laRegione
lugano-brutto-colpo-per-la-curia-vescovile
Il Borghetto, dova abita l'alto prelato fermato
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
27 min

Con Bellinzona360 la vecchia carta coi timbri va in pensione

La tessera di legittimazione cartacea con foto verrà sostituita dal primo gennaio. In arrivo anche un account online 'e-cittadino'
Ticino
1 ora

Scoperto maxi traffico internazionale di canapa e hashish

Dal 2014 si sono messi in circolazione oltre 2mila chili di sostanze per 3 milioni di franchi. Cinque persone in manette
Mendrisiotto
1 ora

Riva San Vitale, dai volontari i buoni spesa per chi è in difficoltà

L'iniziativa è di un gruppo di privati cittadini: buoni spesa da utilizzare nei tre punti vendita del Comune
Ticino
2 ore

Altri 128 positivi al Covid-19 in 24 ore

In calo contagi e ricoveri, ma anche i dimessi. Dimezzati i decessi rispetto a domenica
Ticino
3 ore

Meno suolo occupato nel fondovalle del Ticino

Nella fotografia dell'Osservatorio dello sviluppo territoriale la crescita è rallentata dalla politica del Piano direttore. Si riducono ancora terreni agricoli e verde
Locarnese
6 ore

Centovalli, dopo le incertezze, il ‘nuovo corso’

Il preventivo 2021 risentirà sicuramente del contraccolpo legato all'emergenza sanitaria. Ma il futuro passa, per le sue ricadute, dalle nuove funivie
Luganese
6 ore

Virus, prima ondata: 17 studenti di Lugano scrivono un libro

Dialoghi, prose e poesie prodotti dagli allievi della maturità professionale su iniziativa della docente, Georgia Fioroni
Ticino
6 ore

Il gesto del gioco d’azzardo nella quotidianità

Con il periodo delle festività i centri commerciali spesso propongono anche lotterie e gratta e vinci gratuiti per scopi pubblicitari
Mendrisiotto
16 ore

All'Obv è aperta la 'caccia' all'origine del contagio

Aumentati i casi di Covid fra pazienti e personale, la chiusura ai famigliari è una misura obbligata. Intanto, le strutture ospedaliere sentono la pressione
Bellinzonese
16 ore

Imprese responsabili, insuperabile lo scoglio dei cantoni

Iniziativa accolta dalla maggioranza del popolo, ma respinta da 14 cantoni e mezzo. Via libera al controprogetto. Keller-Sutter: varie questioni aperte.
Mendrisiotto
16 ore

A Balerna s'inventano la Rassegna da... asporto

I ragazzi della 'Sgüra Fest' e un gruppo di esercenti lanciano una iniziativa ispirata al Gallo
Bellinzonese
17 ore

Bellinzona, ‘provocatorio il comportamento dei manifestanti’

Il Municipio replica alle critiche riportate in un'interpellanza sul controllo di polizia effettuato il 27 ottobre davanti a una banca in centro città
Ticino
17 ore

I ticinesi sono stati i più stressati durante il lockdown

Un sondaggio sulle abitudini alimentari mostra pure che a Sud delle Alpi il 48% era preoccupato di non trovare alcuni alimenti nei supermercati
Luganese
22.11.2020 - 12:130
Aggiornamento : 14:28

Lugano, brutto colpo per la curia vescovile

Mentre la Diocesi si chiude a riccio sul fermo dell'alto prelato, emergono nuovi particolari di una vicenda che presenta tanti aspetti misteriosi

È un brutto colpo per la curia vescovile e per i fedeli il fermo di don Azzolino Chiappini, 80 anni, da parte delle autorità inquirenti con accuse pesanti. Nessuna delle persone che abbiamo incontrato stamattina prima della messa delle 10 in Cattedrale ha voglia di commentare l'accaduto. Un interlocutore vicino alla Diocesi ci racconta che, negli ultimi tempi, avevano fatto discutere all'interno della stessa alcuni comportamenti strani di don Chiappini. Il monsignore aveva infatti persino rifiutato alcuni interventi di manutenzione ordinaria alla sua abitazione (al Borghetto 2) accanto alla cattedrale: oltre alla revisione dell'impianto elettrico, si era opposto alla sostituzione delle gelosie delle finestre. Nemmeno il vescovo Valerio Lazzeri intende rilasciare dichiarazioni. L'addetto stampa della curia vescovile rimanda alla nota diramata ai media nella quale si conferma l'avvio di un'indagine "nei confronti di un Presbitero incardinato nella Diocesi di Lugano. Le ipotesi di reato sono quelle di sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per condotta omissiva e di aver “garantito piena collaborazione agli inquirenti". A conferma dell'imbarazzo che sta suscitando la vicenda, il vicario generale don Nicola Zanini, in una nota diffusa nell'ambiente, a nome del vescovo, chiede "fraternamente di evitare qualsiasi dichiarazione pubblica sull'argomento e di indirizzare tutte le richieste che potreste ricevere dai media in questi giorni al nostro addetto stampa".

Diverse domande ancora senza risposta

Un silenzio che fa parecchio rumore secondo alcuni, siccome don Azzolini riveste un ruolo di alto livello nella Diocesi. Da anni, negli ambienti vicini alla Diocesi si sapeva dell'esistenza della donna, 48 anni, di origine finlandese, stando al 'Caffé' di oggi. Probabilmente nessuno era a conoscenza del fatto che fosse in Svizzera senza permesso. Ci si chiede come mai siano passati oltre dieci anni, prima che qualcuno segnalasse la situazione a chi di dovere. Un mancato intervento che continuerà a far discutere. Per il momento, il Presbiterio incaricato resta formalmente in stato di fermo. La procuratrice pubblica Pamela Pedretti, titolare dell’inchiesta, lo ha già interrogato e dovrà valutare se chiedere al giudice dei provvedimenti coercitivi di tradurre il fermo in arresto per approfondire i lati oscuri della vicenda. Secondo il domenicale, quella che si presume fosse diventata la sua perpetua, sarebbe entrata in contatto attraverso corsi teologici online con don Chiappini che circa dodici anni fa l'avrebbe accolta nell’appartamento della Curia che fu di don Poretti. Il religioso pare che rispondesse che la donna era sua cugina o una parente a chi gli chiedeva spiegazioni. Impossibile sapere quali fossero i rapporti fra i due che vivevano nella stessa casa. L'ipotesi reato di sequestro di persona e coazione evoca sinistre interpretazioni.

Un fitto curriculum

Dal sito della facoltà di teologia di Lugano si apprende che don Azzolino Chiappini è pro-Rettore della stessa e professore emerito di teologia fondamentale. Ha svolto i suoi studi a Roma e in Svizzera (a Friburgo), con specializzazione in teologia biblica (licenza) e in teologia fondamentale (dottorato, Roma Pontificia Università Gregoriana). Nel 1966-1967 ha insegnato teologia fondamentale e greco biblico alla scuola teologica del Seminario della Diocesi di Lugano. Fino al 1984 ha tenuto corsi annuali di formazione per i laici (insegnamento: Introduzione alla Bibbia) a Lugano e a Novara. Negli anni dal 1975 al 1978 è stato “conseiller d’études” alla facoltà di teologia dell’Università di Friborgo (Tutor, Introduzione alla metodologia, Proseminario di introduzione alla storia d’Israele e all’Antico Testamento). È docente stabile alla facoltà di teologia di Lugano sin dalla fondazione dell'Istituto (1992), poi come detto è stato insegnito della carica di professore ordinario di teologia fondamentale. Già membro della Commissione teologica della Conferenza episcopale svizzera e della Commissione di dialogo tra la chiesa cattolica e la chiesa riformata svizzera; della Commissione di dialogo chiesa cattolica-giudaismo. Nel 2008 viene nominato Rettore della Facoltà di Teologia di Lugano. Nel 2010 è stato insignito del Dottorato honoris causa dalla Facoltà di Teologia ortodossa dell’Università statale Ovidius di Constanta (Romania). È stato iex vicario generale della Diocesi. Autore di diversi saggi, è stato inoltre relatore in importanti convegni religiosi. Originario di Brissago, venne ordinato sacerdote nel 1965. L'anno successivo, il vescovo di Lugano Angelo Jelmini gli assegnò una cattedra in seminario, a Lugano.

© Regiopress, All rights reserved