spari-in-capriasca-ferito-un-cane-triste-storia-di-brando
Brando, vittima di spari settimana scorsa fra Lopagno e Roveredo Capriasca
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Incidente a Maggia: si cercano testimoni

Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Locarnese
5 ore

Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Mendrisiotto
18 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
20 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
21 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
21 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
21 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
22 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
22 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
22 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
22 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
22 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
22 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
22 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
23 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
laR
 
29.12.2020 - 06:00

Spari in Capriasca, ferito un cane: triste storia di Brando

L'animale è stato colpito settimana scorsa da un fucile da caccia fra Lopagno e Roveredo Capriasca. Il proprietario: ‘Era insanguinato, camminava a fatica’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Insanguinato, ferito, affaticato, spaventato. Ma con ancora la forza di volontà di dirigersi verso casa. È stato trovato così Brando, una sera di settimana scorsa, sulla strada Cantonale fra Lopagno e Roveredo Capriasca. A ferirlo, un fucile da caccia che gli ha conficcato fra trenta e quaranta pallini nella coscia della zampa posteriore destra. Oggi il bel pastore maremmano di dieci anni sta meglio, è ancora convalescente ma dovrebbe riprendersi a breve. A raccontarci l’accaduto è il padrone Mirko – che preferisce rimanere anonimo e per il quale utilizzeremo questo pseudonimo –, ancora incredulo di quanto accaduto all’amato animale pochi giorni prima di Natale.

‘Si è allontanato da noi di colpo’

«Siamo usciti, mia moglie ed io, dalla nostra abitazione a Roveredo Capriasca intorno alle 18, per il solito giro serale con i nostri tre cani. Siamo saliti per il paese in direzione monti e alla fine dell’abitato nella parte alta del paese, abbiamo continuato nel bosco salendo fino a raggiungere la strada sterrata che dai monti, attraversando il bosco, scende e raggiunge la strada Cantonale – spiega Mirko –. Verso metà strada, più o meno all’altezza del paese, Brando si è allontanato di colpo ed è rientrato nel bosco. Non ci siamo allarmati perché si tratta di un comportamento abbastanza abituale: si allontana e poi ritorna. Abbiamo continuato verso casa, pensando di ritrovarlo sul cammino. Arrivati alla nostra abitazione senza traccia del cane, abbiamo lasciato gli altri due in casa e siamo ripartiti alla ricerca di Brando».

‘L’abbiamo trovato insanguinato, camminava a fatica’

È a quel punto che sono iniziate le ricerche. «Ci siamo diretti in direzione di Lopagno, quando poco dopo abbiamo sentito due spari. Mia moglie si è un po’ spaventata, ed è quindi rientrata in casa. Io ho continuato a percorrere il sentiero nel bosco e tre minuti dopo mi ha chiamato mio figlio, che stava salendo a Roveredo in auto, dicendomi che c’era Brando insanguinato in strada che stava camminando a fatica. Ho subito preso l’auto e l’abbiamo portato alla clinica veterinaria di Manno». Quando hanno trovato Brando, Mirko e famiglia non hanno compreso subito come si fosse ferito. «Abbiamo fatto diverse ipotesi: che a ferirlo fosse stato un cinghiale, oppure un’automobile sulla strada o, come poi si è rivelato, che c’entrassero gli spari che abbiamo sentito. Questi ci hanno allarmati subito, ma ci sembrava strano che potesse essere un cacciatore: erano le 19 passate, era buio». E per altro, la stagione tardo-autunnale di caccia agli ungulati si era conclusa da pochi giorni.

‘Ha fra i 30 e i 40 pallini di piombo conficcati nel corpo’

A Manno, la conferma della terza ipotesi: Brando era stato impallinato. «Per sparargli è stato utilizzato verosimilmente un fucile da caccia caricato con cartucce da lepre. Dalla radiografia si è visto che ha un 30-40 pallini di piombo conficcati nell’arto posteriore destro. Lo hanno curato, gli hanno dato degli antidolorifici e la sera stessa siamo potuti rientrare a casa». La serataccia per l’animale non è tuttavia finita lì: nella notte ha vomitato dei resti di animale. «L’indomani mi ha bussato alla porta un vicino, venuto a interessarsi del cane. Gli abbiamo chiesto come faceva a sapere che non stesse bene e da lui abbiamo scoperto i retroscena dell’accaduto: Brando si è allontanato annusando degli odori provenienti da un sacchetto lasciato all’esterno di una casa nei paraggi del bosco, si trattava dei resti di un cinghiale. Ha iniziato a mangiarli, un uomo l’ha visto, ha preso il fucile e gli ha sparato».

‘Non lo si fa se non si è totalmente coscienti’

Ma perché hanno sparato a Brando? L’hanno scambiato per un cinghiale? «È bianco, non direi (ride, ndr)». Mirko esclude anche si sia trattato di un ‘regolamento di conti’, non trattandosi di un animale aggressivo: «Quando era giovane qualche problemino lo abbiamo avuto, sono cani territoriali, molto protettivi. Ma negli ultimi anni è diventato un cane molto più tranquillo». E allora perché? «L’uomo che gli ha sparato ci ha raccontato di essersi spaventato, che Brando gli avrebbe ringhiato contro e che non aveva intenzione di colpirlo: sarebbe stato ferito di rimbalzo. Io la penso diversamente, credo che sia una cosa che non si fa quando si è totalmente coscienti. Quanto accaduto fa tristezza».

Lo sparatore si è scusato

Dopo l’accaduto settimana scorsa Mirko ha contattato la Polizia Torre di Redde, ossia la Polizia comunale, che l’ha reindirizzato verso la Polizia cantonale. A questa, ieri, lo sparatore si è fatto avanti. «Ci siamo sentiti, si è scusato – conferma Mirko –. Gli ho detto che dovrebbe autosospendersi dalla caccia per i prossimi anni e di consegnare i fucili». E Brando? «Per due-tre giorni non ha mangiato, fa un po’ fatica ad alzarsi e in generale a camminare: ha pur sempre dieci anni. Continuiamo comunque a portarlo a passeggio, il veterinario ci ha consigliato di farlo. I pallini però resteranno nel corpo: si formerà una guaina tutt’attorno. Per fortuna non hanno toccato alcun organo vitale».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cane cani capriasca lopagno roveredo capriasca spari
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved