ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
14 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
17 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
19 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
22.12.2020 - 23:11
Aggiornamento: 23.12.2020 - 00:25

Lugano, passa il 'compromesso' sui posteggi

Ex Pestalozzi: 260 stalli e altri 140 solo sulla base di una superperizia del Politecnico di Zurigo. Accolti con critiche i 55,6 milioni per il Dsu.

lugano-passa-il-compromesso-sui-posteggi
Il posteggio ex Pestalozzi a Besso, il volto della futura sede del Dicastero servizi urbani (Ti-Press/laRegione)

Archiviato il preventivo 2021 con il moltiplicatore d'imposta fermo al 77% e alcune criticità rispetto alle quali ieri il sindaco di Lugano Marco Borradori e il titolare del Dicastero finanze Michele Foletti hanno fornito rassicurazioni, stasera in apertura di seduta, il Consiglio comunale di Lugano ha dato luce verde a un altro ingente investimento (di 55,6 milioni di franchi) per costruire la futura sede del Dicastero servizi urbani (Dsu) al piano della Stampa. E ha finalmente risolto, al terzo tentativo, la questione dei parcheggi all'ex Pestalozzi a Besso trovando una soluzione di compromesso che appare praticabile. Ma andiamo con ordine. Il legislativo ha respinto il terzo emendamento presentato dall'area rosso-verde, poi sono state sollevate dai consiglieri comunali Jacques Ducry (Indipendente) e Raoul Ghisletta (Ps) obiezioni sull'assenza di una base legale a fondamento della Sotell, società pubblica che sostiene le esigenze di occupazione dei giovani, offrendo opportunità di lavoro temporaneo. Il Municipio è stato invitato a evadere la mozione sulle società partecipate.

Via libera al terzo tentativo

Particolarmente complicato l'esame e l'approvazione della variante di Piano regolatore “StazLu2” per il comparto della Stazione Ffs e il rispettivo nodo intermodale. Dopo la seduta del febbraio 2019, le criticità sollevate in quella di giugno, e la sentenza del Consiglio di Stato, sono quattro i dispositivi sottoposti a una votazione 'a cascata'. Il primo è quello scaturito dalla commissione della Pianificazione che combacia con il messaggio municipale, il secondo è stato proposto dalla Gestione che chiede 260 posteggi (come il messaggio che li calcola in base a due perizie tecniche) e ulteriori 140 in caso di provata necessità sulla base di una 'superperizia' da affidare al Dipartimento specializzato del Politecnico federale di Zurigo. Il terzo allestito dall'Edilizia che, oltre alla superperizia, chiede che la superficie verde dei giardinetti di Besso e adiacenze sia compensata in modo integrale con aree verdi alberate, su suolo naturale e permeabile, create ex-novo, allo stesso livello di quota simile se non uguale della stazione di Lugano e nelle immediate vicinanze dei giardinetti di Besso. Quest'ultima proposta è stata rilanciata da Nicola Schönenberger (Verdi) sotto forma di emendamento che al primo giro ha però ottenuto meno voti (16) ed è stata esclusa. Al secondo turno, ha ricevuto meno consensi il dispositivo del Municipio e della Pianificazione (21) mentre al terzo giro è stato eliminato il rapporto della Gestione, per cui ha prevalso il dispositivo dell'Edilizia che compensa la perdita dei Giardinetti. Una soluzione che peraltro dovrà essere ratificata dal Consiglio di Stato.

Dicastero servizi urbani, nuova sede

Sono piovute critiche sull'eccessivo costo di 55 milioni di franchi chiesti per la nuova sede del Dsu al Piano della Stampa. Il trasferimento e il raggruppamento dei servizi è oggetto di discussioni e varie proposte dal lontano 2002. Una necessità riconosciuta da tutti in vista dei cambiamenti che subirà il nuovo quartiere di Cornaredo, dove c'è la 'casa' attuale del Dsu. Tuttavia, la spesa è stata ritenuta esagerata da numerosi consiglieri comunali soprattutto perché in occasione del voto, nel gennaio 2019, del credito di progettazione di circa 4,4 milioni di franchi) il Municipio, seppur in maniera sommaria, aveva stimato l'onere in 40 milioni mentre nel giro di pochi mesi l'investimento complessivo è lievitato a 60,1 milioni. Lo scostamento è di oltre il 50%, pari a 20 milioni di franchi. Parecchie le richieste di maggiore trasparenza e di prestare più attenzione al Municipio, ma alla fine il credito è stato votato (41 favorevoli, 5 contrari e 3 astenuti) con la consapevolezza di dare finalmente ai quasi 240 collaboratori una sede operativa confacente e funzionale al lavoro che svolgono. La struttura verrà edificata secondo gli standard Minergie®-A, quindi produrrà più energia di quanta ne consumi.  Dal canto suo, la titolare del Dicastero immobili Cristina Zanini Barzaghi ha precisato che l'indicazione sommaria è stata fatta in buona fede credendo di poter ottimizzare i costi, resta comunque complicato formulare stime prima della progettazione definitiva e degli approfondimenti successivi, mentre il titolare del Dsu Michele Bertini ha sottolineato l'importanza dell'opera. Votato anche, dopo numerosi interventi e un'altra votazione 'a cascata' il credito di 320'000 franchi per la conservazione dell'ex masseria Reali di Cadro (in particolare il rifacimento del tetto a rischio di crollo del bene culturale locale) che si trova in una situazione di degrado.

 

 

 

Leggi anche:

Lugano, preventivo in rosso verso il via libera

Lugano, criticità per i 859 milioni di investimenti

Lugano, quattrocento posteggi per l’ex Pestalozzi

Lugano, da rifare i conti sui posteggi all'ex Pestalozzi

Posteggi all'ex Pestalozzi, il legislativo è sovrano

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved