smascherata-la-movida-luganese-ma-gli-agenti-attendono-lumi
TI-PRESS
Roberto Torrente
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
13 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
19 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
19 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
1 gior

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
1 gior

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
11.11.2020 - 06:00
Aggiornamento : 14:51

Smascherata la Movida Luganese. Ma gli agenti attendono lumi

Il comandante della polizia cittadina: ‘Sabato sera, dopo chiusura dei bar, raduni fino a 250 giovani in Pensilina’. E molti locali tendono a diventare discoteche

Come si concilia la Movida Luganese con i nuovi limiti imposti da Consiglio federale e Cantone - discoteche off limits e bar chiusi alle 23? Vengono rispettate le distanze sociali e l'obbligo della mascherina? Quali sanzioni vengono messe in atto per i trasgressori? Lo chiediamo a Roberto Torrente, comandante della polizia città di Lugano. «È un punto che stiamo proprio discutendo con il Cantone. Se si è di fronte a problemi sporadici si può anche ipotizzare un intervento di polizia che contempla una procedura particolarmente complicata, perché dal momento che non siamo più nello stato di emergenza non esiste più la multa disciplinare che aveva decretato il Consiglio federale ma siamo legati alla legge sulle pandemie, per cui dobbiamo seguire una classica procedura ordinaria». Cosa significa in concreto? «Significa che dobbiamo fermare le persone, verbalizzarle e seguire tutta la procedura che arriva fino al procuratore pubblico. Allora sorge spontanea una riflessione: se dovessimo infliggere multe a tutte le persone che girano senza mascherina, la Magistratura sarebbe intasata per questo tipo di problema».

‘Chiudere i bar non risolve il problema’

Un altro problema riguarda gli assembramenti dei giovani. «Siamo confrontati con aggregazioni di giovani che per numero e tipologia non permettono di svolgere un intervento con soli due agenti, ma si dovrebbe intervenire differentemente. Probabilmente non è questa la tattica giusta. Sensibilizzare al problema con una segnaletica e cartelli non è sufficiente, soprattutto se penso a quante persone si radunano alla Pensilina dei bus dopo la chiusura dei bar. Sabato scorso abbiamo contato 250 giovani, la maggior parte dei quali senza mascherina».

Quali misure adottate in questi casi?

 «In questi giorni questi luoghi sono oggetto di monitoraggio da parte nostra. In collaborazione con la polizia cantonale, cerchiamo di capire cosa possiamo fare per ottenere il rispetto delle normative anti-Covid». «In Italia - prosegue Torrente - si sono mossi diversamente. Non voglio riferirmi al loro modello, ma dopo la chiusura dei bar hanno introdotto il coprifuoco. Noi, invece, per assurdo, chiudiamo i locali pubblici ma non ci rendiamo conto che questo non risolve il problema e, anzi, non fa che spostarlo, perché comunque la Movida giovanile ha questa necessità di trovarsi - più che legittima... D'altra parte mancano i centri di aggregazione per questi giovani». 

Multe ordinarie ne avete inflitte in questo periodo? 

«Per il momento abbiamo dato diversi ammonimenti - oltre 55 - ma vere e proprie multe no, salvo alcuni singoli casi isolati. Quando ci troviamo invece di fronte a situazioni, quali i raduni alla Pensilina, non è così semplice intervenire. Il problema va approfondito maggiormente. Dobbiamo chiederci perché i giovani si radunano alla Pensilina e cosa possiamo fare affinché non vi siano posti di assembramento così numerosi. Sono certo che questo stesso problema si verifica anche negli altri centri del Cantone, Bellinzona, Locarno...». A Lugano, altri luoghi, dopo la chiusura dei bar, diventano luoghi di assembramento, come la piazza di Molino Nuovo.

Qual è invece la situazione negli esercizi pubblici?

«Abbiamo molti esercizi pubblici che hanno avuto la possibilità di estendere il perimetro di occupazione di area pubblica, allestire gazebi, luoghi favoriti anche da un autunno ancora piuttosto mite la sera e che in questo periodo sono strapieni. Qui, da quanto posso constatare, le normative anti-Covid non sono particolarmente rispettate. I giovani si muovono e il rispetto delle distanze sociali viene meno. Dovrebbero stare, come da disposizione del Consiglio federale, in quattro a un tavolo e non più muoversi. Ma chiedere a un giovane di stare fermo, come si fa?». Nella sua radiografia della Movida Luganese, il comandante Torrente aggiunge: «Un altro aspetto sul quale dobbiamo stare attenti riguarda diversi bar che in questo momento hanno la tendenza a trasformarsi in "discoteche". Chiamano i Dj. E anche questo è un aspetto che pone a rischio il distanziamento sociale e che dovremo ancora una volta analizzare con il Cantone e l'Ufficio dei permessi. Lo scorso week end abbiamo avuto ad esempio un locale che ha chiamato un Dj ed è stato un disastro dal profilo sanitario: gente che ballava, assolutamente proibito in questo periodo». Informa il comandante della polizia città di Lugano: «Il Cantone sta cercando in questo momento di portare avanti uno snellimento della procedura sulle nuove disposizioni d'intervento. Dal mio punto di vista o ne veniamo fuori con una multa disciplinare (100 franchi, ndr.) che semplifica il problema o diventa veramente difficile l'esecuzione della misura. Basti dire che se io attuo una procedura oggi, significa che fintanto che il procuratore pubblico possa adottare una decisione, trascorrono settimane e allora la misura non ha più troppo senso».  

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved