casino-di-campione-il-comune-gioca-le-sue-carte
La casa da gioco chiusa dal luglio 2018 (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
24 min

Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo

In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
14 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
16 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
16 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
16 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
16 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
16 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
16 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
17 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
18 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
16.12.2020 - 20:21

Casinò di Campione, il Comune gioca le sue carte

In vista dell'udienza del Tribunale di Como, il Consiglio comunale approva l'ordinanza che stabilisce gli indirizzi per l’assemblea dei soci

di Marco Marelli

«Il fallimento del Casinò non porterebbe a niente: per cui lo dobbiamo evitare, per dare un futuro a questa comunità» ribadisce Roberto Canesi, sindaco di Campione d'Italia, nell'introdurre la seduta del Consiglio Comunale in vista dell'udienza del Tribunale civile di Como, chiamato a discutere la rinnovata istanza di fallimento della Casinò Campione d'Italia, la società di gestione della casa da gioco, presentata dalla Procura lariana. Con una ordinanza approvata all'unanimità, il Consiglio comunale ha fissato gli ''indirizzi cui l’assemblea dei soci del Casinò dovrà attenersi, al fine di poter depositare memorie scritte entro domani, 17 dicembre'' al tribunale di Como, che esaminerà la nuova istanza di fallimento. Innanzitutto, il Consiglio comunale, con l'ordinanza ha dato spessore e valenza giuridica ''all'organo amministrativo (Marco Ambrosini, amministratore delegato) e ai componenti del collegio sindacale della società, attualmente in regime di proroga''.

C'è la bozza di piano industriale ed economico

Organo amministrativo che prima ancora del pronunciamento, risalente allo scorso 3 dicembre, della Corte di Cassazione che ha innescato il nuovo procedimento davanti ai giudici di Como, dal sindaco Canesi aveva ricevuto l'incarico di individuare le opportune condizioni per il più celere possibile riavvio dell’attività della società partecipata a tutela degli interessi comunali e dell’occupazione locale. In questa ottica, si colloca l'indirizzo che impegna Marco Ambrosini a proporre ai giudici fallimentari in primis di valutare la precedente richiesta di procedura di concordato preventivo tuttora in essere. Se questa richiesta non dovesse essere accolta, l'amministratore delegato provvederà a presentare una nuova domanda di concordato preventivo. Per convincere i giudici fallimentari a concedere alla Casinò Campione d'Italia di percorrere, attraverso il concordato preventivo, la strada della riapertura della casa da gioco, chiusa dal 28 luglio 2018, con conseguenze che hanno devastato l'intera comunità campionese, Marco Ambrosini non si presenta a mani vuote. Ma con una bozza di piano industriale e economico, che prevede anche una simulazione di rientro dei debiti sulla cui entità (175 milioni di euro) gioca la Procura lariana. Un piano che fa leva anche sulla disponibilità (non verbale, ma scritta) di una mezza dozzina di gruppi internazionali del gioco d'azzardo che hanno manifestato interesse per la casa da gioco dell'enclave.

Targhe svizzere, trovato l'accordo

Roma e Berna, a livello di Ministeri degli Esteri, hanno trovato un accordo che sarà firmato domani venerdì 18 dicembre, su un problema molto avvertito dai campionesi. Quello delle targhe svizzere. Autovetture, moto e furgoni dei residenti nell'enclave sono targate Ticino. Con l'entrata nello spazio doganale europeo di Campione d'Italia i cittadini dell'enclave dal prossimo gennaio avrebbero dovuto stargare i loro mezzi e rinnovare l'immatricolazione in Italia, con costi non indifferenti. L'accordo prevede che per due anni i campionesi potranno continuare a circolare con i loro mezzi targati Ticino. I leasing andranno a scadenza. Nei prossimi due anni Roma busserà a Bruxelles per trovare una soluzione meno complicata e costosa per tutti i problemi sorti a Campione d'Italia a seguito dell'inclusione dell'enclave nello spazio doganale europeo.

Leggi anche:

La Cassazione annulla il fallimento del casinò di Campione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campione casinò consiglio comunale ordinanza udienza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved