porta un vicino, venuto a interessarsi del cane. Gli abbiamo chiesto come faceva a sapere che non stesse bene e da lui abbiamo scoperto i retroscena dell’accaduto: Brando si è allontanato annusando degli odori provenienti da un sacchetto lasciato all’esterno di una casa nei paraggi del bosco, si trattava dei resti di un cinghiale. Ha iniziato a mangiarli, un uomo l’ha visto, ha preso il fucile e gli ha sparato».

‘Non lo si fa se non si è totalmente coscienti’

Ma perché hanno sparato a Brando? L’hanno scambiato per un cinghiale? «È bianco, non direi (ride, ndr)». Mirko esclude anche si sia trattato di un ‘regolamento di conti’, non trattandosi di un animale aggressivo: «Quando era giovane qualche problemino lo abbiamo avuto, sono cani territoriali, molto protettivi. Ma negli ultimi anni è diventato un cane molto più tranquillo». E allora perché? «L’uomo che gli ha sparato ci ha raccontato di essersi spaventato, che Brando gli avrebbe ringhiato contro e che non aveva intenzione di colpirlo: sarebbe stato ferito di rimbalzo. Io la penso diversamente, credo che sia una cosa che non si fa quando si è totalmente coscienti. Quanto accaduto fa tristezza».

Lo sparatore si è scusato

Dopo l’accaduto settimana scorsa Mirko ha contattato la Polizia Torre di Redde, ossia la Polizia comunale, che l’ha reindirizzato verso la Polizia cantonale. A questa, ieri, lo sparatore si è fatto avanti. «Ci siamo sentiti, si è scusato – conferma Mirko –. Gli ho detto che dovrebbe autosospendersi dalla caccia per i prossimi anni e di consegnare i fucili». E Brando? «Per due-tre giorni non ha mangiato, fa un po’ fatica ad alzarsi e in generale a camminare: ha pur sempre dieci anni. Continuiamo comunque a portarlo a passeggio, il veterinario ci ha consigliato di farlo. I pallini però resteranno nel corpo: si formerà una guaina tutt’attorno. Per fortuna non hanno toccato alcun organo vitale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved