lugano-passa-il-compromesso-sui-posteggi
Il posteggio ex Pestalozzi a Besso, il volto della futura sede del Dicastero servizi urbani (Ti-Press/laRegione)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 min

Tesserete ancora senza ‘Or Penagin’

Municipio e associazione Carnevale rinunciano a causa dei timori legati all’andamento della pandemia. Questione in sospeso a Bellinzona
Locarnese
9 min

‘Azioni Kursaal, si proceda’. Ma occhio alla questione Casinò

Rischi minori dei benefici: la Gestione di Locarno favorevole all’acquisto delle quote dell’Otlmv da parte della Città, per diventare maggiore azionista
Grigioni
45 min

Ricordando il poeta di Mesocco Remo Fasani

Tra un anno la Pgi organizzerà una giornata di studio all’Università di Zurigo. Per partecipare sarà necessario l’invio e l’approvazione di un contributo
Mendrisiotto
1 ora

Corsie autostradali, anche Plr e Ps fanno muro contro l’Ustra

Dopo il Ppd altre forze politiche del Distretto si sollevano per dire ‘no’ all’area di sosta riservata ai Tir
Bellinzonese
1 ora

Una mostra per i cinquant’anni di Comunità familiare

L’esposizione è allestita nella sede di Bellinzona di Antenna Icaro ed è costituita da un ciclo di 12 opere
Ticino
2 ore

Salario minimo, prevale quello del Contratto normale di lavoro

Apparecchiature elettriche, il Tf respinge il ricorso di due ditte. Fanno stato gli importi previsti dal Cnl, in linea con quelli della legge
Bellinzonese
3 ore

Lavagne che cadono a Sementina: ‘Ora tutte ricontrollate’

L’episodio del 21 ottobre si è verificato nonostante la manutenzione estiva fatta dopo il primo caso primaverile. Per il Municipio un fatto inspiegabile
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘le ferie natalizie saranno sul ghiaccio’

Entro sera il danno all’impianto di CO2, trovato da una ditta specializzata, verrà riparato. La riapertura della struttura è prevista prima di Natale
Bellinzonese
4 ore

Aiuti alle associazioni, Bellinzona dovrà regolamentare

Accolta un po’ a sorpresa dal Cc la mozione Deraita-Calanca, contro il parere del Municipio e della Commissione legislazione
Ticino
4 ore

Studi medici e farmacie a disposizione per la dose di richiamo

Il Cantone potenzia il dispositivo per la somministrazione della dose di richiamo agli over 65 e si prepara per l’apertura a tutta la popolazione
Bellinzonese
4 ore

Patriziato di Carasso, via libera al preventivo 2022

L’assemblea ordinaria ha approvato i conti che prevedono un avanzo di esercizio di 271mila franchi
Bellinzonese
4 ore

Due serate sulla musica sul grande schermo

Organizza Abcd video Bellinzona. Due appuntamenti previsti il 2 e il 9 dicembre al Centro civico di Gorduno
Bellinzonese
4 ore

Pranzo Atte a Faido

L’appuntamento è venerdì 10 dicembre alle 12
Mendrisiotto
5 ore

In vista del Natale a Mendrisio si avrà il posteggio gratuito

La concessione è valida per i due autosili nel centro del Borgo. L’intento? Favorire la clientela dei commerci locali
Mendrisiotto
5 ore

Morbio Inferiore celebra l’Immacolata Concezione

La solennità sarà ricordata mercoledì 8 dicembre con tre messe nel Santuario di Santa Maria dei Miracoli
Luganese
22.12.2020 - 23:110
Aggiornamento : 23.12.2020 - 00:25

Lugano, passa il 'compromesso' sui posteggi

Ex Pestalozzi: 260 stalli e altri 140 solo sulla base di una superperizia del Politecnico di Zurigo. Accolti con critiche i 55,6 milioni per il Dsu.

Archiviato il preventivo 2021 con il moltiplicatore d'imposta fermo al 77% e alcune criticità rispetto alle quali ieri il sindaco di Lugano Marco Borradori e il titolare del Dicastero finanze Michele Foletti hanno fornito rassicurazioni, stasera in apertura di seduta, il Consiglio comunale di Lugano ha dato luce verde a un altro ingente investimento (di 55,6 milioni di franchi) per costruire la futura sede del Dicastero servizi urbani (Dsu) al piano della Stampa. E ha finalmente risolto, al terzo tentativo, la questione dei parcheggi all'ex Pestalozzi a Besso trovando una soluzione di compromesso che appare praticabile. Ma andiamo con ordine. Il legislativo ha respinto il terzo emendamento presentato dall'area rosso-verde, poi sono state sollevate dai consiglieri comunali Jacques Ducry (Indipendente) e Raoul Ghisletta (Ps) obiezioni sull'assenza di una base legale a fondamento della Sotell, società pubblica che sostiene le esigenze di occupazione dei giovani, offrendo opportunità di lavoro temporaneo. Il Municipio è stato invitato a evadere la mozione sulle società partecipate.

Via libera al terzo tentativo

Particolarmente complicato l'esame e l'approvazione della variante di Piano regolatore “StazLu2” per il comparto della Stazione Ffs e il rispettivo nodo intermodale. Dopo la seduta del febbraio 2019, le criticità sollevate in quella di giugno, e la sentenza del Consiglio di Stato, sono quattro i dispositivi sottoposti a una votazione 'a cascata'. Il primo è quello scaturito dalla commissione della Pianificazione che combacia con il messaggio municipale, il secondo è stato proposto dalla Gestione che chiede 260 posteggi (come il messaggio che li calcola in base a due perizie tecniche) e ulteriori 140 in caso di provata necessità sulla base di una 'superperizia' da affidare al Dipartimento specializzato del Politecnico federale di Zurigo. Il terzo allestito dall'Edilizia che, oltre alla superperizia, chiede che la superficie verde dei giardinetti di Besso e adiacenze sia compensata in modo integrale con aree verdi alberate, su suolo naturale e permeabile, create ex-novo, allo stesso livello di quota simile se non uguale della stazione di Lugano e nelle immediate vicinanze dei giardinetti di Besso. Quest'ultima proposta è stata rilanciata da Nicola Schönenberger (Verdi) sotto forma di emendamento che al primo giro ha però ottenuto meno voti (16) ed è stata esclusa. Al secondo turno, ha ricevuto meno consensi il dispositivo del Municipio e della Pianificazione (21) mentre al terzo giro è stato eliminato il rapporto della Gestione, per cui ha prevalso il dispositivo dell'Edilizia che compensa la perdita dei Giardinetti. Una soluzione che peraltro dovrà essere ratificata dal Consiglio di Stato.

Dicastero servizi urbani, nuova sede

Sono piovute critiche sull'eccessivo costo di 55 milioni di franchi chiesti per la nuova sede del Dsu al Piano della Stampa. Il trasferimento e il raggruppamento dei servizi è oggetto di discussioni e varie proposte dal lontano 2002. Una necessità riconosciuta da tutti in vista dei cambiamenti che subirà il nuovo quartiere di Cornaredo, dove c'è la 'casa' attuale del Dsu. Tuttavia, la spesa è stata ritenuta esagerata da numerosi consiglieri comunali soprattutto perché in occasione del voto, nel gennaio 2019, del credito di progettazione di circa 4,4 milioni di franchi) il Municipio, seppur in maniera sommaria, aveva stimato l'onere in 40 milioni mentre nel giro di pochi mesi l'investimento complessivo è lievitato a 60,1 milioni. Lo scostamento è di oltre il 50%, pari a 20 milioni di franchi. Parecchie le richieste di maggiore trasparenza e di prestare più attenzione al Municipio, ma alla fine il credito è stato votato (41 favorevoli, 5 contrari e 3 astenuti) con la consapevolezza di dare finalmente ai quasi 240 collaboratori una sede operativa confacente e funzionale al lavoro che svolgono. La struttura verrà edificata secondo gli standard Minergie®-A, quindi produrrà più energia di quanta ne consumi.  Dal canto suo, la titolare del Dicastero immobili Cristina Zanini Barzaghi ha precisato che l'indicazione sommaria è stata fatta in buona fede credendo di poter ottimizzare i costi, resta comunque complicato formulare stime prima della progettazione definitiva e degli approfondimenti successivi, mentre il titolare del Dsu Michele Bertini ha sottolineato l'importanza dell'opera. Votato anche, dopo numerosi interventi e un'altra votazione 'a cascata' il credito di 320'000 franchi per la conservazione dell'ex masseria Reali di Cadro (in particolare il rifacimento del tetto a rischio di crollo del bene culturale locale) che si trova in una situazione di degrado.

 

 

 

© Regiopress, All rights reserved